Recensione: “DIVERSA DA ME” di Iris Bianchi

Nel giorno della pubblicazione, Simona La Corte ci parla di “DIVERSA DA ME” di Iris Bianchi, edito Eros Cultura.

“Diversa da me” è un romanzo da scoprire perché racconta la vita nella sua quotidianità, con le problematiche e le difficoltà che la caratterizzano. L’erotismo, misurato e mai volgare, accompagna la storia senza mai appesantirla o banalizzarla.
Con questa nuova pubblicazione, Iris Bianchi conferma il proprio talento all’interno del panorama della letteratura erotica italiana.

Sinossi

Corri. Più veloce. Spingi. Più forte. Ogni mattina, Aida allaccia le scarpe da corsa e corre a perdifiato ripetendo il suo mantra. Fuggire dalla sofferenza e dal fallimento è l’unica cosa che sembra avere senso. Quando ha scoperto che la sua vita era stata costruita su una enorme bugia, ha sentito la necessità di allontanarsi il più possibile da quelle che, fino a un attimo prima, erano le sue certezze. Aida chiede aiuto all’amica Azzurra, che tanto avete amato nel precedente romanzo Zucchero alla vaniglia, la quale le offre un valido sostegno per ricominciare la vita da capo. La strada del cambiamento però è complicata, le insicurezze e le paure sono tante, il danno che ha fatto il suo ex, che lei chiama il Ronzino, è notevole. Una nuova “difficoltà” si prospetta ora: un uomo affascinante, e determinato a conquistare il cuore di questa donna disincantata. Sarà una lotta dura. Riuscirà Carlo ad abbattere le rigide difese di Aida? E quando tutto sembra risolto, all’improvviso compare un nuovo, serio problema da affrontare, tale da mettere a rischio la sua vita! Dopo il grande successo di Zucchero alla vaniglia, nuovi personaggi si mescolano con i precedenti dando vita a un nuovo romance, incalzante ed eccitante. ADATTO A UN PUBBLICO ADULTO

Titolo: Diversa da me

Autore: Iris Bianchi 

Editore: Eroscultura

Data di uscita: 28 giugno

Ebook: 2,99 Cartaceo: 14

Correre. Fuggire. Sentire i polmoni bruciare, provare sollievo nel dolore fisico… Questo è ciò che fa Aida ogni giorno, sperando di superare le sensazioni negative che le opprimono il cuore, che deteriorano la sua anima. Un’anima ferita da chi si fidava, da chi le diceva di amarla, da chi le ha dato la vita. Una vita, quella di Aida, condizionata dalle decisioni che gli altri prendevano per lei e che, a un certo punto, non ha più sopportato. Perché la libertà individuale non può essere costruita da nessuno e le imposizioni, a lungo andare, deteriorano le sicurezze di un essere umano.

“Corri!
Più veloce.
Spingi!
Più forte.”

Aida volta pagina per riscoprire se stessa e ad aiutarla ci sono la sua amica Azzurra e la signora Apollonia, due personaggi che abbiamo conosciuto e amato nel precedente romanzo “Zucchero alla vaniglia”. Ma c’è qualcosa che manca nella sua vita: l’amore. Quello vero, che infonde speranza, che completa, che appaga e non mortifica.
Aida conosce Carlo, un uomo che ha un trascorso complicato e che prova sin da subito una forte attrazione per la donna, ma anche lei avverte questo richiamo irresistibile e soccombere alla passione è facile, è giusto, è inevitabile.

“Terra, aria, acqua, fuoco sono elementi fondamentali per la vita. […] E poi la sento, la sua voce, che graffia la mia pelle.”

L’incontro con Carlo risveglia la vitalità di Aida (ma anche i suoi sensi subiscono un’impennata!) e, a poco a poco, la nostra protagonista trova il coraggio di alzare la testa e dire “basta!” a chi ha tentato di incarcerarla in una vita che non le appartiene. Insieme sperimentano una passione che li unisce ogni giorno di più e che, ben presto, si trasforma in qualcosa di più profondo e inaspettato. Grazie a lui, Aida imparerà a fidarsi di nuovo e a rimettersi in gioco, mentre Carlo scoprirà i benefici di avere accanto una donna che si dona completamente, corpo e cuore, anima e carne.
“Diversa da me” è un romanzo da scoprire perché racconta la vita nella sua quotidianità, con le problematiche e le difficoltà che la caratterizzano. L’erotismo, misurato e mai volgare, accompagna la storia senza mai appesantirla o banalizzarla. Lo stile introspettivo dell’autrice permette al lettore di entrare nei pensieri della protagonista e di vivere i suoi drammi, ma anche di sentire sulla propria pelle il brivido dell’eccitazione. La narrazione avviene con il solo POV femminile, ma vi garantisco che anche attraverso le parole di Aida emerge la personalità di Carlo.
Con questa nuova pubblicazione, Iris Bianchi conferma il proprio talento all’interno del panorama della letteratura erotica italiana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close