Recensione: “TAKE ME HOME” di Sadie Jane Baldwin

Il consiglio giusto ci viene dato da Daniela Tess con la recensione di “TAKE ME HOME” di Sadie Jane Baldwin.

Se amate le storie d’amore dove il rosa si mescola con il giallo, se adorate i colpi di scena, le rivelazioni scioccanti, i misteri da risolvere, questo libro è davvero la lettura che fa per voi. Romantica e passionale, intrigante, con continui e repentini cambi di fronte che non annoiano ma che spingono a divorare le pagine per arrivare al sorprendente finale.

Sinossi

Uomo insicuro e dall’animo tormentato, Noah Donegan conosce la prigionia, la violenza, la mancanza d’affetto. Il suo passato l’ha segnato e per sopravvivere è diventato un uomo dal cuore di pietra e ha scelto la solitudine come compagna di vita.
Elizabeth Westwood è una ragazza forte e determinata, che non si arrende davanti a nulla, dalla vita apparentemente perfetta, abituata al lusso e alle comodità, ma è una ragazza sola, che ha tutto tranne l’amore.
Elizabeth e Noah non erano destinati a incontrarsi, e quando le loro strade s’incrociano, qualcosa scatta subito tra loro. L’uomo burbero e insolente che l’ha salvata da morte certa sa essere anche generoso e protettivo, ma sta fuggendo da qualcosa e forse nasconde un segreto.
Tra i romantici paesaggi della Provenza nascerà un sentimento che ha il potere di far superare ogni difficoltà, ogni incomprensione, ma riuscirà anche a durare nel tempo?

Romanzo autoconclusivo.

«Non dimenticherai mai, ma con il tempo tutto sembrerà più sbiadito, lontano e meno doloroso, persino accettabile.»

Quando ho letto la trama di questo libro ho deciso subito che dovessi averlo perché mi ha catturato immediatamente. Chi ha letto qualche mia recensione sa già quanto mi piacciano “gli opposti che si attraggono”, le storie dove lui e lei sembrano appartenere a mondi apparentemente lontani e distanti che però, all’improvviso, entrano in rotta di collisione scatenando un vero e proprio “Big Bang” e rivoluzionando certezze e pregiudizi. Questo è proprio il libro che fa per voi se, come me, amate questi grandi contrasti.

“Take me home” non è solo un romanzo d’amore passionale e forte ma è un libro ricco di colpi di scena e di suspense. I protagonisti sono Noah ed Elizabeth.

Noah è un uomo disincantato e cinico, divenuto freddo a seguito di avvenimenti drammatici del suo passato. Non crede in nulla, men che meno nell’amore.

Era nato senza soldi, la sua famiglia faticava ad arrivare alla fine del mese, ma aveva abbastanza cervello da capire che nessuno ti regala niente, che se desideri qualcosa te la devi guadagnare con la fatica e il sudore.

Durante un soggiorno in Provenza, in circostanze particolari, conosce e salva Elisabeth, una ragazza indipendente, forte, ricca…irraggiungibile.

Lei voleva una vita normale, piena d’amore e priva degli eccessi a cui era stata costretta fin da bambina. Suo padre le aveva donato denaro e privilegi, ma lei voleva un lavoro ordinario, degli amici normali, un uomo che la amasse e, soprattutto, voleva capire come sarebbe stata la sua vita senza tutte le comodità a cui era abituata.

Nonostante la diffidenza dell’uomo e l’apparente fragilità e ingenuità della donna, l’attrazione tra i due è palpabile e immediata:

La sua voce era profonda. In circostanze diverse sarebbe rimasta incantata ad ascoltarlo parlare con quel timbro autorevole. Sapeva che non doveva fidarsi di nessuno, ma lui le aveva salvato la vita. 

Era splendida, una dea, sembrava uno degli angeli di Victoria’s Secret.

Gli occorreva tutta la sua buona volontà per non saltarle addosso in continuazione. E poi gli piaceva passare del tempo con lei e, doveva ammetterlo, anche parlare con lei. A dire il vero Beth era il suo primo pensiero al mattino e l’ultimo della sera. 
E di notte la sognava. 
Era fottuto.

La Baldwin è bravissima nel creare un intreccio narrativo ricco di pathos. Mette subito tantissima carne a cuocere ed ammetto che ha spiazzato anche me che pure, avendo letto tantissimi gialli della regina Christie, un po’ di fiuto nel risolvere i misteri l’ho sviluppato! Mentre cresce la tensione sessuale tra Noah ed Elizabeth, si susseguono i colpi di scena: non tutto è come appare. Rapimenti, inseguimenti, sparizioni, misteri: non manca nulla per tenere alta l’attenzione dei lettori e stuzzicarne la curiosità. Mentre tifiamo per un amore impossibile tra un uomo perduto, sconfitto, quasi morto dentro e la ragazza ricca ma generosa che vorrebbe solo amarlo ed esserne riamata, nel contempo ci divertiamo a risolvere il rompicapo. Non posso svelarvi troppo perché davvero non voglio rovinarvi la sorpresa ma ogni tassello è stato magistralmente messo al posto giusto fino a ricomporre la tela. Ogni mia parola superflua potrebbe essere un’incrinatura in quella che dev’essere invece una lettura personale e perfetta.

Lo stile della Baldwin è elegante, semplice ma efficace. Le scene d’amore sono “Hot” al punto giusto e non scade mai nella volgarità. L’eroina è proprio come piace a me: tosta al punto giusto, con delle sue fragilità che ce la rendono più umana, intelligente, onesta; pur di famiglia ricca, si rimbocca le maniche e persegue una propria indipendenza, coltivando nel contempo valori di onestà e sincerità. Noah lo conosciamo come un uomo alfa che però cresce tantissimo nel corso della narrazione, cambiando i suoi presupposti, errati, ed arrendendosi al più dolce dei sentimenti. Un uomo che nasconde dei segreti, oltre che delle ferite, che si sommano ai muri che potrebbero dividerlo dalla donna che ha scoperto di amare.

Dentro di lui, oltre a un placido languore, c’era un mare di emozioni in tempesta: voglia di riscatto, paura, appagamento, piacere e pace, tanta pace. 

Se amate le storie d’amore dove il rosa si mescola con il giallo, se adorate i colpi di scena, le rivelazioni scioccanti, i misteri da risolvere, questo libro è davvero la lettura che fa per voi. Romantica e passionale, intrigante, con continui e repentini cambi di fronte che non annoiano ma che spingono a divorare le pagine per arrivare al sorprendente finale. Una storia rilassante e perfetta per l’estate, completa: non avevo letto nulla di Sadie Jane ma ora non vedo l’ora di recuperare i precedenti! Vi consiglio questa “penna” capace e raffinata, non ne rimarrete delusi anzi, non ha nulla da invidiare alle più famose autrici americane del romantic suspence! Provare per credere!

Questa volta lui la guardò dritto in volto. La sua espressione era intensa, con una luce di puro desiderio che gli brillava negli occhi. Si sentiva pronto: voleva darsi a lei, voleva essere strappato da quel luogo buio nel quale sopravviveva da lungo tempo, sciogliere quelle catene che non gli permettevano di muoversi come voleva.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close