Recensione: “IL MIO PICCOLO SEGRETO” di L. A. Casey

Lo straconsiglio, a chi come me ama i contrasti, gli amori impossibili, i mondi paralleli, destinati a non incontrarsi mai, una ragazza “pura” e innocente e il “delinquente” affiliato ad una gang…

E questa è solo una parte del perché leggere “IL MIO PICCOLO SEGRETO” di L. A. Casey, secondo Daniela Tess. Andate a vedere…

Sinossi

Autrice della serie bestseller Love
Ryan e Ashley appartengono a due mondi apparentemente inconciliabili, eppure tra loro scocca subito la scintilla…
Ashley Dunne ha una pessima reputazione ed è membro dell’organizzazione criminale più spietata di Dublino. Eppure, quando Ryan Mahony lo vede per la prima volta non può fare a meno di pensare che sia molto diverso da come se lo aspettava…
Ryan è la classica figlia di papà: vissuta nei privilegi e nel lusso. Per questo quando suo padre viene arrestato il mondo le crolla addosso. Specialmente perché è costretta a lasciare il paese di campagna in cui è cresciuta e a trasferirsi nel quartiere poco raccomandabile controllato dalla banda di Ash. I loro mondi sono agli antipodi e Ryan è stata messa in guardia sui ragazzi delle bande criminali, ma il destino sembra cercare ogni pretesto per farli incontrare. Proprio quando Ryan comincia a domandarsi se sia arrivato il momento di agire d’impulso per la prima volta nella sua vita, la sua ingenuità finisce per metterla nei guai. Può davvero fidarsi dell’uomo che conosce come Ash?

Titolo: Il mio piccolo segreto

Autore: L. A. Casey

Editore: Newton Compton

Pagine: 230

Prezzo: 5.99

Copia gentilmente offerta dalla CE

«Quando ti viene tolta la possibilità di scegliere, non c’è niente che tu possa fare. Devi accettarlo e andare avanti».

Questa è la mia prima lettura di un romanzo della Casey, autrice di storie molto amate dalle lettrici ed ero davvero molto curiosa di cimentarmi in questa avventura, di conoscere finalmente lo stile di questa scrittrice molto nota. Ammetto che la trama mi ha intrigato da subito. Chi mi conosce un po’ sa che amo tantissimo i contrasti fisici e caratteriali nei personaggi protagonisti, amo molto gli “opposti che si attraggono”, così come le storie d’ amore con colpi di scena e forti emozioni. Devo dire che in questo libro ho ritrovato, in parte, tutti questi elementi. Sono stata subito colpita dalla sinossi: lei, Ryan, è una ragazza ricca, figlia di un noto avvocato, forse anche un po’ snob che vede imprigionare il padre con l’accusa di aver nascosto una prova determinante per un processo. Perde tutti i suoi punti di riferimento ed è costretta ad andare ad abitare a Dublino, in una casa di condizione molto modesta insieme ad una zia e ad una cugina con cui non c’è simpatia reciproca. Qui, “la ragazza di campagna”, conoscerà il lato più oscuro della città, nella persona di Ashley/ Ash Dunne, un “Discepolo”, il rappresentante bellissimo ma pericoloso di una gang. L’inizio è fulminante: Ash è quello che Ryan non è, sfrontato, pericoloso, cinico, a tratti crudo e volgare nel linguaggio e si accompagna ad altri individui simili a lui. Due mondi che più diversi non potrebbero essere, entrano in rotta di collisione e quando lo fanno provocano un’esplosione e un cambiamento.

Mi voltai per guardare l’uomo che aveva parlato e mi bloccai a metà frase. La prima cosa che notai fu la sua statura. Era alto, sicuramente qualche centimetro sopra il metro e ottanta, quindi sovrastava il mio metro e cinquanta. Una parte del mio cervello mi fece subito notare che non avevo mai visto un uomo tanto attraente, mentre l’altra argomentò che a Kildare non avevo avuto la possibilità di osservarne poi molti.I suoi occhi catturarono quasi subito la mia attenzione. Erano grigi, e non ne avevo mai visti di quel colore. Azzurro chiaro, nocciola o verde smeraldo, certo; ma mai quel grigio luminoso. Erano stupendi. La seconda cosa che mi attirò furono i capelli: erano di un rosso intenso e, anche se corti, gli coprivano la testa con ricci spessi.

L’incontro-scontro tra Ash e Ryan è coinvolgente: un colpo di fulmine per entrambi, seppur mascherato dalla repulsione di lei e dal sarcasmo di lui.

Ma se pensate che questo libro ricalchi i soliti cliché del rapporto tira e molla tra lui e lei vi sbagliate. La Casey prende subito una strada diversa e molto interessante. Innanzitutto comincia a mettere in luce diverse sfaccettature di Ryan e Ash: “ Nessuno è mai come sembra, o come lo dipingono”.

Mai parole furono più vere. Ryan non è la ragazza snob, viziata che potrebbe sembrare in un primo momento ma una ragazza dolce, sensibile, che soffre per un padre lontano, in prigione, per la distruzione del suo mondo e delle sue certezze ma che si rimbocca le maniche e cerca di trovare il coraggio e la forza di affrontare la nuova vita. Si trova un lavoro e nel frattempo recupera i rapporti con la zia e la cugina, le uniche parenti rimaste. Nel suo cuore c’è un grande dolore, la perdita della madre; scoprirà presto che quel dolore la accomuna ad Ash. Anche lui non è quello che sembra: lavora per un’organizzazione criminale ma scopriamo ben presto che nasconde molto di più. Non è solo quello, è anche un fratello maggiore che si occupa del fratello minore, Sean, che si sacrifica perché Sean studi e perché possa avere la vita sana, pulita, onesta che a lui è stata negata dall’abbandono del padre e dalla scomparsa prematura della madre.

