Recensione: “LA MIA PAZZA VACANZA IN GRECIA” di Mandy Baggot

Un’altra bellissima recensione della nostra Katy Policante, che ha letto per A libro aperto “LA MIA PAZZA VACANZA IN GRECIA” di Mandy Baggot, edito Newton Compton.

Sinossi

Felice, fidanzata e all’apice della sua carriera, Ellen aveva una vita perfetta. Almeno fino al momento in cui tutto è crollato e si è ritrovata ferita e con il cuore spezzato. Proprio quando Ellen sembra sul punto di lasciarsi andare alla tristezza, quel tornado di sua sorella Lacey la convoca inaspettatamente in Grecia, nella splendida isola di Corfù, perché la aiuti nei preparativi di un grosso, grasso matrimonio. Che sia l’occasione giusta per schiarirsi le idee e rimettersi in piedi? Lasciarsi il passato alle spalle non è mai un’impresa troppo semplice, ma con Lacey in modalità “sposa-assatanata”, presa dai preparativi nuziali, sarà quasi impossibile anche solo respirare! Senza contare che nello staff dell’albergo c’è un misterioso sconosciuto davvero affascinante… Basterà qualche bicchiere di ouzo a convincere Ellen a lasciarsi andare?

Titolo: La mia pazza vacanza in Grecia

Autore: Mandy Baggot

Editore: Newton Compton

Data Pubblicazione: 30 giugno

Copia digitale gentilmente fornita dalla CE

Ho amato questo romanzo fin dall’inizio. Le premesse perché fosse divertente e frizzante c’erano, ma non mi aspettavo di trovare tanta dolcezza e tanta introspezione. Il contesto è da sogno: l’isola greca di Corfù con le sue atmosfere e i suoi profumi, i paesaggi indimenticabili e i colori da acquerello. Ho fatto il mio viaggio di nozze in Grecia e tanti particolari di questo romanzo me l’hanno ricordato. Certo, è passato del tempo, ma alcuni scorci, certi tramonti, molte immagini sono ancora vivide nella mia memoria.

Ellen arriva a Corfù per accompagnare la sorella Lacey che ha scelto l’hotel dove soggiornano come location per il suo matrimonio. Il viaggio, dunque, ha un mero scopo organizzativo, una specie di sopralluogo all inclusive che dovrebbe farle staccare dai problemi quotidiani. Ellen, infatti, vive per il suo lavoro e ha un filo diretto con l’ufficio fatto di promemoria, chiamate e messaggi in segreteria. Lacey è spensierata, fin troppo per una che a breve si dovrebbe sposare. L’hotel, oltre a essere bellissimo e a offrire ogni comfort, nasconde anche delle tentazioni in carne e ossa: due animatori ronzano intorno alle due ragazze, anche se in realtà sono molto diversi tra loro.

Sergei cerca solo avventure e Lacey non sembra affatto immune al suo fascino, mentre Yan è gentile, ma riservato. Ellen nota subito la sua personalità e, col passare dei giorni e delle disavventure, i due finiranno con l’essere molto vicini. Entrambi hanno qualcosa da nascondere sotto la maschera che indossano quotidianamente per mostrarsi al prossimo e ruoli ben definiti da ricoprire che, però, cominciano a andar loro stretti. Una solo settimana sta per cambiare la vita di tutti i protagonisti del romanzo perché, come succede sempre, l’amore è un imprevisto, qualcosa che non segue mai strade maestre e tempi definiti.

Ho amato, oltre alla descrizione del paesaggio magnifico dell’isola di Corfù, la fragilità dei personaggi che esce dalle profonde parti introspettive: sia Ellen che Yan (ma anche Lacey a suo modo) sono costretti dagli eventi a mostrarsi nudi e non solo nel senso fisico del termine. Ogni barriera cade, ogni stratagemma per celare le proprie debolezze si blocca, non funziona più, costringendoli a confrontarsi a cuore aperto, facendo i conti con se stessi e con quella coscienza che non fa che tormentarli. Ho amato profondamente Yan in questo contesto: mi sarei aspettata di tutto, ma non quello. Non voglio togliervi il piacere di scoprirlo, insieme a tutte le altre vicende raccontate nel romanzo. Dovete leggerlo, è davvero caldo e piacevole sulla pelle come un raggio di sole.

Lo stile dell’autrice è scorrevole, la traduzione non presenta particolari problemi, fatta eccezione per qualche refuso che non influisce per nulla sulla qualità del romanzo stesso.

Cinque libricini al sapore di ouzo.

Katy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close