Recensione: “Speed Date” di Scarlett Reese

Finalmente è arrivato il momento. Si apre con il nuovo romanzo di Scarlett Reese, la nuova collana Spicy Romance per la Dri Editore. Felicissima di riassaporare una penna fresca e “piccante”. Sembra una contraddizione, a voi ora, smentirmi 😉 .

Sinossi

A cosa servono le amiche, se non a convincerti che una notte di sesso occasionale ti farà dimenticare il tuo ex?
È per questo motivo che Lucinda Hill, controvoglia, partecipa a uno speed date sull’elegante terrazzo del Novotel. Il suo interesse però si accende quando di fronte a lei prende posto William Shaw: bellissimo, sfacciato e dannatamente sexy. Il pretendente ideale…
Tra loro si scatena una passione impossibile da saziare in una sola notte, e quello che doveva essere un piacere occasionale si trasforma in un legame molto più forte. E se il loro incontro non fosse stato solo un regalo del destino? Sesso, bugie, tradimenti, segreti… l’amore a volte si manifesta attraverso percorsi inaspettati. Siete pronti per partecipare allo speed date?

  • Titolo: Speed Date
  • Autore: Scarlett Reese
  • Collana: Spicy Romance (vol.1)
  • Editore: Dri Editore
  • Genere: Contemporaneo
  • Numero pagine: 180
  • Formati disponibili: ebook 2.99/ cartaceo 12.99
  • Lancio ufficiale: 5 agosto

“Vi presento William Shaw l’insaziabile, signori e signore.”

Lui chi è? Urlerebbe un famoso cantante. Beh, tranquilli, gli rispondo io. William, o semplicemente Will per gli amici, si professa fotografo giramondo, sapete, quelli tipo… che lavorano per il National Geografic. E’ rimasto un po’ sul vago, ma così almeno ho capito, dicendo che è prossimo a partire per la Bolivia. Io?

“Io, Lucinda Ellison Hill, ho fatto sesso occasionale con uno sconosciuto per la prima volta in ventotto anni

Aspettate, le rubo la parola, altrimenti parte in quarta e vi dice tutto prima del tempo. Un appuntamento al buio, sarebbe stata l’ultima cosa che avrebbe preso in considerazione se non fosse che l’amica Jenny l’ha trascinata quasi con la forza a quello Speed Date, sapete dove in una manciata di minuti avviene una conoscenza, prendere o lasciare. Lucy afflitta dal peso costante di un bel paio di corna, sembra decisa a chiudere le porte a qualsiasi maschio sulla faccia della Terra… Ma se al Novotel, quella sera, le si presenta davanti un esemplare maschio maschio maschio, la decisione più saggia è quella di sganciarla senza remore. Attenzione, mica quella sera…

Strafigo, pieno di se, forte di una bellezza disarmante quanto lo è la sua sfrontatezza… al contrario di Will, Lucy è introversa, con i piedi per terra, metodica e di una sfacciata semplicità.

“… mi raggiunge con i suoi stivaletti bassi, degli shorts di jeans e una canotta morbida e scollata. Ne approfitto per farle una bella radiografia. Ha i capelli scuri legati alla buona in uno chignon, con ciocche più chiare che spuntano qua e là incorniciandole il viso. Zigomi alti, occhi verdi, labbra carnose e nasino alla francese. Tette ben proporzionate alla vita minuta, gambe snelle e toniche… Direi che non mi è andata affatto male.”

Ma la quasi dottoressa è lei, e lui non è sicuramente un radiologo, sembra più un sarto da come ha preso le misure. Dicevamo, niente in comune eppure si danno appuntamento per un evento da entrambi tanto atteso!

Un concerto che non finisce come deve… ma che termina tra il fuoco e le fiamme della passione. Che dura giorni, settimane, fino a che il dovere chiama e l’addio sembra essere la soluzione ideale.