«Credo che tu sia un bravo ragazzo, frainteso dalla maggior parte della gente».«Ryan», disse con le sopracciglia aggrottate, «sono come tutti dicono, perlopiù. Spaccio droga, c’è poco da girarci intorno».«Ti piace spacciare?».Scoppiò quasi a ridere.«Dio, no». Fece una smorfia. «Lo odio, cazzo, ma non ho altra scelta».«Proprio così», affermai piano. «Proprio così».«Ma comunque lo faccio».«Ma non hai alternative, quindi non è la stessa cosa».

Ashley e Ryan si attraggono come calamite, si scoprono diversi da ciò che immagina la gente di loro, si vedono l’uno con gli occhi dell’altra; andranno contro tutto e tutti per poter stare insieme, anche se non è saggio, anche se è la cosa peggiore che possano fare, anche se il loro è un amore impossibile.

«Ho sempre seguito le regole, ho sempre fatto quello che mi veniva detto, da brava ragazza. Un solo appuntamento con te mi ha fatto mettere tutto in discussione, Ash. Cosa mi stai facendo?».

«Ecco perché voglio essere molto chiaro prima che tra noi succeda qualcos’altro. Sono quello che sono e non posso farci niente, neanche volendo».

In questo romanzo, oltre alle scintille che si sprigionano quando i protagonisti, si toccano o semplicemente si guardano, un altro punto di forza è rappresentato dalla crescita e dalla maturazione che compiono entrambi i personaggi. Tutti e due cambieranno e matureranno nel corso della storia, non restando cliché stereotipati ma acquisendo dinamicità e diverse, affascinanti sfumature. Come ho detto l’inizio è scoppiettante, il prosieguo è intrigante. Si snodano diversi colpi di scena che terranno il lettore con il fiato sospeso fino alla fine. Ammetto che all’80% del libro erano ancora molte le questioni che dovevano risolversi e quando quasi temevo di dover aspettare un seguito, l’autrice con un colpo da maestra rimette a posto ogni pezzo del puzzle e lo ricompone in un incastro perfetto. Mi ha stupito e sorpreso il suo “coup de theatre”. Forse avrei preferito un finale un po’ più lungo, ad ampio respiro, perché rispetto all’inizio travolgente, resta leggermente frettoloso. Troppe cose si risolvono nelle ultime pagine.

Molto ben caratterizzati e davvero divertenti sono anche i coprotagonisti: da Sean, il fratellino di Ash che vorrei protagonista del prossimo romanzo, a Eddi, la cugina di Ryan, corteggiata apparentemente senza speranza da Anto, amico fraterno di Ash. E poi Ciara, la “matrigna” di Ryan, donna misteriosa, fredda e apparentemente venale che sarà invece pedina importante per un finale risolutivo.

Lo stomaco fece una capriola nel sentire quelle parole. Non c’era nulla di pianificato o di programmato in quella conversazione; era vera, ecco perché scorreva con sincerità. Anche se stavamo appena iniziando a conoscerci, capii che nel subconscio Ash si fidava già abbastanza di me da aprirsi. Mi resi conto che stavo facendo esattamente lo stesso con lui. «Be’, allora questa è una serata di prime volte per entrambi».

Il rapporto tra Ash e Ryan è bello, pulito, una luce in un mondo buio; lei è l’unica che sembra illuminare l’esistenza monotona e deprimente di lui, i cui giorni si rincorrono tutti squallidamente identici e uguali.…. troveranno il modo di stare insieme?

Mi sentivo desiderata, rispettata… voluta. Mi sentivo speciale, e quando guardai Ash ebbi paura che me ne sarei innamorata, anche se tutti, lui compreso, mi avevano detto di stargli alla larga.

E se staranno insieme, sarà solo un rapporto con la data di scadenza già impressa sopra oppure potrà durare e andare oltre il buio, l’impossibile, oltre ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, oltre le famiglie…oltre le leggi degli affiliati? Leggetelo e lo scoprirete!

Lo straconsiglio, a chi come me ama i contrasti, gli amori impossibili, i mondi paralleli, destinati a non incontrarsi mai, una ragazza “pura” e innocente e il “delinquente” affiliato ad una gang. Lo consiglio anche a chi ama l’introspezione psicologica, i personaggi non stereotipati ma che danno vita a qualcosa di diverso. Consigliato a chi ama le ambientazioni anche particolari, come Dublino, a chi cerca romanzi dove oltre ad una bella storia d’amore ci siano anche colpi di scena e una sottile linea gialla. Da leggere anche per chi, come me, ama emozionarsi con storie che sembrano davvero reali, con personaggi che sembrano uscire dalle pagine e prenderti per mano. L’ho divorato ed ora ne aspetto un altro, mentre rivivo dolcemente le sensazioni dolci e magiche di un amore proibito dei giorni nostri.

«Per me sei speciale», le dissi. «Il legame che c’è tra di noi non capita spesso».«So cosa intendi», rispose piano. «Mi rendo conto che sta succedendo in fretta, ma non sembra. È facile, è…».«Naturale», finii la frase. «Tra noi è naturale».

Un pensiero riguardo “Recensione: “IL MIO PICCOLO SEGRETO” di L. A. Casey

  1. Lo metto in lista grazie

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close