Recensione: “APPUNTAMENTO IN TERRAZZO” di Felicia Kingsley

Appuntamento in terrazzo lo si ama in primis per lo scopo, a cui non si può rimanere indifferenti. Lo si adora per la freschezza della penna ormai consolidata di Felicia Kingsley. Lo si apprezza ancor di più per la speranza e tutto il buono che si può trarre da una situazione drammatica e che non prospetta un’immediata via di uscita.” Edito Newton Compton.

Sinossi

L’autrice devolverà in beneficenza i proventi derivanti dalla vendita dell’eBook di Appuntamento in terrazzo all’Ospedale Policlinico di Modena.

“Rimanete a casa, rimanete a casa”, si sente urlare dagli altoparlanti delle uniche auto che circolano per le strade deserte di Milano. La vita congelata nel momento del lockdown ha colto tutti impreparati. Ma alcuni di più.

È il caso di Alex che, nel momento in cui il Governo annuncia la quarantena nazionale, si ritrova in isolamento con quella che da poche ore è diventata la sua ex, l’ultima persona con cui vorrebbe condividere l’aria. A distanza di una parete, nell’appartamento accanto al suo, c’è Didi, tornata a casa dei suoi per una breve visita, rimasta ostaggio della sua chiassosa famiglia: una madre complottista dipendente dai social, un padre drogato di lavoro che ha trasformato la casa in un ufficio, una sorella diciottenne aspirante influencer con cui è costretta a dividere la camera e un nonno nostalgico. Per Alex e Didi la situazione è soffocante e, privati dei propri spazi, non resta loro che un posto per trovare un attimo di pace: il terrazzo. Le vite di Alex e Didi s’incrociano in un momento di emergenza e, quello che nasce come un incontro inaspettato, diventa un piacevole appuntamento quotidiano. È possibile che un’amicizia nata in una situazione ai limiti del reale possa trasformarsi in qualcosa di più? 

Quante volte facendo zapping o per scelta ci siamo fermati a guardare con curiosità e scetticismo quei film – perlopiù ambientati in America – dove a far da protagonisti sono i virus e le corse forsennate per accaparrarsi l’ “antidoto”. Da un paio di mesi siamo diventati gli attori di quel film e aspettiamo – purtroppo inermi – il miracolo per uscire dall’incubo e da un male che si prospetta ancor più terribile, quello economico. Anche mentre leggiamo un libro dello stesso genere, sappiamo che dopo un po’ insieme alla parole FINE, avremo l’agognato LIETO ad anticiparlo. Questa premessa perché, attraverso una storia romanzata in un contesto così “reale”, Felicia Kingsley desidera regalare ore di spensieratezza – con temi molto importanti – e contribuire con il suo aiuto, alla salute di chi si trova in difficoltà, supportando la sanità e lo stato con i proventi delle vendite. Un piccolo ma grande atto di solidarietà da parte di tutti noi.

Ma intrufoliamoci tra le pagine…

Didi è una delle tante italiane che sono rimaste tagliate fuori dalla propria residenza – non per cause lavorative ma al contrario – e si ritrova di nuovo riunita con la sua famiglia al completo, negli spazi riadattati dopo il trasferimento a Berlino.

Ad una parete di distanza, quelle parole alla tv, rappresentano per Alex una tegola in testa.

«Sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare con l’espressione “Io resto a casa”. Tutta l’Italia è da considerarsi zona protetta, saranno quindi vietati su tutto il territorio della penisola gli spostamenti, a meno che non siano motivati da tre specifiche circostanze comprovate: ragioni di lavoro, casi di conclamata e indifferibile necessità – ossia approvvigionamento alimentare – o per motivi di salute…»

Non è contemplato nel decreto l’abbandono del luogo di residenza a causa di una compagna fedifraga, e trascorrere la quarantena con Gaia si prospetta peggio di una condanna a morte. E pensare che in un momento di “distanziamento sociale”, c’è chi mette il dito nella piaga.

«Non buttarti di sotto eh, mi raccomando.

(…) Ora che so che qualcuno tiene alla mia vita, ho già un motivo in più per non farlo.

Oh, no. Non è perché tengo a te. È che se muori, poi lo scettro del più sfigato del condominio passa a me.»

La conoscenza tra Didi e Alex nasce con la complicità di un virus che ha già iniziato a uccidere. Un sentimento che evolve lentamente e si insinua in profondità nei loro cuori a dispetto degli amori fugaci ed estemporanei a cui oggi ci stiamo “assoggettando”. La frenesia si adatta sempre più agli amori che diventano subito noia, abitudine e voglia di evadere… come tra Alex e Gaia.

La voglia di vedersi, di stare insieme nonostante gli ostacoli, la rinuncia anche ad una semplice carezza, fa riflettere sulle cose che si sono perdute e quelle che abbiamo, ma che continuiamo a bistrattare. L’autrice, con intelligenza, bravura e l’ironia che la contraddistingue, tocca argomenti importanti come l’inquinamento, il “maltrattamento degli animali”, gli inganni “mediatici” e – come già esposto – l’importanza della famiglia e i veri rapporti di coppia. Temi che ben contestualizzati creano un tessuto profondo e di spessore ad un romanzo che si assapora con leggerezza e spensieratezza, diventando anche una sorta di terapia per #iorestoacasa.

Appuntamento in terrazzo lo si ama in primis per lo scopo, a cui non si può rimanere indifferenti. Lo si adora per la freschezza della penna ormai consolidata di Felicia Kingsley. Lo si apprezza ancor di più per la speranza e tutto il buono che si può trarre da una situazione drammatica e che non prospetta un’immediata via di uscita.

Grazie di cuore lo dico in anticipo a chi leggerà questa recensione e poi prenderà la novella, a chi l’ ha già letta, per l’aiuto che tutti noi riusciremo a dare con un contributo così piccolo a chi tutti i giorni lotta per salvare le vite, anche quelle che purtroppo dopo una lotta estenuante, scivolano da mani che continuano ad essere forti e preparate a tutto.

A me il covid ha segnato in profondità 😦 , ma dobbiamo ripartire. Facciamolo tutti con la testa e rispettiamo il prossimo come faremmo con noi stessi. Non sottovalutiamo, è un mostro invisibile, subdolo e senza scrupoli.

Grazie Felicia ❤ . Grazie di cuore alla Newton Compton Editori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close