Oltre alla targhetta di Dottoressa, Lucy sembra avere appiccicata addosso la nomea di “allocca”. Possibile che lei attiri tutte le peggiori specie di maschio newyorkese? Non bastava un tradimento a farla cadere nel baratro. Con questa seconda delusione, dopo essersi rialzata, sembra precipitata ancora più in basso. Forse perché stavolta ci aveva messo veramente il cuore. Un tempo piccolo eppure così intenso. Un connubio di passione dirompente e amore puro. Eppure tutto era solamente una sua fantasia… ed è nell’ immaginario che si è costruita il suo principe azzurro, quello del per sempre. Invece si ritrova un rospo con un finale “per mai”, che ha portato Will lontano, con un bagaglio di bugie.

“Tu meriti una persona presente, una persona che ti stia sempre vicino. Lo sto facendo per te.”

“Stupida, stupida Lucy. Lo sapevi che sarebbe finita così.”

Voi credete davvero che l’esordio di Scarlett Reese, termini così? Credete davvero che Lucy resterà con il cuore in stand-by per la seconda volta? Ma no, niente è come sembra, questo è ancora il nulla. William, riserverà, che ci crediate o no, mille sorprese e Lucy dovrà vedersela con una per una. Una lotta impari, tra un destino che sembra già segnato e due cuori che vogliono iniziare a battere all’unisono. Chi la spunterà?

La piacevolezza della penna di Scarlett Reese che ritorna… con i fuochi d’artificio. Un romanzo letto in poche ore, dove passione, rabbia, gelosia, ingiustizia, mancanza di fiducia e amore, si sono dati il cambio in una staffetta fino all’ultimo respiro.

Quello che non ci si aspetta, tutto ciò che non si immagina, accadrà. Accadrà sotto gli occhi di un lettore che dopo poche righe è già immerso nella storia, quasi a parteggiare per l’uno o per l’altro. Le loro diversità sono messe a confronto da un pov alternato in maniera esemplare. Generalmente non sono molti i cambi di voce dove si riescono a cogliere le varie sfumature, rischiando di avere a volte il dubbio di non sapere se è un lui o una lei che sta narrando. Qui entra in gioco l’abilità dell’autrice. La differente dialettica tra i due rende immediata la riconoscibilità di chi parla, riuscendo, con l’ausilio di particolarità fisiche, a tracciare l’esatto identikit dei personaggi. La realtà newyorkese, con uno spaccato lavorativo nell’ambiente ospedaliero alla Grey’s Anatomy, intrighi amorosi pronti a sorprendere (non parlo solo dei protagonisti), danno il quadro completo per un piccolo capolavoro.

Una novità per la Dri Editore, che osa con una nuova collana “Spicy”, e già il nome è tutto un programma. Il linguaggio esplicito usato dalla Reese – associato al personaggio maschile – non risulta mai fastidioso ma piuttosto contribuisce ad alzare il ritmo e l’asticella della temperatura, mostrando ancora una volta coerenza con il profilo di Will sottolineando il contrasto con la delicatezza di Lucy. Se è vero che gli opposti si attraggono, loro ne sono la conferma.

Un romanzo che ti dimostra che non è mai tardi per cambiare, che non è impossibile rivedere i passi già fatti, se è quello che si vuole. Lucy insegna a saper perdonare pur non perdendo la propria dignità, anche se tutto ha un limite. Il confine può essere oltrepassato solo con la potenza dell’amore e quello tra Will e quella ragazza inizialmente spaesata e distrutta è talmente forte da estirpare alla radice, rapporti, ricordi e tormenti lunghi una vita.

Grazie alla Dri Editore che ancora una volta ha saputo scovare la penna giusta, dimostrando di saper riconoscere e soddisfare le esigenze di ogni lettore, con la Serie Spicy. Il catalogo ormai è veramente completo e a Scarlett Reese non mi resta che dire, promossa a pieni voti!

“L’unico rischio che correrei davvero sarebbe quello di essere felice.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close