Review Party: "COMPLETAMENTE" di Mariadora Vizza

“Completamente” colpita e affondata dalla penna di Mariadora Vizza. La Dri Editore punta su questa giovane, dandole anche l’onore di inaugurare la collana “Sport Romance”. Direi un successo, come quelli che inizia a collezionare Greta, la protagonista… che pure in amore non le andrà proprio male, con il bel Davide. Andiamo a conoscerli insieme.

«Hai mai pensato che, semplicemente, i vostri corpi hanno trovato un modo per esprimere l’affinità delle vostre anime?»

Greta, diciotto anni e una sola passione: la danza. Timida e un po’ insicura, ma anche terribilmente caparbia e altruista, vive nel suo mondo ovattato, dove le emozioni forti si provano solo sulle punte.
Davide ha un solo obiettivo: portare in scena una coreografia da brividi, ma il sogno sembra destinato a rimanere tale. Almeno fino a che Greta non irrompe nella sua vita come un fulmine a ciel sereno. L’amore per la danza e l’intesa divampano come il fuoco, come se i loro corpi si conoscessero da sempre. Ma è davvero solo affinità artistica?
Tra passi di danza classica e moderna, pas de vals e un po’ di tango, Greta e Davide iniziano a scoprirsi, a mettere a nudo le proprie anime e a ribaltare le proprie convinzioni. Un’avventura piena di passione, dove i battiti del cuore si confondono con il ritmo della musica.

Titolo: Completamente
Autore: Mariadora Vizza
Collana: Sport Romance
Editore: Dri Editore
Genere: Contemporaneo / Sportivo
Formati disponibili: ebook 2,99€ / cartaceo 15-19€
Pagine: 465
Uscita: ufficiale 27 gennaio
Info: soniagimor.drieditore@gmail.com

Copia digitale gentilmente offerta dalla CE

Attenta, precisa, scrupolosa, tanto si può dire di lei, anche che odia la matematica… ma eccelle nei rapporti di amicizia, in generosità e sopratutto nel ballo. Greta vanta anche una famiglia solida, figlia di due genitori che non disdegnano di farsi vedere mano nella mano. Sani principi con i quali è stata cresciuta, e per cui l’apprezzano, soprattutto le insegnanti. Sicuramente la danza le ha donato la disciplina e l’ha aiutata a crescere in fretta, e lo dimostra anche in quell’occasione… anche se ha curiosato qualche secondo di troppo, ma se non lo avesse fatto…

Volevo solo dire che non mi sembra una cosa così improponibile, affrontare una presa…”

… non ci sarebbe stata “storia”. Forse si sarebbero scontrati per i corridoi dell’Accademia, di sicuro i cinque anni di differenza non li accomunano nelle amicizie. Certo, tutto avrebbe pensato Greta, tranne di diventare poi compagna di ballo del figlio della famosissima Isabella Viviani. Puntualizziamo, il figlio bello, sexy, dolce… forse irraggiungibile, dell’ex étoile Viviani.

Etichettata scialba, mocciosa, insignificante, probabilmente è stata messa in dubbio anche la sua bravura, fino a quando un concorso, e le mire del grande coreografo Federico Bartolomei, non la mette in luce. Una stella, non solo agli occhi dei prof, ma anche di chi prima la considerava… pfff da buttare!

Non è più un puntino, al passaggio Greta illumina anche una giornata buia, e Davide ne sa qualcosa. Se è tornato a sorridere, ad affidarsi agli altri – e non più solo a se stesso -, lo deve soprattutto a quella ragazzina, che a proposito di “fiducia”, ha saputo dargli una bella lezione.

Dare e avere, in tutto e per tutto. Sintonia nel ballo e un legame d’amicizia… che inizia a star stretto ad entrambi. I loro cuori riconoscono che il battito è diverso rispetto a quello che sentono per Marika, Caterina… ma sono talmente storditi dalla novità che non riescono ad urlare, tanto meno a sussurrare quelle due piccole parole. Allora i malintesi si fanno largo, cercando di rovinare anche la più bella delle sorprese, che solo un ragazzo d’altri tempi come Davide, poteva escogitare…

Viaggi, o meglio fughe, si prospettano all’orizzonte… ci vorrebbe, ancora una volta, la colonna sonora giusta. E vi assicuro che loro ne anno a bizzeffe…

Iniziate con Try“provate”, loro hanno iniziato così!

Come Greta, io, in punta di piedi, mi sono approcciata a questa lettura. Con leggerezza, ma con attenzione, mi sono insinuata tra le parole. Se lo avessi fatto con diffidenza avrei notato, sulle sue punte, due semplicissime “scarpette di pezza”.

Piuttosto, dopo alcune pagine, ho iniziato ad intravedervi la sua anima… e tutto il resto ha iniziato a prendere forma. Un corpo agile, flessuoso, sensuale bello ma meno splendente di ciò che sprigiona attraverso la danza. Un personaggio meraviglioso, dettagliato sotto tanti punti di vista, tra debolezze e punti di forza. Il pov alternato permette di farsi conoscere come succede per Davide. Un dubbio iniziale, incontrandolo nella sala prove. A primo acchito – vista la compagnia – è semplice definirlo pieno di ego e superficiale. Ma i fatti, e il linguaggio che li accompagna, fa cambiare rotta e prendere una posizione, ponendosi qualche domanda tipo: “Ma non è troppo perfetto?” Poi andando in là con la lettura tutto si fa chiaro, come l’intento di Mariadora Vizzi, che vuole uscire dal solito cliché del bello e dannato, donandoci un ragazzo già ricco d’animo, che impara, con umiltà ad aprirsi all’amore… accettando anche i piccoli cambiamenti, di fronte ai quali questo sentimento sconosciuto, lo pone.

“L’intesa che abbiamo è qualcosa che, a livello logico, non riesco a spiegarmi neanche io. (…) Però, vedi, è proprio questo che mi piace di lei. Il fatto che sia vera. Il fatto che balli come me, con passione. Non so cosa l’abbia portata fuori da quella porta, quel giorno di tre mesi fa, ma non passa giorno in cui non ringrazi che sia successo.”

Personaggi positivi, perché anche di questo i libri hanno bisogno. Perché la lettura deve mostrare anche il lato reale, quello che avviene nella vita di tutti i giorni. Entrambi possono rappresentare il sogno di tanti, non quello irrealizzabile, ma tangibile. Con Caterina e Nicola, inoltre, ci accorgeremo di cosa significa realmente, dare in maniera incondizionata. Completamente ci regala l’amicizia vera, ma non saremo esentati dalle streghe di turno. D’altronde, in qualsiasi romanzo che si rispetti c’è l’antagonista…

Un romanzo ricco, completo, che mostra anche competenze specifiche nel ballo. Sicuramente una scrupolosa ricerca da parte dell’autrice. Poi, colonne sonore, tante, giuste, precise… che vi porteranno lì, sulla scena. La musica sarà un’altra “arte” da cui verrete rapiti, e da una voce ammaliati, come il canto di una sirena… Veloci arriverete al finale, nonostante corpose descrizioni, necessarie a farvi sognare. Patirete per il primo bacio e vi innamorerete della prima volta, dove si sente l’imbarazzo della giovane, attraverso il vibrare della penna.

Tutto perfetto, fino alla fine… e anche dopo, quando continuerete a fantasticare, e a vederli ballare in un unico volteggio d’amore!

Fidarsi dell’altro, abbattendo ogni paura… per credere di più in se stessi. Il bel messaggio che Mariadora Vizza ha saputo trasmettere Completamente, ai lettori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close