Recensione: “UNA PROMESSA PER SEMPRE” di Silvia Maira e Valerio Sericano

Una storia, che come si suol dire, ti fa sentire a casa, ambientata in Sicilia; terra della nostra Simona La Corte che sa usare sempre le parole giuste, anche con “UNA PROMESSA PER SEMPRE” di Silvia Maira e Valerio Sericano.

“Consiglio questo romanzo a chi vuole staccare dal solito Romance e avventurarsi in una storia che sa toccare il cuore e la sensibilità del lettore.”

Sinossi

Quando una nuova insegnante entra nella vita della giovane Alba, la tranquilla routine della ragazza viene sconvolta dalle attenzioni che la donna inizia a dedicarle. Alba indaga in silenzio sul passato della professoressa, fino a scoprire un segreto che ne lega le vicende giovanili alla propria famiglia, in un rapporto intriso di misteri, omertà e morte. Attraverso le vicende di una piccola comunità siciliana tra la seconda guerra mondiale e gli anni Sessanta, il romanzo narra un intreccio d’amore sospeso tra gli orrori di una guerra non ancora dimenticata e un presente votato a una tranquillità soltanto apparente, sconvolta infine da una cascata di eventi che porranno i protagonisti di fronte a un passato irrisolto con il quale saranno costretti a fare i conti.

Una storia nella storia, due vicende che si intrecciano tra passato e presente.

Siamo negli anni ’60 e Alba Antognoli è una studentessa prossima al diploma. Una mattina si sveglia in preda a quello che lei definisce un incubo, ma, all’apparenza, non è altro che la normale angoscia che affligge gli studenti che devono sostenere la maturità. Tuttavia, proprio quel giorno il suo “incubo” diventa realtà: si tratta della docente che sostituirà l’insegnante di italiano e che Alba ha visto nel suo sogno.

Sin da subito, il lettore intuisce il forte legame che si instaura tra la professoressa Venere Domato e la giovane Antognoli, e il binomio che si crea tra i due personaggi rappresenta il pilastro portante dell’intera storia.

Si alternano capitoli che raccontano il tragico amore di Venere e Pasquale ai tempi della Seconda Guerra Mondiale ─ quando il destino li ha uniti per farli separare subito dopo ─ e capitoli sulle vicissitudini di Alba, che indaga per rimettere insieme i tasselli di una storia velata di mistero, amore e sofferenza.

In fondo agli occhi azzurri e splendenti della professoressa, la giovane legge una tristezza e una malinconia che vuole comprendere e, per farlo, sa di dover portare alla luce quella verità che tutti a San Giovanni sul Mare tentano di nasconderle.

Chi è Venere? Perché è stata costretta a lasciare il paese? Qual è il peso che grava sulla sua coscienza?

“L’effetto fu quello di ritrovarsi scaraventata nel bel mezzo di una tempesta emotiva. Disorientata e incredula, aveva interpretato l’accaduto come un segnale del destino.”

Il ritorno della professoressa Domato innesca una serie di cause ed effetto che rivelano ad Alba quanto amara e dolorosa possa essere la vita, soprattutto se la sorte gioca a sfavore.

Ho apprezzato questo romanzo per una serie di fattori. Innanzitutto, il testo è ben curato e rende la lettura scorrevole; seconda nota di merito, gli stili dei due autori si fondono alla perfezione e non si individua dove finisce una “penna” e dove inizia l’altra. Terzo punto a favore è la perfetta gestione dei salti temporali tra i capitoli che raccontano le vicende passate di Venere e quelli del presente di Alba: non ho dovuto ritornare indietro con le pagine per riallacciarmi alla narrazione. Infine, ho apprezzato lo spaccato storico-sociale che i due autori hanno illustrato. È stato come tornare indietro nel tempo, ripensando agli aneddoti e alle storie di paese che mi raccontavano i miei nonni; storie di amori clandestini e vite stroncate dalla guerra, mariti e figli che hanno combattuto al fronte e mogli e madri rimaste ad attendere il ritorno dei propri cari. E poi i temi della famiglia e dell’amicizia, dei pregiudizi e delle maldicenze di una società (quella siciliana, in particolare) fondata sull’onore e sul rispetto delle convenzioni… Tutti elementi che arricchiscono la trama principale.

Per concludere, consiglio questo romanzo a chi vuole staccare dal solito Romance e avventurarsi in una storia che sa toccare il cuore e la sensibilità del lettore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close