Recensione: “CYPHER (Rockstar Legend Saga Vol. 1)” di Simona Liubicich

Un romanzo sorprendente, che non può passare inosservato. Vi sto per parlare di Cyper, primo volume della Serie “Rockstar Legend” di Simona Liubicich.

Sinossi

Che cosa possono avere in comune un’anestesista disillusa dalla vita e una star del rock? Niente… o forse più di quanto immaginano. Dopo un incontro-scontro all’ospedale San Camillo di Roma, la vita di Sofia De Sanctis si ribalta. Accettare di diventare responsabile dello staff medico del tour dei Death Scream, la rock band più famosa del mondo, è tanto allettante quanto pericolosa, ma Sofia non si è mai tirata indietro davanti a nulla. Non sa ancora che questa decisione stravolgerà la sua vita tra ritmi incalzanti, musica travolgente, soprattutto un sentimento che si farà strada dentro al cuore, contro ogni razionalità e ciò in cui crede. Contro l’ombra di un incubo passato che l’ha segnata in modo indelebile.
Cypher Blackwing, il frontman del gruppo, è tutto quello che le donne sognano: bello e perverso.
Esiste il posto per un amore vero in un mondo così al di sopra delle righe, corrotto fino all’osso e pieno di insidie e soprattutto ci si può innamorare a prima vista di un uomo apparentemente degenerato? Sofia vuole qualcosa che forse lui non sarà mai in grado di darle…

E-book gentilmente offerto dall’autrice

Avere 32 anni e poter dire di aver realizzato un sogno… anche se per questo bisogna dire grazie al dolore, a quello che non passerà mai, che la farà sentire in colpa per l’eternità.

Da quel giorno Sofia si è messa da parte per dar vita, con i sacrifici, alla Dottoressa De Sanctis. Non amore per sé, ma per gli altri. Sangue freddo per i sentimenti, e nel salvare la vita degli altri… tutto ciò è sopravvivere alla vita, arrendersi a ciò che viene, lottando per dare un’esistenza dignitosa all’unico affetto che le resta.

Un’emergenza, forse la milionesima da quando esercita. Sarà il solito ragazzino reduce da una notte brava o chissà chi altro. Invece…

Era coperto di tatuaggi e il viso, seppur mortalmente pallido, bellissimo e incorniciato da lunghi capelli neri come la pece, ondulati e all’apparenza soffici. (…) è Cypher Blackwing, il frontman dei Death Scream.”

Bello, dannato e non proprio irrangiungibile. Che siano grupie o modelle, poco importa, l’importante è che gli scaldino il letto il tempo necessario e se ne vadano. Ora lui è lì, in bilico su una barella, con il peso dei fantasmi che Sofia ha provato a dare in prestito, ma che ritornano troppo spesso…

Ma la Dottoressa sa fare i miracoli, perché di quello si tratta, e proprio come fosse un’apparizione…

Sei una strega, Doc… una bellissima strega” le mormorò con voce rauca e uno sguardo che non lasciava spazio all’immaginazione: sesso allo stato puro e lei si ritrovò con una sensazione addosso che non provava più da tempo.”

La proposta. Un rewind mentale necessario, che le rammenta una vita di sacrifici e stenti, la mancanza di stimoli nuovi… Poi, quello sguardo di pece e un brontolio allo stomaco diverso dalla fame, le impedisce di pensarci un attimo di più. In fondo non ha niente da perdere, colei che ha perso già tutto…

Patemi d’amore, questo non l’ha imparato sui libri di scuola o un banco dell’università. Sa curare in superfice, tagliare e ricucire, addormentare, rianimare… ma alleviare le pene del cuore, a questo era decisamente impreparata e indifesa.

Tutto quello che avverrà è inimmaginabile e imperdibile, per questo mi fermo qui. Non accenno proprio nulla, lascio tutto alla vostra fervida immaginazione, che non reggerà sicuramente il confronto con la creatura della Liubicich.

Analizziamo i protagonisti. Per una parte della loro vita, avete già qualche indizio. Al dolore, c’è chi reagisce alzando la testa e quietando il cuore, c’è chi lo zittisce perché di urla e scenate ne ha sentite troppe. Ma entrambi – ovviamente in modi e “frequenze” diverse – usano solo il corpo per tacitare qualsiasi tipo di sentimento si possa affacciare all’orizzonte… ma non ne sono capaci, perché le loro anime gemelle, si trovano, e stavolta l’attrazione non c’entra nulla. E’ vero, si piacciono, ma il loro rapporto va oltre, ha radici nascoste e profonde, perché è l’amore ad aver instillato il seme…

Incomprensioni, gelosie, malintesi… ingeniuità nei confronti di quel sentimento sconosciuto, di fronte al quale si è impreparati, e l’approccio diventa goffo e imbranato… rasentando la distruzione!

Ma dopo la tempesta, c’è sempre la quiete, no??? Si, forse per loro, ma i vostri cuori rimarranno nel tumulto per un bel po’ di tempo, incapace di destreggiarsi tra l’impeto dell’amore, tra quello che poteva succedere e che invece hanno dovuto conoscere le loro giovani vite.

Un bel lavoro introspettivo per Simona Liubicich, ma ancora di più sorpresa positivamente dal tatto usato con i protagonisti nella fase nascente della loro storia d’amore…

Il Tamigi, si è reso complice di ogni lacrima scesa… commozione vera per un amore immenso che l’autrice ha reso così vivo! Fuxx – e adesso ci sta che rubi qualche espressione colorita a Cy, per rendere meglio l’idea! 😉

Grazie all’autrice, che ci lascia sperare su un ritorno – spero a breve – con due personaggi, che wowww, sono già nelle mie corde! Promosso? Yessss, a pienissimi voti!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close