Review Tour: “NOTES ABOUT ME” di Cloe

La nostra Daniela Tess partecipa, per A libro aperto, al Review Tour di NOTES ABOUT ME di Cloe.

  • Titolo: Notes about me
  • Autore: Cloe
  • Serie: Notes Series #1
  • Genere: Contemporary romance
  • Data di pubblicazione: 16 dicembre 2020
  • Editore: New Adult

Trama

L’autunno è arrivato e con esso le foglie che si tingono di rosso e si librano nel vento frizzantino, accendendo di colori un cielo plumbeo in continuo mutamento. Tutto cambia, non solo le stagioni, ma Ivy Cooper questo non l’ha messo in conto.
Ivy non è perfetta, non lo è affatto. Cinica, snob e opportunista, circondata da persone di simile indole, inizia il suo terzo anno al Sumpton College sempre più determinata a raggiungere l’unica cosa che per lei conti davvero: il successo nel lavoro. Non c’è niente e nessuno che conti per lei, eccetto Lucas, il suo migliore amico, con cui si concede di abbassare la maschera impenetrabile che ha costruito negli anni. Eppure gli imprevisti della vita, i sentimenti a lungo soppressi e la voce della coscienza la travolgeranno costringendola a chiedersi più di una volta cosa vale la pena perdere e cosa tenere con sé.
Cos’è più importante, essere o apparire?
Un cuore che batte o la strada verso il successo?

«…io so chi sono e questo mi basta».

Notes about me, primo volume della Notes series, è  la storia di una ragazza, Ivy, e del suo cambiamento. Ivy studia e contemporaneamente conduce delle dirette in un programma tv. È bellissima, molto determinata, concentrata sulla sua vita e i suoi obiettivi. Conosce Nathan, appartenente ad una confraternita, suo compagno di corsi. I due ragazzi sono molto attratti reciprocamente, si cercano e si stuzzicano, all’inizio in piena e semplice amicizia. Tutto a causa di lei   che non vuole una relazione, temendo che potrebbe compromettere i suoi obiettivi.

Vorrei fermarlo per gridargli che non è così, che non lo sono, non sono superficiale, non è quello il motivo per cui ho reagito così, alla fine mi fermo perché so che mentirei. Nathan ha ragione e, sebbene io ne sia consapevole da sempre, detto da lui e in questo modo ha fatto male. Mi sistemo la tracolla sulla spalla e mi guardo intorno spaesata e confusa. Prendo a camminare verso la mia prossima lezione mentre le parole di Nathan mi scavano dentro: l’ho attaccato, maltrattato e, alla fine, tutto mi si è rivoltato contro. Sono io la stronza, non lui e, anche non volendo, sono stata la prima a ferirlo. Me lo merito. “Pensare solo a se stessi va bene finché non si ferisce il prossimo”, questo mi ha detto Lucas e io ho fatto tutto il contrario… come sempre.

Ivy è un personaggio molto interessante e spiazzante, che mantiene queste sue sfumature originali fino alla fine del romanzo. Devo ammettere che all’inizio ho un po’ faticato ad entrare in empatia con lei: mi sembrava troppo fredda, cinica, distaccata; algida e inarrivabile, con le classiche amiche perfide e snob.

Colpita e affondata? No, non credo. Denise puoi colpirla, ma sarà sempre e solo un graffio che non la manderà mai al tappeto. È un’ammiraglia corrazzata e io, purtroppo e troppo spesso, una barca a vela.

Lui, al contrario, l’ho trovato da subito adorabile: all’inizio appare come un ragazzo troppo buono per Ivy ma presto scopriremo che dietro entrambe le loro maschere c’è molto di più. Il percorso più bello lo compie Ivy, che matura e cambia sensibilmente, ma in maniera lenta e costante nel corso del libro: un cambiamento apprezzato dalla sottoscritta; forse più che di cambiamento dovrei parlare di crescita e consapevolezza. Alla fine riesce a tirare fuori un grande coraggio e ad affrontare i demoni del passato e le sue più grandi paure. Diverrà una donna, non più una ragazzina, degna finalmente di un cuore grande come quello di Nathan.

«Stronzi» dico sentendo salire il solletico della risata e, dopo qualche altra imprecazione e presa in giro, non posso far altro che ridere di me stessa, della mia ennesima performance atletica con annessa figuraccia epica. Ma da quando sono diventata così? Non lo so, però, scendendo con gli altri al piano di sotto, non posso fare a meno di pensare che mi piace: sì, questa Ivy, chiunque essa sia, mi piace.

Sul protagonista maschile posso solo esprimermi positivamente: nel corso della narrazione mi sono trovata d’accordo con lui su tutto; bellissimo, passionale, intelligente, con un grande cuore. Cosa si può volere di più? Affascinante e seducente anche senza dover recitare la solita parte del bad boy.

L’autrice ha tratteggiato benissimo anche i personaggi secondari: dalla “fatina “Megan- e anche qui ci sarà una story line d’amicizia molto bella e intensa tra lei, apparentemente sfigata ma profonda e sensibile, e la “fredda” Ivy- a Lucas, il migliore amico che tutte vorremmo avere, Bryan e Kelly, che spero di ritrovare in un seguito, le due amiche “perfide” Denise e Claire, Shane, di cui voglio scoprire ogni segreto.

È Megan, mi sta chiamando sottovoce e già questo mi fa sorridere; forse l’universo un regalo me lo ha fatto: una fatina petulante e fastidiosa in grado di farmi ridere anche quando vorrei solo piangere.

Il libro è il primo di una serie ma l’autrice è stata molto brava nel tenere alta la tensione, nel creare un intreccio apparentemente semplice ma coinvolgente e originale, con annesso colpo di scena finale. Non posso dirvi di più perché rischierei di rivelarvi troppo ed invece è una storia che va assaporata e scoperta piano piano. Mi piacciono molto i libri in cui i protagonisti compiono un’evoluzione e non sono statici e qui sono stata pienamente soddisfatta.

«No, no! È che… oddio Ivy! Non avrei mai pensato di sentirti dire cose del genere e non perché penso che tu sia egoista o superficiale» cerca di riprendersi mentre a me scappa un sorriso «ma perché credo che tu non voglia mostrare davvero quello che hai dentro e mi stupisce che tu ti stia aprendo adesso e con me»

Anche lo stile è molto pulito ed elegante, il romanzo scorre ed è scritto benissimo. Le scene d’amore sono passionali senza essere volgari e descritte anch’esse molto bene. Lo consiglio a tutte coloro che amano i NA e i contemporanei, le storie originali con una coppia ben amalgamata dove non ritroviamo lo stereotipo bastard inside- brava ragazza ma un cambio di prospettiva estremamente interessante. Per Natale pensate davvero a metterlo sotto l’albero e non ve ne pentirete. Mi sono molto incuriosita anche nel leggere le note finali: l’autrice scrive sotto pseudonimo e ho trovato molto interessanti le sue parole, pienamente condivisibili, quasi una storia nella storia e ho captato una presenza di elementi fortemente autobiografici. Inoltre trovo bellissima la creazione di un “blog di Ivy” in cui postare le novità in attesa del seguito. Ovviamente non mancherò di andarla a trovare. Attendo con trepidazione e piacere le sue prossime uscite che sono certa che non deluderanno. I miei complimenti per questa prima prova d’autore, pienamente  superata!

«L’unica opinione che conta davvero è quella che tu hai di te stessa e quella di pochi e buoni amici, se hai la fortuna di averli».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close