Recensione: “FALCE – Trilogia della Falce vol. 1” di Neal Shusterman

Una lettura strepitosa per Monica Pancin, che con FALCE di Neal Shusterman fa il suo ingresso in grande nella famiglia di A libro aperto.

Sinossi

Un mondo senza fame, senza guerre, senza povertà, senza malattie. Un mondo senza morte. Un mondo in cui l’umanità è riuscita a sconfiggere i suoi incubi peggiori.

A occuparsi di tutte le necessità della razza umana è il Thunderhead, un’immensa, onnisciente e onnipotente intelligenza artificiale. Il Thunderhead non sbaglia mai, e soprattutto non ha sentimenti, né rimorsi, né rimpianti.

Quello in cui vivono i due adolescenti Citra Terranova e Rowan Damisch è davvero un mondo perfetto. O così appare.

Se nessuno muore più, infatti, tenere la pressione demografica sotto controllo diventa un vincolo ineluttabile. Anche l’efficienza del Thunderhead ha dei limiti e non può provvedere alle esigenze di una popolazione in continua crescita. Per questo ogni anno un certo numero di persone deve essere “spigolato”. In termini meno poetici: ucciso.

Il delicato quanto cruciale incarico è affidato alle cosiddette falci, le uniche a poter decidere quali vite devono finire. Quando la Compagnia delle falci decide di reclutare nuovi membri, il Venerando Maestro Faraday sceglie come apprendisti proprio Citra e Rowan. Schietti, coraggiosi, onesti, i due ragazzi non ne vogliono sapere di diventare degli assassini. E questo fa di loro delle falci potenzialmente perfette.

  • Titolo: Falce – volume 1 della trilogia della falce
  • Autore: Neal Shusterman
  • Editore: Mondadori Oscar Vault
  • Pagine: 415
  • Prezzo: 10.99


“entrate in questo nuovo mondo dove la morte è stata sconfitta”

Non avevo mai letto nulla di Shusterman e ammetto a mani alzate che è stata una meravigliosa scoperta. Il fantasy, si sa è uno dei generi letterari che mi affascina di più, forse perché non mi piace la monotonia della realtà.

In Falce ho trovato una trama niente affatto scontata e non banale.

Citra e Rowan, i due protagonisti, caratterizzati meravigliosamente; spinti dalla scelta di maestro Faraday a seguire l’addestramento per diventare Falci.

Ma cos’è una Falce?

Ci troviamo in un mondo dove, ormai dov’è la morte è stata sconfitta; le persone possono ringiovanire come e quando vogliono, ai loro bisogni ci pensa il Thunderhead, una sorta di cervello artificiale che sa tutto e, soprattutto, vede tutto.

L’unico problema è il rischio di sovrappopolamento: per questo esistono le Falci; individui addestrati per “spigolare”, in base a statistiche precise, le persone, e mantenere il numero di persone viventi stabili.

“Per legge, dobbiamo tenere un registro degli innocenti che uccidiamo.
E, per come la vedo io, sono tutti innocenti. Anche i colpevoli. Tutti sono colpevoli di qualcosa, e tutti conservano un ricordo di innocenza che risale all’infanzia, per quanto sepolta da strati e strati di vita. l’umanità è innocente; l’umanità è colpevole. Queste due condizioni sono entrambe Indiscutibilmente vere”

Viste con terrore e riverenza, le Falci ricevono un duro addestramento fatto di lotta e di tecniche di uccisione.

Citra e Rowan, due ragazzini, sono tra questi.

Titubanti porteranno la loro conoscenza ai livelli di una falce adulta ma solo uno potrà superare l’esame e l’altro dovrà tornare alla sua vita di sempre. Fino a quando, loro malgrado, il destino avverso Li metterà uno contro l’altra è solo uno potrà sopravvivere.

“Il 2042 fu l’anno in cui sconfiggemmo la morte, e anche l’anno in cui smettemmo di contare. Certo, abbiamo continuato a numerare gli anni ancora per alcuni decenni, Ma da quando abbiamo conquistato l’immortalità, il tempo che passa ha perso importanza.”

Questo primo volume, di una trilogia geniale, curato nei minimi particolari e mai scontato ne noioso, si legge con una scorrevolezza particolare.

Shusterman sa lasciarti piacevolmente allibito e porta una bellissima ventata di novità nel mondo fantasy.

A breve uscirà il secondo volume che non mi farò assolutamente scappare.

In verità non mi dispiacerebbe affatto diventare una falce.

” Eppure, anche nei sogni, spesso mi ritrovo a spigolare…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close