Recensione: “CHIAMAMI CON IL MIO NOME” di Mariangela Camocardi

Torna la Regina del Romance, con la sua penna che ogni volta sa sorprendere. Mariangela Camocardi presenta una meravigliosa storia d’amore, in viaggio tra l’Italia e l’Inghilterra… dove viene perso un nome, ma non il cuore che impara a vivere di un nuovo battito. Vi sto parlando di “Chiamami con il mio nome“, un romanzo Dri Editore.

Sinossi

“Puoi essere l’amante, quella che gli procura il piacere dei sensi, nulla di più.”

Calais. Francia. 1819. Deryl Ashley, visconte di Brentwood, si reca a Dover ad accogliere Mabel, la sua promessa sposa, scoprendo che la nave su cui era imbarcata è colata a picco durante una violenta tempesta. Tra i pochi superstiti, fortunatamente, la sua fidanzata… o forse no? A bordo c’erano i baroni Montorsi, genitori di Mabel, e Melissa, la cameriera personale. Chiunque sia, la ragazza sopravvissuta ha perso la memoria a causa dello choc dovuto al naufragio e non ricorda nulla del passato, neppure la propria identità. Chi è dunque, Mabel Montorsi o Melissa Donati? Un interrogativo che non cesserà di opprimerla. Un amore nascente, una domanda a cui trovare risposta e insidie imprevedibili ostacoleranno i piani del visconte, che si troverà combattuto tra l’onore e il sentimento. 

La nostra bravissima Mariangela per la prima volta, dopo il grandioso successo di pubblico e di critica del suo Matrimonio per Procura, si cimenta in un regency classico ambientato a Londra. E questa volta per noi si è superata. Buona lettura!

***** ROMANZO AUTOCONCLUSIVO *****

Titolo: Chiamami con il mio nome
Autore: Mariangela Camocardi
Collana: Historical Romance
Editore: Dri Editore
Genere: Storico/Romantico
Formati disponibili: ebook 2,99€ / cartaceo 12,99€
Pagine: 205
Uscita: ufficiale 9 dicembre
Info: soniagimor.drieditore@gmail.com

Copia digitale gentilmente offerta dalla CE

Un viaggio lungo ed estenuante, irto di insidie e pericoli, ma affrontato con entusiasmo da Mabel Montorsi, che all’attracco al Porto di Dover, pronto ad attenderla il suo promesso sposo. Ma Melissa, servitrice fedele e amica della baronessina, viene assalita da uno strano presentimento… l’annuncio della catastrofe. Ed è così che la “Duca di Savoia” si preclude di ormeggiare nel porto Inglese. Vite perse in mare insieme ai ricordi. Piccoli indizi ed un monile indicano – una tra i pochi superstiti – come l’italiana, futura duchessa di Brentwood.

Cara, non dovete tormentarvi. (…) La memoria tornerà”. La comprensione di cui mi fate oggetto mi conforta, signora. Se non mi aveste detto voi come mi chiamo, non saprei chi sono”

Garbata, amabile, modi affettati e una buona conoscenza dell’inglese, distoglie da qualsiasi dubbio la famiglia Ashley sull’identità della ragazza. Una servetta non poteva possedere quell’istruzione e tanto meno conoscere così a menadito l’etichetta, a meno che non fosse stata una vera attrice. Dubbi vengono insinuati dalla giovane rampolla, sorella dello sposo… ma fatti, atteggiamenti e battiti di cuore inconsulti, destano l’attenzione su congetture che non cessano.

La Montorsi continua a vivere il quotidiano tra la nebbia fitta dei ricordi, sensazioni nuove e strabilianti, e un fantasma vero. Gli ultimi eventi gettano paure e incertezze ma esaltano quella nuova consapevolezza…

Posso solo dire che vi amo, lo giuro”. “Non occorre che me lo giuriate”. “Per me è importante ribadirlo. Vi amo più di qualsiasi altro al mondo”

Il fantasma trova compagnia e, come una furia, presenta il conto di ciò che gli spetta.

Bastava un passo, per coronare il sogno… e invece trova l’abisso. In fondo a quel baratro ci sono sogni calpestati, stenti, paure, sofferenze ma tantissima dignità con altrettanta forza per cercare di sopravvivere.

Ma si può vivere, dopo aver scoperto l’amore ed averlo – irrimediabilmente – perso? Tutto era scritto, messo in conto… e i patti vanno rispettati. Il visconte di Brentwood è un vero gentiluomo, cederà il passo ad antichi precetti o lotterà per riprendersi il grande amore?

Ho dovuto aspettare qualche giorno per accostarmi a questa lettura, che volevo fare immediatamente, ma il tempo tiranno me lo ha impedito. Arrivata con entusiasmo a voltare la prima pagina, ho subito respirato aria di casa, riconoscendo lo stile inconfondibile della Camocardi. Portatrice sana di eleganza e raffinatezza, non perde queste qualità neanche nei momenti più terribili. Linguaggio rispettoso di etichette e educazione, anche nei momenti di tensione e nei picchi di sensualità. Sì, perché l’autrice riesce a far tremare d’ansia e fremere di desiderio, con istantanee che arrivano dritte al cuore. Potere che incatena e conduce al finale.

Trama sorprendente. Usa il cliché della memoria perduta e ne fa un capolavoro. Mi viene in mente un gioiello, dove spiccano due diamanti centrali rappresentati dai protagonisti, e infinite pietre che girano attorno e brillano di luce propria. Questo è Chiamami con il mio nome. Personaggi di spessore, la baronessina e Deryl, per niente in ombra Lady Edwina, Harriet, Drew e Alvaro, seppur secondari.

Ma soprattutto, come ci ha sempre abituati, spicca per coerenza. Se vi coglierà inizialmente il dubbio del perché un’italiana abbia un nome inglese, presto svanirà… Piccoli dettagli e precisazioni che fanno acquisire valore a un intreccio già di suo, meraviglioso! Misteri verranno svelati, per non lasciare niente di incompiuto… anche se spero che l’autrice abbia già in serbo un bell’epilogo per una coppia che ha altrettanto cuore da mostrare!

Non aggiungo altro, se non un… Grazie di cuore a Mariangela Camocardi.

Per visualizzare gli altri articoli del Blog, cliccare sulle immagini.

2 pensieri riguardo “Recensione: “CHIAMAMI CON IL MIO NOME” di Mariangela Camocardi

  1. Grazie carissima Maika, la cosa che più mi fa piacere è che ti sia piaciuto il romanzo.

    Piace a 1 persona

    1. Meraviglioso!!! E lo sai che son sempre sincera! ❤

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close