Recensione: “I SOGNI DI ALICE” e “QUANDO I LEONI SI INNAMORANO È PER SEMPRE” di Elisa Mura

Mi permetto di fare una “Prefazione”. Se pensate che ce la stiamo cantando e suonando, è proprio così! A oggi posso dire di essere davvero fortunata delle mie “Monelle”, del rapporto instaurato tra noi. Simona ha espresso questo desiderio e io non ho fatto altro che appoggiarlo a trecentosessantagradi. La penna di Elisa Mura merita davvero, e sono felice che sia stata proprio una “collega”, segno che non c’è solo amicizia… ma soprattutto lealtà, complicità e condivisione. Il gruppo, il blog deve essere sopratutto questo! Benvenuta Elisa A libro aperto.

I sogni di Alice: Non adatto a persone serie 1 di [Elisa Mura]

Sinossi

Alice è un’appassionata di saghe fantasy ed è un’inguaribile sognatrice, tanto che ha preso l’abitudine di riportare i suoi singolari “viaggi notturni” in un simpatico diario. Ma sin da bambina,  ha anche un sogno reale nel cassetto: diventare una brava attrice e quando il suo fidanzato, Alex,  le propone di trasferirsi a Milano per iscriversi ad una scuola di recitazione, Alice inizia a intravedere il suo percorso, che non sarà certo privo di ostacoli.

I “Sogni di Alice” è uno di quei romanzi che rimane impresso nella mente dopo essere giunti all’ultima pagina.

Capita spesso che le persone facciano dei sogni bizzarri, solo che i miei battono il record per l’assurdità, perciò ho preso l’abitudine di annotarli tutti in un diario.

Sogni bizzarri e amori inaspettati sono i pilastri sui quali Elisa Mura ha costruito una trama che regala momenti divertenti e ironici, ma anche degli spaccati di vita quotidiana che fanno riflettere. Uno fra tutti è l’episodio del senzatetto Giovanni, che Alice incontra spesso. È un personaggio che fa emozionare, sebbene appaia poco, ma è comunque una presenza che per me rivela molto della personalità dell’autrice, che si identifica per molti aspetti alla protagonista Alice: una ragazza sensibile che si affida alla scrittura per dar voce alle “molteplici e fantastiche vite” delle quali vorrebbe essere l’eroina.

E l’amore?

Be’, come in ogni romanzo di Elisa, questo argomento è trattato con quel sottile sarcasmo che contraddistingue il suo stile, solo che qui trova maggior respiro (rispetto agli romanzi dell’autrice) e i momenti più intimi sono descritti in modo delicato.

[…] faccio l’amore con lui: è più sensazionale che toccare il cielo, è più come librarsi in aria e volare fino ai confini del mondo, un mondo tutto da scoprire.

E voi siete pronti a scoprire il mondo di Alice?

Allora, non vi resta che suonare il campanello e varcare la soglia dello strambo condominio in cui abitano i nostri personaggi.


Sinossi

Vedersi soffiare da sotto il naso la ragazza di cui si è innamorati è una situazione tutta nuova per un rubacuori come Rudy, sensibile ex spogliarellista; lui che è abituato a far cadere le donne ai suoi piedi. Eppure è capitato. Andrea gli ha rubato il cuore di Alice, l’unica che gli interessasse davvero. Ma lui non si è arreso, degli avvenimenti gli faranno ben sperare di avere un’ultima chance. Dopo il successo di “Melania” Andrea è costantemente sotto pressione; gente dello spettacolo e famosi registi vogliono acquistare i diritti del suo capolavoro e stravolgerlo in qualcosa che è certo rovinerà tutto il suo lavoro in cui ha trasmesso la propria anima; in più ha dovuto mettere a tacere le voci insistenti sulla sua relazione con la ragazza che ama, per non dover esser intrappolati nella rete del fastidioso gossip, come successe un tempo ai suoi genitori. Andrea, in crisi creativa, vede un luminoso spiraglio in un nuovo progetto da portare a termine, ignorando che proprio questa novità potrebbe mettere a rischio la sua felicità sentimentale. D’altro canto, Alice deve vedersela con i problemi di cuore del suo indomabile fratellino adolescente, con l’arrivo di una nuova rivale dai comportamenti ambigui, e con le enormi difficoltà del suo nuovo ruolo nello spettacolo creato dal suo ragazzo, la cui preparazione necessiterebbe di un miracolo, o di qualcuno che lo faccia per lei. Quel qualcuno potrebbe essere proprio Rudy? E mentre il triangolo è in lotta, Alex e Kei, che vivono tranquillamente il loro amore, ciechi ai pregiudizi, in mezzo alla burrasca emanata dalla loro migliore amica, vengono importunati da un’impicciona comunità religiosa che mal approva l’omosessualità.Dopo “I sogni di Alice”, un nuovo strampalato romanzo per la duologia “Non adatto a persone serie”.

Mi sono approcciata ai romanzi di Elisa Mura incuriosita dalle trame e ho volutamente lasciato la dualogia di Alice alla fine. Avevo grandi aspettative e posso confermare di non essere stata delusa, per cui non posso che fare i complimenti all’autrice che in questi due romanzi ha dimostrato una maturazione stilistica e una passionalità non indifferenti.

La relazione amorosa tra Alice e Andrea subisce i colpi della gelosia e i protagonisti riveleranno molto della loro personalità in virtù delle decisioni che prenderanno. Ironia e azione, inoltre, non mancheranno a movimentare la storia e strapperanno più di una risata al lettore.

Come nel primo, anche qui i personaggi secondari giocano un ruolo importante (persino il gatto Ramses!) e devo dire che mi sono affezionata ad Alex e Kei, i migliori amici che tutti noi vorremmo avere.

Altra nota a favore del romanzo, sono i momenti riflessivi che Elisa ci regala e che rivelano il suo attaccamento al teatro; in particolare, ho colto molti aspetti del pirandellismo.

Ogni giorno, pur non essendone consapevoli, siamo costretti a indossare almeno una maschera adatta all’occasione: di calma, sopportazione, tollerabilità, stima, ma l’importante è che questa copertura non attecchisca alla nostra personalità e ci si smascheri solamente a chi ci merita.

Dicevo prima che ho riscontrato una maggiore “passionalità” nella narrazione. Forse è stata la presenza di episodi autobiografici a rendere più verosimili gli stati d’animo dei protagonisti, oppure il linguaggio spiccato usato nei dialoghi, ma il modo in cui Elisa racconta l’amore ha un impatto emotivo molto diverso rispetto a tutti gli altri suoi romanzi.

Non sognare mondi fantastici e strani eroi complessati. Sogna noi due, semplicemente come siamo ora.

Non voglio rivelarvi altro, lascio a voi il piacere di scoprire questo piccolo tesoro fatto di parole e sentimenti, però una cosa devo dirla: l’epilogo è da oscar!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close