Recensione: “OUR DAYS” di Effe Scrive

I Read It presenta Our Days di Effe Scrive. Simona La Corte lo ha letto per A libro aperto.

Sinossi

Pittsburgh, Pennsylvania  
Alex e Karen.
Due mondi che continuano a scontrarsi come oceani separati, passioni incontrollabili, lacrime e bugie. Troppo orgogliosi per ammettere che qualcosa in loro è inevitabilmente cambiato, per rendersi conto che nonostante tutto, l’unica cosa che riescono a pensare ogni volta che le cose precipitano è:”o con te, o con nessun altro.”

  • Titolo: Our Days
  • Autore: Effe Scrive
  • Editore: I Read It (Collana Editoriale Pub Me)
  • Data pubblicazione: 21 aprile 2020
  • Pagine: 315
  • Prezzo: 1.99

Copia digitale gentilmente offerta dalla CE

In Our Days si racconta una storia di passione e odio tra due personaggi che rappresentano l’antitesi della coppia perfetta.

Karen è una ragazzina di quindici anni che vive in perenne conflitto con la sua famiglia e con i suoi coetanei. Sono pochi gli amici veri, che condividono con lei sregolatezze di ogni genere e che conducono una vita troppo spericolata. Ma questa è la realtà di chi non cresce negli agi o di chi si ritrova con una situazione famigliare non proprio felice.

Non era stato l’amore a portarmi lì, ma la mia stella. Una stella eclissata dal buio perenne che abitava la mia anima, una stella cattiva. Proprio come me.

Un padre spacciatore e violento, che picchia la madre e trascorre la maggior parte degli anni in galera, non può che condizionare una psicologia fragile come quella di una adolescente, che vede gli uomini come dei nemici da sfruttare solo per il proprio tornaconto.

Karen è rassegnata agli insulti che le riversano addosso, ma, con il passare del tempo, il peso delle maldicenze iniziano a farsi strada nel suo animo e deve farne i conti quando capirà di non poter avere l’amore e il rispetto che merita.

La giovane potrebbe ancora scegliere di voltare pagina e ricomporre una reputazione ormai macchiata, ma l’incontro con Alex, il fratello del suo amico Mike, la conduce verso un tunnel ancor più buio, dove il confine tra bene e male, odio e amore, si assottiglia fino ad annullarsi. Alex e Karen non riescono a resistere al richiamo della carne, ma cedere alla passione significa anche esporsi al dolore… E Karen ne pagherà le conseguenze, in molti modi. Tuttavia, è proprio lei il personaggio più forte della storia, colei che deciderà per sé e per Alex, la giovane donna che diventerà padrona del suo destino.

Alex non è un personaggio che ho apprezzato molto, lo ammetto. È l’emblema dell’antieroe, se vogliamo usare una definizione letteraria. Non riesce a far chiarezza su ciò che desidera veramente, si tira indietro anziché mettersi in gioco e, proprio per questo motivo, non è all’altezza di Karen.

La relazione tra i due protagonisti, in definitiva, non è, come ci si potrebbe aspettare, un crescendo di emozioni verso l’alto, alla salvezza; al contrario, li conduce all’inferno e verso la distruzione.

Karen e Alex sono due pianeti che si scontrano e implodono, due anime simili che trovano rifugio l’una nelle incrinature dell’altra, ma che non riescono a completarsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close