Recensione: IL FIORE DEL VENTO di Mariarosaria Guarino e Annamaria Bosco

La nostra Alice ha colpito ancora, con la bellissima recensione di IL FIORE DEL VENTO di Mariarosaria Guarino e Annamaria Bosco.

  • Titolo: Il fiore del vento
  • Autore: Mariarosaria Guarino e Annamaria Bosco
  • Genere: Fantasy Epico/Romance
  • Editore: Self-publishing
  • Data d’uscita: 21 settembre 2020
  • Numero di pagine: 280
  • Disponibile in ebook e cartaceo su Amazon e in KU

Trama

L’amore è una benedizione o una condanna?

Andrew e Selene vivono nello stesso regno, ma appartengono a due mondi diversi. Erede al trono lui, potente strega lei. Ma l’amore non fa distinzioni e non si preoccupa della provenienza o della diversità. Quello che provano l’uno per l’altra non si può soffocare. Il regno di Andrew, però, è in pericolo a causa di una profezia e di probabili venti di guerra. L’unica soluzione è sacrificare la sua felicità per il popolo. Il suo amore per la salvezza della donna che ama.

Ci vuole così poco a sprofondare nel baratro e Selene lo sa bene, visto che il suo corpo e il suo animo marciscono giorno dopo giorno a causa dell’amore trasformatosi in odio cocente e crudele. Un legame tra anime, tuttavia, non è facile da spezzare e i due giovani scopriranno che, per porre rimedio alle sofferenze provocate dai loro sacrifici, potrebbe essere necessario un sacrificio ancora più grande.

Quanto può odiare una donna, e quanto può diventare pericolosa se tradita, rifiutata e abbandonata? E se all’abbandono si aggiungono la minaccia e l’esilio?
Una donna ferita, moltissimo. E se questa donna è una strega, ancora di più: soprattutto se è di quelle potenti.

Selene è l’ultima di una stirpe che ha fatto voto di proteggere il regno di Heartstone, e come lei, così forti da esser capaci di influenzare le stagioni e gli elementi, di far cadere un fulmine ai piedi di un povero malcapitato all’occorrenza, ne nasce solo una a ogni generazione.
Ma quando incontra Andrew senza sapere chi è, e poi comincia a conoscerlo, Selene si innamora semplicemente, come una qualsiasi ragazza e così capita a lui, o almeno è ciò che crede.

Andrew è un principe, il figlio del re. Una vita scandita da obblighi e doveri, e dall’ambizione: quella dei propri congiunti, ma anche la propria di diventare un giorno un buon sovrano e di governare saggiamente. Ed è solo su questo che è concentrato.
Nel momento però in cui si imbatte in quella strana fanciulla, che lo attrae e lo lascia interdetto allo stesso tempo, si comporta anche lui da ragazzo. Decide di tacere la verità su se stesso, di amare ricambiato, e, per una volta, di fare finta di essere libero. Di essere una persona qualsiasi.

Solo che non lo è: nessuno dei due in realtà, e se Andrew costretto dalle circostanze, non può che seguire la propria natura e agire da erede al trono, prendendo una decisione che influisce drasticamente sulle vite di entrambi, Selene non può che agire da donna. E da strega.

Messa da parte dall’uomo che ama per quello che secondo lei non è altro che mero egoismo (ragione di stato, o meglio di comodo), esiliata dalla propria terra pena la morte, ferita e sola, Selene si rifugia nell’unica cosa che le è rimasta: la magia. E medita vendetta. Per cinque lunghi anni.

Una vendetta terribile come il vuoto che questo amore bugiardo le ha lasciato dentro al posto della felicità, che la corrode e la consuma giorno dopo giorno nel corpo e nell’anima esattamente come il potere oscuro grazie cui prepara un filtro destinato ad Andrew.

Perché questo vuole Selene, e niente altro: distruggere Andrew anche a costo della sua stessa vita. Perché come l’amore prima, adesso è l’odio a farla respirare, a legarla a lui. Inesorabilmente.
Anche se non vuole. Anche se le cose potrebbero essere del tutto diverse da come appaiono.

Mariarosaria Guarino e Annamaria Bosco sono brave, e non è solo saper scrivere bene e saperlo fare assieme (che è cosa non da poco, e che dona una particolare scorrevolezza all’intero romanzo), ma di permettere al lettore di entrare dentro la testa e il cuore dei personaggi, di capirne i sentimenti sia positivi che negativi e di provare empatia, calandolo all’interno della storia un passo dopo l’altro pieno di aspettativa.
Aspettativa che non viene delusa.
Attraverso i numerosi flashback perfettamente gestiti, viene rivelato ogni volta un po’ di più di Andrew e di Selene, dei loro sbagli (l’apparente freddezza dell’uno e l’impulsività dell’altra), della loro forza, ma anche del loro coraggio e dei loro sacrifici. E del loro amore, delicato inizialmente ma poi sempre più forte e impetuoso, indimenticabile per entrambi, e soprattutto così grande da riuscire ad andare oltre le barriere, persino quelle imposte da essi stessi, e superare ogni insidia.

Fu un bacio intenso, che per ognuno significò la fine di ciò che erano stati e l’inizio di qualcosa che avrebbe unito per sempre le loro vite. Fu un bacio che nessuno dei due avrebbe mai dimenticato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close