Cara Autrice ti scriviamo… ANGELA CONTINI

Cara Autrice ti scrivo, all’occorrenza cambierà nome – in Cara Autrice ti scriviamo… – e faccia. A dir la verità, ci mettiamo la faccia, che poi, è il motto di A libro aperto.

Il salottino più pazzo di A libro aperto, assume sfumature coreane con un’ospite d’eccezione, e la sua pazza socia (pure mia!😉 ). Vi sto dicendo che, Gina Laddaga e io abbiamo intervistato nientepopodimeno che…

ANGELA CONTINI

MAIKA MEDICI

1. Benvenuta Angela, inizio con il classico cliché: chi sei nella vita di tutti i giorni?

Ero, sono e sarò sempre una sognatrice con la testa fra le nuvole, i piedi di tanto in tanto piantati per terra, un pc sempre accanto per scrivere, un taccuino che non mi servirà a niente perché non riesco a seguire scalette, un marito fin troppo paziente, un figlio più disciplinato di quanto sarò mai io, un gatto che chiede sempre da mangiare e non gli interessa di altro. Sono mangiatrice di musica in modo ossessivo, kdrama addicted, tastierista a tempo perso con il panico da palcoscenico, ma tempo perso non ne ho mai, quindi non suono da tempo immemore.

3. Mi viene poliedrica se penso a te, vista la maestria con cui ti muovi da un genere all’altro: romance, fantasy e storico. In quale ambito preferisci muoverti? Ma soprattutto tranquillizzami che Winter Sonata (il genere storico) non resterà solo una parentesi…

Clicca sulla foto per visualizzare la recensione

Poliedrica mi piace. Mi rappresenta. Racconto quello che mi ispira emozione. Se sono io la prima a emozionarmi è probabile che riesca a emozionare anche chi mi legge. Appartengo a diversi mondi perché nella mia testa sono tante le cose che viaggiano. Non ho un ambito preciso in cui mi piace muovermi, ma ho un comun denominatore che appartiene a tutto ciò che scrivo: l’amore. Devo infilarcelo dappertutto. Mi chiedi di Winter Sonata? No, non resterà solo.

5. Un pettegolezzo – arrivato direttamente alle mie orecchie diverso tempo fa – diceva così: “Tutto ciò che Angela Contini scrive è pronto per essere pubblicato.” Cosa puoi dire in tua discolpa?

Che se fosse così farei tanta di quella fatica in meno. La verità è che sono una perfezionista per natura. Orribile difetto, credimi. Vorrei essere più easy, ma non lo sono. Fin dalla prima stesura di un romanzo sto attenta ai dettagli. Questo cozza con la mia testa tra le nuvole, infatti non so ancora come fanno a coesistere queste due personalità in me. Dici che dovrei preoccuparmi e chiedere la consulenza di uno bravo? 😉

ANGELA CONTINI

2. Angela Contini e la scrittura: come e quando nasce questo connubio perfetto? Hai iniziato leggendo o ti sei ritrovata improvvisamente con una penna in mano?

Mangiavo la carta da bambina. In qualche modo nel mio DNA era scritto cosa avrei fatto da grande. Raccontare mi è sempre piaciuto. Scrivere è arrivato quasi subito, già in prima elementare scrivevo piccole storielle sgrammaticate e piene di errori ortografici. Poi sono migliorata. Almeno credo.

4. Una lunga bibliografia che ti vede in collaborazione con una grande CE e in self publishing. Vista la tua esperienza, cosa ti sentiresti di consigliare a chi vuole approcciarsi alla scrittura?

Desistete! Scherzo, ovviamente, ma non posso dire che la strada sarà tutta in discesa. Bisogna avere le spalle larghe per fare questo mestiere, un po’ di faccia tosta e tanto stica…

Ci siamo capiti no?

Se volete scrivere, fatelo. Senza aspettarvi nulla in cambio. Le soddisfazioni arriveranno se ve le meritate. Non cercate compromessi, scegliete sempre la strada in salita perché quelle lastricate d’oro non vi fanno imparare niente. In ultimo, ma non per importanza, studiate tanto. Ogni aspetto che concerne la scrittura. Studio matto e disperato, sempre.

6. Siccome siamo tutti un po’ ficcanasi qui A libro aperto, ci piacerebbe un piccolo spoilerino sui tuoi progetti futuri.

Tanti, troppi. Oltre allo storico che segue a Winter Sonata, sto lavorando a una trilogia ambientata in Corea, dato che sono particolarmente affezionata all’ambientazione, vista la mia passione per i kdrama. Racconterò di “masculi coreani gnocchi”: idol, capi di industria, gente così.

Ho in stesura un romanzo ambientato in Italia con un pianista come protagonista, la riedizione di un romanzo di narrativa storica e poi vedremo quale altra idea caccerò dal cappello magico.


GINA LADDAGA

7. Scriverai una nuova serie simile al Vermont e se sì, quale sarà lo scenario che le farà da sfondo.

Clicca sulla foto per visualizzare la recensione

Così lunga non lo so, ma sto scrivendo una trilogia di autoconclusivi ambientati a New York. Mi sono spostata nella big city. Vediamo cosa riesco a combinare. Il primo della trilogia dovrebbe uscire per la fine di Ottobre.

Clicca sulla foto per visualizzare la recensione

9. Visto che collabori con il blog KDRAMA ITALIA e ami il mondo dei drama coreani, hai in stesura un romanzo con un protagonista coreano che ha come prestavolto un attore coreano? Se sì, quando uscirà?

Lo sto già facendo. Da un pezzo ormai. Ho cominciato la stesura ormai più di un anno fa, interrotta dai miei impegni con la Newton Compton e da altri progetti che avevano la precedenza. Quando uscirà? Appena sarà concluso. Spero presto visto che ci sto lavorando adesso.

ANGELA CONTINI

8. Essendo appassionata di musica e soprattutto di pianoforte, uno dei tuoi personaggi futuri sarà legato alla musica?

Esatto. Più di uno in realtà: Lorenzo del mio progetto ambientato in Italia è un pianista, mentre il protagonista di un romanzo ambientato in Corea, è un idol membro di una boy band.

Clicca sulla foto per visualizzare la recensione

10. Scriverai mai di idol coreani?

Anche questo lo sto facendo. Ho il brutto vizio di scrivere più storie per volta. Don’t try this at home! Perché è un casino!

.


Ringraziamo di vero cuore Angela e le chiediamo se ha in mente un saluto speciale o un messaggio per i lettori… perche no, anche in coreano! 😉

Seguite sempre i vostri sogni, che siano scrivere, imparare lingue aliene, oppure quello che volete. Intanto a chi legge i miei sogni su carta, grazie, di vero cuore.

많은 사랑을 기원합니다

manh-eun salang-eul giwonhabnida (tradotto: auguro tanto amore)

Grazie Maika, grazie Gina ❤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close