Recensione: “LE VERITÀ DI NUMEESVILLE” di Simona Di Iorio & Ilaria Ferraro

La bella lettura di Elisa Mura, che ha avuto il piacere di condividere con A libro aperto. “LE VERITÀ DI NUMEESVILLE” di Simona Di Iorio & Ilaria Ferraro.

“Non ci sono mai sbavature o incongruenze, per cui non saprei dire quali sono i pezzi scritti da una o dall’altra. Tanto di cappello. Inoltre, che posso dire, ho amato molto questo romanzo per le emozioni che trasmette, – oltre a essere avvincente e poco scontato – ahimè anche risvolti tristi ma ci sta, vuol dire che lascia un segno profondo nel cuore del lettore.”

Sinossi

Ci sono storie di cui non vorresti mai conoscere la fine, ma ricorderai per sempre come sono iniziate.

Un’intricata ragnatela di eventi avvolge le vite degli abitanti della tranquilla cittadina canadese di Numeesville e, poco a poco, rivela verità sconcertanti.
In un tetro gioco del destino, c’è chi si nasconde dietro una facciata di perbenismo, chi nega deliberatamente l’evidenza dei fatti e poi c’è Sophie Park che, privata di una promettente carriera giornalistica, scappa dalla gabbia del proprio presente. Si ritrova però ad annegare nel torbido passato della sua città natale, dove tornano a galla particolari ignorati di una morte misteriosa che l’ha segnata profondamente. La donna non ha dimenticato e si rifiuta di credere all’ipotesi di molti che si sia trattato di un suicidio, facendo di tutto per riaprire quel caso, archiviato come irrisolto dieci anni prima.
Ed è allora che una voce si solleva più forte delle altre, quella di colei che tutto sa, nonostante mai avrebbe voluto sapere.

“Danzo leggera con lei e assaporo l’illusione di ciò che mi è rimasto della vita: i ricordi, i profumi, le sensazioni e… l’inaspettata verità.”

Titolo: Le verità di Numeesville
Autore: Ilaria Ferrario e Simona Di Iorio
Editore: self
Genere: thriller, romance.

Ci sono storie di cui non vorresti mai conoscere la fine, ma ricorderai per sempre come sono iniziate.

Al mondo esistono le rarità, tra queste vi è l’amicizia, quella vera e incondizionata, tuttavia spesso un amico non si conosce mai nel profondo, anche se si è convinti del contrario.
Tre ragazze, tre amiche, tre sorelle non di sangue ma unite nello spirito che condividono la bellezza del loro aspetto e del loro animo, fino a quando la giovane Beth mette fine alla sua vita e lascia tutti gli abitanti di un piccolo paese sopraffatti dallo stupore. Ma sarà davvero stato un suicidio? Sophie, una delle tre amiche inseparabili, non ne è mai stata convinta.

Quanti ricordi legati a questo luogo. La giovane donna è cresciuta poco lontano da qui, ma le sembra ieri quando, bambina, correva e giocava spensierata con le sue amiche lungo la riva del lago e nei boschi retrostanti che conosceva a menadito.

Le autrici ci trasportano in un thriller corale dalla trama intricata ed estrosamente congeniata, pregna di punti oscuri da chiarire. Oltre alla parte misteriosa legata alle indagini, vi è una forte componente sentimentale che ha legato – e lega- i personaggi tra di loro. La terza persona infatti aiuta ad ampliare la conoscenza dei vari protagonisti: ognuno ha qualcosa da dire, da nascondere, soprattutto, disseminando indizi durante lo scorrere delle pagine. Tra tutti spicca Sophie, visto che la storia ha inizio col suo ritorno a Numeesville dopo tanti anni

“Danzo leggera con lei e assaporo l’illusione di ciò che mi è rimasto della vita: i ricordi, i profumi, le sensazioni e… l’inaspettata verità.”

Da sfondo al romanzo troviamo un magnifico paesaggio canadese ben descritto, – quasi lo si vede come in un film — a ridosso delle rive del lago Blake Lake, in cui era stato ritrovato il corpo di Beth. Sophie, insieme alla fedele cagnetta Luna, fugge dalla città per allontanarsi da una vita troppo opprimente e si prepara a rivivere quei vecchi ricordi, rincontrare le persone con cui è cresciuta – soprattutto l’amica Claire e l’ex fiamma Chris- e conoscenze ancora da nutrire – come il misterioso veterinario Jack, sempre scontroso e in ombra- . La presenza di Beth però sempre costante nella mente di Sophie, specialmente da quando appaiono indizi che appesantiscono le sue intuizioni su quanto accadde all’amica, perciò comincia a raschiare e infine scavare a fondo sulle vecchie indagini, secondo lei non troppo pulite, rischiando pure la propria incolumità. Segreti su segreti, bugie e inganni verranno piano piano alla luce, personaggi che man mano si riveleranno per quello che sono. Chi e che cosa dovrete scoprirlo da soli, sennò scivola via il gusto del mistero.
Dapprima sono d’obbligo i complimenti a Ilaria e Simona, in quanto presumo sia complicato  combinare un testo del genere a quattro mani. Non ci sono mai sbavature o incongruenze, per cui non saprei dire quali sono i pezzi scritti da una o dall’altra. Tanto di cappello. Inoltre, che posso dire, ho amato molto questo romanzo per le emozioni che trasmette, – oltre a essere avvincente e poco scontato – ahimè anche risvolti tristi ma ci sta, vuol dire che lascia un segno profondo nel cuore del lettore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close