Recensione: "Il lato nascosto dell' amore" di Erika Lenti

Carissimi lettori, Simona La Corte ci parla de “Il lato nascosto dell’amore” di Erika Lenti, con un’emozione che non riusciva a contenere.

Sinossi

Da quando un incidente le ha deturpato parte del viso, Adelia vive nascosta tra le quattro mura della sua stanza. Esce di notte, quando piove, con il cappuccio alzato. Solo nell’oscurità profonda riesce davvero a sentirsi libera. Nel buio, e nel vecchio cinema del signor Baxter, dove ha iniziato a lavorare.
È tra quelle poltrone rosse che Noah, talentuoso fotografo tornato in città per il matrimonio della sorella, la vede. Vede il suo lato perfetto, il profilo che le cicatrici non sono riuscite a segnare, e ne rimane affascinato. Ma Noah non sa che Adelia è la testimone dello sposo. Non sa neanche che cosa si cela dall’altra parte del suo volto, dove c’è molto di più del marchio di una tragedia.
Adelia non ha nessuna intenzione di partecipare al matrimonio e mostrare al mondo il proprio segreto.
Noah, invece, ha tutte le intenzioni di scoprire chi è la ragazza che non vuole fare da testimone allo sposo.
Sarà una banale scommessa a cambiare le carte in tavola.
Noah e Adelia dovranno imparare a fare i conti con la passione, quella che arriva all’improvviso e travolge tutto, e con i pregiudizi della gente.
Perché l’amore ha sempre un lato nascosto, bisogna solo saperlo guardare.

Questo è uno di quei romanzi che lascia il segno nel cuore e nell’anima.

Adelia e Noah sono due personaggi opposti e complementari: da una parte c’è la fragilità di una ragazza che porta i segni fisici del suo dolore, che si espandono fino a risucchiarne la voglia stessa di vivere; dall’altra c’è un ragazzo che ha chiuso con il passato e torna nel posto dove ha seppellito i tristi ricordi solo per amore della sorella.

Un incontro fortuito ─ ma che era scritto nel destino ─, la figura di una donna in ombra e la scommessa di un uomo: insieme danno il via a un susseguirsi di eventi che da gioco si trasforma in qualcosa di più profondo.

Noah viene travolto da una passione incontrollabile e, malgrado lotti affinché essa non abbia il sopravvento sulla ragione, non può fare a meno di abbandonarsi a quel senso di pace e completezza che prova tra le braccia di Adelia.

Adelia, invece, non riesce a credere che qualcuno veda oltre le sue cicatrici e che faccia emergere quella femminilità assopita da tempo. Noah irrompe nella sua vita con la forza di un uragano, rendendola vulnerabile; ma stare con lui si rivela necessario per diventare più forte.

“E poi quel sorriso: quello che ti toglie il fiato, che equivale a una fitta al cuore, che ti chiude la gola per quel frangente in cui rimani a guardarlo per capirne l’ambigua essenza.”

“Il lato nascosto dell’amore” può essere definito in molti modi: bellissimo, intenso, nostalgico e riflessivo.

Puro, come l’anima candida di Adelia che soffre per le ferite del corpo e dello spirito.

Passionale, come la personalità di Noah.

L’autrice è stata capace di aprire un varco nelle mie emozioni e, se lo leggerete, sono sicura che lo farà anche con le vostre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close