Recensione – “Il buio dell’anima” di A. D. Viga

Cari lettori, so che aspettavate con ansia la novità di A. D. Viga, e sapete che non resisto di fronte ad un suo romanzo… Uno scritto che vi sorprenderà per la trama e uno stile più… Tutto da scoprire! Vi presento “Il buio dell’anima”.

Sinossi

Karen Astolfi, venticinquenne con la quale la vita non è mai stata particolarmente generosa, si ritroverà a vivere una favola dolce amara. Cresciuta tra orfanotrofio e famiglie affidatarie, vittima di molestie e scampate violenze fisiche, non appena diventa maggiorenne riesce a mantenersi con lavoretti umili. La passione per la scrittura le regalerà grandi soddisfazioni e grazie all’autopubblicazione racimolerà mensilmente un piccolo stipendio che le permette di vivere dignitosamente. La vera svolta arriverà con due notizie che le cambieranno la vita, letteralmente. Saranno come un fulmine a ciel sereno che la rassereneranno… Ma dietro l’angolo il pericolo incombe minacciosamente su Karen. Incontrerà un uomo che la porterà sul baratro dell’inferno, pronto a spingerla verso il punto di non ritorno. Riuscirà qualcuno a farle amare nuovamente la vita o il buio che ha invaso la sua anima si rivelerà fatale per Karen? Una storia di forza, di paura e di speranza che non lascia nulla al caso. Carico di erotismo puro, vi farà sobbalzare i sensi, risucchiandovi in un vortice di indelebile passione.

  • Titolo: Il buio dell’anima
  • Autore: A. D. Viga
  • Genere: Romance contemporaneo
  • Editore: Self-publishing
  • Pagine: 262
  • Prezzo: 1,99 ebook
  • Prezzo cartaceo: 10 euro

Uscita 3 LUGLIO 2019 solo su Amazon.

Copia gentilmente offerta dall’autrice.

La vita di Karen Astolfi, è come un’altalena… parte da terra e poi le emozioni e le novità la portano a volare, fino a quando non riatterra, con un tonfo, che lascia segni evidenti nel corpo e indelebili nell’anima. Non conosce l’affetto ma prova a regalarselo, ingannando due uomini, vittime della brama di arrivare…

“Avevo a disposizione due degli uomini più appetibili della Toscana.”

“Mi ero invischiata in una situazione troppo complicata dove si intersecavano inciuci e bugie e la regista di questa trama contorta ero proprio io.”

Scrive. Autrice self di gran successo, vive con l’intento di dar luce alla sua conturbante protagonista e cercando ispirazione, si imbatte in due figure così diverse tra loro. Federico, giovane fruttivendolo alla ricerca di un sogno e Jacopo, uomo “maturo” alla scoperta di sogni da distruggere. Due uomini agli antipodi, che attraverso giochi di seduzione, riusciranno ad ammaliarla, mettendola su una via impervia, lastricata di ostacoli… dalla quale, per uscirne, servirà sfoderare tanta forza di volontà…

… se non fosse che per un momento ha pensato di arrendersi. Ma Bubu è stato messo sulla sua via, da quel destino che ha provato ad ingannarla e redimerla. Un piano, ben escogitato, cambierà i connotati ad una storia già scritta, regalando l’epilogo insperato.

Dopo aver incontrato Raul Calabresi, in a Fuego lento, prima da self poi rieditato e rimesso in luce dalla Queen Edizioni, non ho più mollato la penna di questa autrice. Lineare, sorprendente e accattivante, ti cattura e ti porta sempre dove vuole lei. Ho conosciuto, nel tempo, tante versioni di A. D. Viga. Una sola donna, capace di affrontare tematiche sempre diverse e profonde. A parer mio stavolta è stato più difficile ed ha richiesto anche un approccio diverso…

I personaggi rilevanti sono tre, e si muovono su un infuocato triangolo. Devo dire che ho trovato difficoltà a comprendere ed accettare la psicologia di Karen. Ragazza che ha sofferto e che ce la fa da sola realizzandosi come scrittrice, vuota e “scialba” nell’ animo. Atea all’inverosimile, si crede l’ultima Dea scesa in terra, sicuramente favorita dall’ “aiuto” e dalla presenza negativa di Jacopo. Un mix letale creato da una coppia male assortita. Questo è il quadro generale di Karen, che ho accettato insieme a qualche scena un po’ troppo infuocata, mentre la sua figura si andava delineando capitolo dopo capitolo. Descrizione necessaria per l’autrice, per tessere questa trama, come vi ho già detto, particolare. Federico Fuentes dal canto suo, rappresenta, nella sua giovane età, una ventata di freschezza e tanto buon senso, quello che manca alla protagonista ma con la quale, anche se tardi, verrà contagiata.

Tratti contrastanti e necessari per comprendere ogni decisione di Karen. Una bella idea, soprattutto come dice l’autrice…

… un monito per tutte quelle persone che si ritrovano disperate e sole ad affrontare un periodo nero, in seguito (…), che inevitabilmente avrà devastato il loro equilibrio psico-fisico.”

Ho lasciato volutamente i puntini per non spoilerare il motivo. Mi è piaciuto molto il tema affrontato, il baratro dal quale Karen ha dovuto venir fuori. Avrei preferito approfondire qualche argomento, tipo la “conversione” di due personaggi, qualche pagina in più per entrare e calarmi in quelle sofferenze, cogliendo appieno stati d’animo e di conseguenza accettare interamente determinate decisioni. Idea geniale nel complesso, romanzo che consiglio, motivo di scambio di idee e punti di vista. Ho la sensazione che tutti loro hanno ancora molto da dirci, quindi confortatevi con questo bellissimo epilogo, perché sono sicura che qualche equilibrio sarà ri-messo a dura prova.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close