Recensione: “IL LIBRO DEI SETTE SIGILLI” di Barbara Bellomo

Un bellissimo thriller e la scrittura piacevole di Barbara Bellomo, che ci presenta IL LIBRO DEI SETTE SIGILLI, edito Salani Editore.

Una lettura piacevole se amate la suspense, ma se credete anche nei rapporti umani, che non vengono meno nonostante la trama “avventurosa”. Lasciatevi condurre dalle indagini, guardatevi intorno, ovunque. Fate le vostre congetture, non lasciatevi ingannare mai dall’apparenza, il nemico si nasconde dove meno si sospetta.

Sinossi

Un libro profetico. Una scrittrice coraggiosa, decisa a mettersi sulle sue tracce. Un’avventura sospesa tra realtà e leggenda.
 
Gerusalemme. Nell’anno del Signore la profetessa Anna consegna al mondo un libro destinato a cambiarne le sorti. Molti secoli dopo la storia di questo testo leggendario incrocia il cammino di Margherita Mori, scrittrice di successo a­ffetta da ipermnesia, un disturbo della memoria che la porta a ricordare ogni singolo dettaglio della sua esistenza, anche il più doloroso. Margherita ha da poco pubblicato un romanzo d’avventura, in cui racconta la storia di un libro apocalittico, protetto da sette sigilli e in grado, all’apertura di ogni sigillo, di flagellare la popolazione con terribili catastrofi. Ma se l’opera è solo il frutto della sua fantasia, perché padre Costarelli sembra essere così interessato, tanto da convocarla con urgenza presso il seminario? Quando, solo due giorni dopo il loro incontro, il religioso muore in circostanze sospette, il tenente dei Ros Erika Cipriani viene incaricata delle indagini. Molte sono le domande che cercano risposta: il Libro dei sette sigilli esiste davvero? Dove può essere stato nascosto? E che ruolo hanno i gesuiti nella ricerca? Tra inseguimenti rocamboleschi, archivi che nascondono insospettabili segreti e chiese dense di mistero, Margherita viene trascinata in una vicenda più grande di lei, mettendo a rischio la sua stessa vita.
Appassionante come Il codice da Vinci, avvincente come La biblioteca dei morti. Il primo thriller di Barbara Bellomo unisce al fascino di un’avventura piena di colpi di scena figure femminili forti e personaggi complessi, da cui è impossibile non lasciarsi catturare.

  • COLLANA: Salani Romanzi
  • GENERE: Narrativa generale, Azione e avventura
  • EAN 9788831006668
  • PAGINE: 304
  • FORMATO: ebook

Copia digitale gentilmente offerta dalla CE

Deserto della Giudea, 1911. Aicha compie il suo miracolo, eppure non è la prima; altre figure femminili l’hanno preceduta e così sarà sempre, nei secoli dei secoli. Del potere di queste donne vi è traccia, ed è proprio questo il problema…

Roma, 5 dicembre. Oggi. “Il libro delle profezie” di Margherita Mori è presente in tutte le librerie, nella sezione “I più venduti”. Se non la conoscete, vi illumino io. Indiscutibilmente geniale, si ferma sempre più di un attimo a pensare, a documentarsi; un tempo zero a memorizzare tanto che non la scoverete mai con un notes in mano, al limite potrebbe capitare di vederla prendere appunti, ma solo come copertura a quella sua “dote”. Chiunque lo riterrebbe un regalo del destino, invece è il frutto di due grossi dispiaceri; chi è del mestiere lo definirebbe alterazione della memoria o ipermnesia. Chi non vorrebbe ricordare ogni istante della propria vita per riviverlo quando se ne ha voglia, come un film? Ma vi piacerebbe sentir rimbombare in testa il rumore provocato dal dolore, dai brutti ricordi, dal silenzio?… Non finisce qui, perché ricordare anche particolari scottanti, per poterli riutilizzare – senza scopiazzare – l’ha portata a conoscere personaggi singolari che l’hanno condotta in fondo a un vicolo… cieco? Proprio quel romanzo in cui ha messo anima e cuore, che l’ha portata tra scaffali polverosi a cercare Rachele, Elena, Aicha… l’ha accompagnata da Padre Costarelli, dal quale ha ricevuto istruzioni precise, nel caso l’Ordine decida di fargli una sorpresa. Padre Busi e il tenente Erika Cipriani saranno alcuni dei nuovi compagni di viaggio.

Il mistero prende forma appieno con attacchi mirati, omicidi, ricerche serrate ai colpevoli e alla nuova prescelta. Tradimenti dove meno li si aspetta avverranno, insieme a l’evolversi di una delicata storia d’amore.

Come sapete amo il genere, e immediatamente ho trovato una certa empatia con Il libro dei sette sigilli; ma subito dopo i primi capitoli ho scoperto quella voglia di correre come con “Il Codice da Vinci”, e se l’avete letto, sono sicura avrete quell’immediata sensazione. Se invece vi ho istillato il dubbio che le storie siano simili, questo no! Una profezia, un libro antico da ricercare, persone troppo interessate ad aprirlo per… non vi posso rovinare la sorpresa, piuttosto intendo parlarvi di alcuni personaggi.

La protagonista assoluta, Margherita Mori, si farà conoscere pian piano al lettore, e molto curioso sarà approfondire il trauma subito. Risvegliata dai ricordi, sono quelli più brutti che le bloccano il nuovo percorso di vita, tipo con Alessandro, famoso pianista e più giovane di lei. Perennemente diffidente con chiunque provi ad avvicinarsi, ritrova una parziale serenità collaborando con il tenente Daniele Landi e il capitano Erika Cipriani. Adoro quest’ultima, con l’anima chiusa in una corteccia, pronta ad esplodere per donarsi agli altri. Figura controversa e piena di mistero, vi assicuro che vi entrerà nel cuore al pari della protagonista.

Ho apprezzato l’intero romanzo, grazie alla sapiente e scorrevole scrittura, come il profilo dei vari personaggi. Mi sarebbe piaciuto – ma è una mera considerazione personale – un approfondimento della storia tra Margherita e Alessandro; ad un certo punto lei ricorda il modo strano in cui si sono conosciuti: ecco, mi sarebbe piaciuto saperlo. Per il resto lo trovo profondamente piacevole e particolareggiato al punto giusto, tanto che ci si trova con la voglia di andare a verificare fatti ed eventi, tanto sembrano reali. La narrazione si avvale dei flashback necessari per apprendere il percorso, nei secoli, del Libro dei sette sigilli; ben strutturato, non crea difficoltà nella lettura, piuttosto dà brio e la voglia di proseguire verso il finale.

Ricordatevi questa frase: “Possono essere ovunque”. Ora tocca a voi ricercare i componenti dell’Ordine, il perché sono così interessati a quel libro antico, scovare la prescelta e capire il ruolo di Margherita in tutto ciò: perché è così scomoda a tutti? Perché deve scappare per proteggere la propria pelle?

Una lettura piacevole se amate la suspense, ma se credete anche nei rapporti umani, che non vengono meno nonostante la trama “avventurosa”. Lasciatevi condurre dalle indagini, guardatevi intorno, ovunque. Fate le vostre congetture, non lasciatevi ingannare mai dall’apparenza, il nemico si nasconde dove meno si sospetta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close