Segnalazione: “Gioco d’intesa” di Nora June Peebles

Finalmente è online “Gioco d’intesa” di Nora June Peebles.

Titolo: Gioco d’intesa

Autore: Nora June Peebles

Genere: Sport Romance

Formato: ebook (per ora)

Costo: 0.99 euro al lancio

Pagina Autore: https://www.facebook.com/norajpeebles

Sono su Facebook https://www.facebook.com/norajune.peebles.5 e su Instagram come norajunepeebles.

Trama

Cos’hanno in comune un’astrofisica che non crede più nell’amore e un giocatore di football dall’animo romantico? 

Niente cattivi ragazzi da redimere, ma il fatidico Piano B e un colpo di fulmine che diventa amore in uno sport romance senza angst e pieno di speranza. 

Può un incontro fortuito cambiare tutto?

Braccato dai giornalisti e stanco di nascondersi nella sua stanza di hotel, Nathan MacGregor si rifugia in casa del suo amico Dan… solo per essere minacciato da una ragazza sconosciuta che brandisce una padella come se fosse un’ascia. A-DO-RA-BI-LE!

Sara Cherubini ha smesso di credere all’amore, e di cercarlo, quando un vichingo dalla risata travolgente e il sex appeal di una divinità nordica (qualcuno ha detto Thor?) le piomba in casa all’improvviso. La casa non è sua, ma sono dettagli. 

Una storia d’amore dirompente, degli amici giramondo, un approccio sperimentale al sesso e la finale delle finali. 

Il lieto fine è a portata di mano, ma il passato è in agguato e ci sono demoni che vanno affrontati e sconfitti. Cosa succede quando il tuo peggior nemico… sei tu? 

Presentazione autrice

Sono cresciuta in una città ai piedi delle montagne e me le porto nel cuore ovunque io vada. Ho studiato Fisica e la passione per le stelle mi ha portato in giro per l’Europa. Le stelle mi hanno anche portato a conoscere il mio personale vichingo, alle nove di mattina del mio primo giorno di lavoro. Cinque giorni dopo il nostro primo appuntamento, mi sono trasferita da lui e da allora siamo inseparabili.

Undici traslochi dopo, ho lasciato la scienza, ci siamo sposati e ora ci godiamo il nostro lieto fine movimentato con un pulcino di sei anni che crede di essere un pompiere e parla tre lingue mischiandole tutte insieme e un piccolo gigante di due anni che mangia senza pause da quando si sveglia a quando va a nanna, ama i gatti e inonda le nostre giornate di gioia. Viviamo in Germania, dove lavoro per una grande azienda, e scrivere mi aiuta a non dimenticare il mio amato italiano.

Estratto

«Perché non mi hai scritto?» chiese con fare inquisitorio, mentre lo sospingeva fino in soggiorno puntandogli un dito minaccioso al petto. «È stato il mio primo giorno a New York. Non avresti potuto chiedermi come stavo? Ti ho offeso e sono stata insensibile, ma tu non sei stato migliore di me. Mi inviti per colazione dopo due giorni dal mio arrivo e basta. Silenzio stampa. E io? Guardami: sto facendo una scenata degna dei peggiori cliché sulle ragazze-polipo.»

«Ragazze-polipo,» si limitò a ripetere Nate, mantenendo un’espressione neutrale.

«Sì. Quelle che ti si avviluppano addosso come un polipo impazzito. Non sono io. Non è il mio modo di fare. E sono ubriaca. Non ho neanche bevuto così tanto! E ho bisogno di farmi una doccia!» L’esasperazione che provava trasudava dalle sue parole. Erano ormai arrivati in soggiorno e l’atmosfera rilassata di quella stanza priva di cianfrusaglie la calmò a sufficienza da farle fare una pausa e riprendere fiato.

«Hmmm,» fu l’unico commento di Nate.

«Hmmm? Non dici niente?» chiese Sara, ormai pronta al secondo round, che però non arrivò.

Nate le circondò le spalle con un braccio, la spinse leggermente all’indietro e la fece cadere stesa su un enorme divano grigio ad angolo.

