Recensione: “SE SOLO… NON TI AVESSI INCONTRATO” di Ingrid Rivi

“Se solo… non ti avvessi incontrato”, per fortuna li ho incontrati, Faith e Connor. Grazie a Ingrid Rivi.

Sinossi

“Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali.”
Radici profonde per restare aggrappati ai propri ideali e ali spiegate per alzarsi e librare sopra ogni convenzione. Questa è Faith. Bella, intraprendente, sicura di sé e instancabile nel suo lavoro di architetto, un lavoro che ama e in cui mette l’anima e pezzi di cuore. Ma Faith non è solo questo, lei è la luce, Faith è il faro. È tutto ciò che Connor non ha mai conosciuto prima, perché Faith è diversa da Zoe, la donna che l’ha tradito.
Manager di successo, Connor è prima di tutto un uomo ferito dal passato, un uomo che teme l’amore tanto quanto Faith, limitato dai pregiudizi sulle donne e chiuso nelle sue prigioni mentali. Eppure, il destino ha deciso che un loro incontro scontro diventi ben presto una sfida per entrambi a superare le proprie paure; tra orgoglio e pregiudizi, dubbi e fraintendimenti, abbandoni e ritorni, fino a quando Faith e Connor saranno costretti a decidere se spiegare le ali verso la felicità, restando saldi a forti valori, o perdere tutto.
Un romanzo accattivante e leggero, dove il perdersi tra le righe sarà dolce e facile, divertente e stuzzicante.
Radici e ali… si può essere entrambe le cose senza conflitti interiori?
Faith e Connor dovranno scoprirlo a loro spese.

TITOLO: SE SOLO NON TI AVESSI INCONTRATO
AUTORE: INGRID RIVI
EDITORE: SELF PUBLISHING
DATA DI USCITA: 15 OTTOBRE

GENERE: ROMANCE CONTEMPORANEO (AUTOCONCLUSIVO)

Una stazione, l’attesa, un paio di Jimmy Choo, la partenza, una gonna indecente, un arrivo… Un paio di occhi blu, fisico possente da modello, aria strafottente. Metropolitana, fiera, stand, ristorante, sguardi, battute, ripicche… e movimentazioni da contenere! Ecco, se in un giorno qualunque, vi ritrovate in almeno metà di questi elementi, avete trovato la vostra anima gemella!

Faith Ellis non è una donna qualunque, anche se qualcuno nonostante la conosca da ben 28 anni, sembri considerarla così. E’ una vita che lotta per far spiccare le sue qualità lavorative su quelle estetiche. Nonostante sia bella da far male, anche con una maglietta extra large, riesce sempre a far prevalere il cervello su un fondoschiena da urlo.

“Lavoro da diversi anni per lo studio Blue Way Space. Siamo partiti come una realtà di piccole dimensioni a conduzione familiare. Dapprima specializzati nella vendita al dettaglio nel nostro showroom, poi abbiamo tentato un salto di qualità, ritagliandoci una nicchia di mercato in forte crescita. Il core business è diventato quello dell’interior design.”

Solo un uomo non riesce a rendersene conto. Forse perché ancora “ricattato” dal fantasma del passato, che tiene in ostaggio il suo cuore ferito, in cambio di un enorme quantità di diffidenza e pregiudizi… tutti in bianco e nero. Connor Cooper, alla stregua di un cane bastonato, ha smesso di vedere a colori il presente e il futuro.

“Provo un leggerissimo senso di vergogna che subito passa: sono un maschio di trentadue anni, nel pieno dell’attività sessuale e, soprattutto sono single. (…) Sono burbero, scontroso e il più delle volte mi lascio condizionare dal pregiudizio…”

Cosa accomuna questi due ragazzi, dal profilo caratteriale inconciliabile, tranne per il fatto che messi vicini ruberebbero la scena ai modelli più pagati al mondo? La laurea in architettura e il lavoro di Interior Design. Apparentemente avversari, si ritroveranno a dover – forza causa maggiore – collaborare.

Un incarico per entrambi pieno di aspettative e che risulta carico di tensione… sessuale! Resterà una mera attrazione e bisogno fisico, o riusciranno a superare le difficoltà?

“Perché credo nell’amore e forse dovresti iniziare a farlo anche tu”

Non so mai se sia più facile la parte riassuntiva o questa, ma con entrambe mi piace confrontarmi… con me stessa e con voi! Ho terminato la prima parte forse insinuandovi il dubbio, che si tratti di un romanzo erotico. No, ha tutte le caratteristiche del romance, e cliché o no, devo dirvi che ha una trama davvero diversa, particolare e appassionante.

I protagonisti, Faith e Connor, sono italiani anche se le “radici” li portano lontani e a dire il vero, l’architetto Cooper vanta un lungo soggiorno a New York. Di entrambi, si evincono particolari del passato, che li hanno forgiati… più o meno bene 😉 . Feriti ma forti, si scontrano su tutto, non capendo che basterebbe abbattere muri di pregiudizi e paure per finalmente vivere una vera storia d’amore. Non da sottovalutare i personaggi secondari, Giada, Moreno e… un triangolo, oppure? Fatto sta che li ritroveremo, spero prestissimo.

Amo l’ambientazione. Di Bologna vediamo ben poco ma nella capitale sembrerà di viverci davvero. Anche ad un bacio sfuggevole e sconosciuto in piazza di Spagna, vi sembrerà di assistere. Tutto piacevolmente raccontato dalla fluidità della penna di Ingrid Rivi, che mostra ancor più disinvoltura quando scende nei particolari del design d’interni. Non so se faccia parte di un pezzo della sua vita, di racconti o di ricerca, ma il tutto sembra esplicato da un vero esperto e risulta tra le parti più piacevoli del romanzo. Ho notato delle piccolezze, incertezze su cui l’occhio sorvola in favore di una trama che conquista.

L’autrice ha lasciato le redini ad entrambi i protagonisti che si sono dati il cambio per tutto il romanzo. Non si sono accavallati e la storia è scivolata via con naturalezza scandendo il ritmo tra battibecchi e baci, tra insulti e coccole, tra incomprensioni e…

“Puoi vivere insieme con una persona tutta la vita e arrivare a scalfire solo la superficie, e al contrario puoi provare una sintonia perfetta con una persona appena conosciuta. Non dipende dal tempo, dipende dall’empatia che scaturisce tra due persone.”

L’unica voce sincera che guida il cammino di ognuno di noi, è il cuore. Scandisce il passo, oltrepassa muri di pregiudizi… non quantifica, non qualifica, ma si cura solo di battere all’unisono con la metà giunta a completarlo.

Faith e Connor, su quel binario, si sono trovati… e i loro cuori, riconosciuti!

Grazie di cuore ad Ingrid Rivi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close