Review Party: “L’ULTIMO DORCHA” di Arianna Colomba

A libro aperto partecipa al RP di “L’ULTIMO DORCHA” di Arianna Colomba

“Una trama ben congegnata, con una moltitudine di personaggi interessanti che si daranno la staffetta, tracciando l’intera vita del Dorcha fino al mistero finale. Un romanzo autoconclusivo, anche se il mio stupido cuore vorrebbe godere di un seguito, ripartendo dal profumo di lavanda.”

L'Ultimo Dorcha di [Arianna Colomba]

Sinossi

“«Io, Robert Karth, stipulo questo contratto con il Dorcha, affinché porti fuori dalla prigione, sana e salva, questa ragazza. Dovrà prendersi cura di lei fin quando gli sarà permesso e fin tanto che non la riterrà al sicuro. La tratterà con rispetto e farà in modo che né lui, né altri, possano farle del male. In cambio, in anticipo, offro il pagamento di tre notti di riposo nella mia dimora, abiti puliti e le cure necessarie per la giovane.» L’uomo alzò il volto. Era chiaro il fatto che temesse di aver osato troppo e adesso si stava chiedendo se il Dorcha avrebbe accettato i termini del contratto o gettato la pergamena.
Gareth fissò un’ultima volta la giovane distesa sul tavolo. Passarono lunghi attimi e infine, a un tratto, si chinò sulla pergamena macchiata di sangue e soffiò.”

In un’epoca sull’orlo dell’apocalisse, i Dorcha rappresentano l’equilibrio tra Uomini e Oltremondo. Sono l’ago della bilancia che mantiene in vita ogni creatura, nel corso dei secoli.
Ma qualcosa sembra essere cambiato. La pioggia continua a cadere da svariati mesi e gli Uomini hanno iniziato la caccia ai propri simili, incolpando di stregoneria chiunque ritengano sospetto.
È proprio in questo clima di follia che Gareth, un Dorcha, viene legato da un contratto a una strana ragazza, accusata di essere una strega.

“Nei suoi occhi di ghiaccio, attraversati da piccole pagliuzze del colore delle tenebre, non risiedeva alcun sentimento e le leggende stesse narravano che i Dorcha fossero nati privi di cuore.”

Il loro compito è “stipulare contratti”, fatti di sangue, soffi, e di oscurità… incapaci di scegliere tra il bene e il male.

Il Dorcha è un guerriero, un cacciatore, nato per mantenere l’equilibrio tra le due razze, così che nessuna prevalga sull’altra. In questa maniera, il mondo non dovrebbe conoscere una fine precoce”

Gareth è uno di questi, e ha appena stipulato un accordo con Robert per mettere in sicurezza una ragazza – la potenziale strega -, colei che potrebbe aver scatenato il sortilegio della pioggia. Acqua che, con la sua portata, ha dilaniato raccolti portando la popolazione all’estrema povertà. Una vera gatta da pelare per il Dorcha, costretto a scappare con una taglia sulla testa.

“«Ma la legge dell’Equilibrio dice che…»”

“«Non hai calcolato una variante importante (…), che sono pronto a infrangere anche l’Equilibrio per proteggere Sive»”

Una donna dallo sguardo incantevole, e che sa di lavanda. Una femmina pronta ad ammaliarlo, con atteggiamenti per niente “umani”. Gareth vede il filo rosso che li unisce, lo osserva assottigliarsi mentre il mistero sulle origini di Sive si infittisce sempre più. Eppure la giovane non è una minaccia per lui, e lo sa. La minaccia è rappresentata solo dal rischio che è disposto a correre per proteggerla. Ma il Dorcha non sa ancora che sta per imbattersi in una guerra “impari”: dove vige l’inganno non c’è arma che tenga, se non fare giustizia!

Un romanzo che se non erro ha visto la pubblicazione in gennaio, e che ha suscitato tanta curiosità fin da subito. Letture che si rimandano per mancanza di tempo… ma che poi si ripresentano, e forse anche per me era destino che incontrassi L’ultimo Dorcha; quindi non è un caso che adoro il rosso, magari anche con me c’è una sorta di legame…

Adoro il genere, che possiamo definire fantasy, distopico, dark. Amo profondamente Gareth – ancor più di Sive – perché nonostante la facciata da duro, mostra un cuore che è fuori dal comune, anche per un umano. Nonostante abbia un ruolo “discutibile” – che non ha potuto scegliere – mette l’anima e profondo rispetto in quella sua “missione”; fa sfoggio della figura di figlio devoto, ma soprattutto AMA Sive, con la potenza che non apparterrà mai a un comune mortale. La protagonista è sfuggente – tranne per certi impeti che dimostra di voler essere sua – ma il ruolo che le è stato assegnato comporta ciò. In cotanta avventura sarebbe stato bello assistere a qualche scena più romantica, anche se la parte finale ripagherà delle carenze iniziali. Un amore struggente che resisterà durante tutta quella sorta di persecuzione.

“«Non so cosa tu mi abbia fatto. Non so neanche perché sia accaduto. Ho lottato, con ogni forza che avessi in corpo, per mettere a tacere quella voce che mi spingeva verso te. L’ho ascoltata, ho provato a obbedirle ma ho fallito. Voglio pensare di aver esaudito i tuoi desideri, portandoti con me, ma la realtà è che non sarei mai riuscito a lasciarti andare»”

Una trama ben congegnata, con una moltitudine di personaggi interessanti che si daranno la staffetta, tracciando l’intera vita del Dorcha fino al mistero finale. Un romanzo autoconclusivo, anche se il mio stupido cuore vorrebbe godere di un seguito, ripartendo dal profumo di lavanda.

Complimenti a Arianna Colomba, che con la sua avvincente penna, riuscirà a calamitarvi tra le pagine, soprattutto tra un sussulto e l’altro. Da leggere assolutamente se amate il genere, ma anche se siete curiosi di sperimentarlo, visto che la storia merita davvero! Non mi resta che augurarvi buona lettura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close