Sara soffiò via tutta l’aria contenuta nei suoi polmoni.

«Sono figlio di un avvocato e fratello di un laureato in legge. So come reagire in questi casi.»

«Placcando l’avversario e immobilizzandolo a terra?» domandò lei, concedendosi una risata dopo aver ripreso fiato.

«Sono un uomo d’azione. Con Alec funziona alla perfezione,» le assicurò il vichingo, con un ghigno soddisfatto. «Con mia madre non ho chance. Quella donna saprebbe intortare persino il diavolo in persona, tanto è loquace.»

«Fa paura pensarci.»

«Non lasciarti intimidire. Ti adorerà.»

«Nel tuo corso di italiano non hanno mai introdotto il concetto di suocera, vero?»

Curiosità

1) Questo libro è nato quasi per gioco, per una sfida contro me stessa. Qualche anno fa, mi sono trovata a rimuginare sull’ingiustizia cosmica che non avrebbe mai fatto piombare in casa un giocatore di football a cui piace la matematica a una nerd come me. Da questa amara considerazione, è partito tutto. Mi sono detta: «Bisogna rimediare!» E, così, ho iniziato a scrivere un racconto che potete trovare ancora oggi sulla pagina del blog La mia biblioteca romantica, a cui devo tanti ottimi suggerimenti di lettura e la pubblicazione di due racconti.

Non ero del tutto soddisfatta, però. La storia di Nate e Sara era appena iniziata e c’erano tante incognite che non avevo avuto modo e tempo di approfondire. Allora mi sono seduta al computer ed è nato Gioco d’intesa.

2) Non mi sono mai piaciuti troppo gli eroi perfetti, gli uomini infallibili e sicuri di sé al punto da essere arroganti e tronfi. Nate è una star del football, ma è una stella caduta e in procinto di rialzarsi. Un incidente sul campo l’ha segnato con cicatrici sul corpo e nello spirito e gli ha insegnato la fragilità e la pazienza. Ho voluto creare un personaggio maschile buono e positivo, senza grandi segreti o pieno di arroganza, che rispetta dall’inizio la protagonista.

3) Il nostro Nate è tatuato (yaaaay!). C’è una scena nel libro che qualcuno potrebbe definire surreale. Ecco… non se siete nerd come me. A me sarebbe potuto succedere, anzi è più o meno successa. Quando ho iniziato a scrivere dei tatuaggi di Nate, mi sono messa su Google a cercare informazioni e, non soddisfatta, ho contattato un’altra autrice, tatuata, in veste di esperta. Il risultato della nostra conversazione lo potete leggere nel libro. 🙂

4) Ci sono molti riferimenti scientifici nel romanzo. Sono tutti corretti, per quanto possibile. 😉

5) Quando ho scritto il primo racconto, mio marito e io vivevamo insieme da poco. A causa del nostro lavoro, abbiamo vissuto alcuni anni in Paesi diversi e, come il novanta per cento dei nostri amici e colleghi, abbiamo mantenuto una relazione a distanza. Ho voluto farla sperimentare brevemente anche a Nathan e Sara, far loro imparare che, quando il contatto fisico non è possibile, quando non ci sono mani, braccia e labbra a parlare per noi, comunicare in maniera chiara è essenziale. Le parole non dette allontanano e le incomprensioni sono inevitabili. Lo confesso… Ancora oggi mio marito ed io ci scriviamo su whatsapp da una stanza all’altra…

6) La ragione per cui Nate ha una laurea in Matematica è banale: Nate è in buona parte il mio uomo ideale. Sara mi assomiglia molto, con i suoi pregi e difetti, e sapevo che non sarebbe riuscita ad instaurare un rapporto così profondo con una persona che non condividesse almeno in parte il suo sguardo razionale e scientifico sul mondo. E, forse, molti di voi non mi crederanno, ma la matematica ci insegna a guardare il mondo con rispetto e meraviglia e a vedere la bellezza, l’eleganza e la precisione della natura. Anche Sara ne è convinta, e le ho regalato un compagno con la stessa visione del mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close