Recensione: IL GIRO DELL’HORROR IN 80 BRIVIDI

Un puzzle i cui tasselli contengono i riferimenti agli horror più famosi di tutti i tempi. Un viaggio a dir poco mozzafiato e da spanciarsi dal ridere.

  • Titolo: Il giro dell’horror in 80 brividi
  • Autore: Lucio Schina
  • Editore: Pubme- Collana Segreti in giallo edizioni
  • Genere: horror
  • Pagine: 67
  • ebook: 2,99
  • cartaceo:
  • Data di uscita: 16 gennaio 2021

Trama

Sei amici e un camper: destinazione New York

Una prospettiva idilliaca che si trasforma in un film horror quando il gruppo incontra un assassino psicopatico.

Come da manuale, armato di ascia, il folle omicida inseguirà i malcapitati che intraprenderanno una rocambolesca fuga per giungere, si spera vivi, nella Grande Mela.

Che ci può essere di pericoloso in un viaggio in camper verso la Grande Mela? Tutto. Ne possono capitare di tutti i colori o, per meglio dire, di tutti i brividi. Una svista, una gomma bucata, un incontro con persone malfidate e dai denti marci, ambigui meccanici, pericolosi proprietari di hotel con manie di travestimento. Inseguimenti a perdifiato, lotta per la sopravvivenza a ogni costo. Ma partiamo, anche noi, dall’inizio.

Colombo è un promettente scrittore di romanzi paurosi, ha già all’attivo diverse pubblicazioni e trasposizioni in film, in più ha un editore che per pubblicità lascerebbe anche il suo cliente a farsi rincorrere da un tizio armato di mannaia senza intervenite. Obbligato a raggiungere New York per partecipare al festival dell’horror, Colombo pensa sarà divertente condividere il viaggio insieme ai suoi più fidati amici, – la ghenga degli amanti del brivido – invece che scegliere le comodità e velocità di un aereo. Troppo comune. Un camper da hippie è la soluzione migliore, quattro giorni di percorso in compagnia, permettendo a ognuno di abbandonare per un po’ il paesino montano in cui vivono. Un’idea altruista e posta in buona fede.

Tra il lavoro, lo studio, la famiglia, gli impedimenti sembravano non finire mai. Eppure l’idea era eccitante, una sorta di viaggio esistenziale alla scoperta di sé. O magari, un’occasione irripetibile per fuggire da Cody e visitare qualcosa che non fossero le solite montagne innevate e i soliti sentieri tra i boschi.

Naturalmente nessuno si rifiuta di partecipare all’avventura. Non mancano le diverse tipologie di carattere nel gruppo di Colombo: l’intelligente, il paranoico, la scettica, la svampita, il fumatore di erba e il palestrato scemo. Quando all’inizio tutto sembra filare tranquillo, ecco che i contrattempi si sovrappongono e i sei amici si ritroveranno protagonisti delle pellicole che tengono impegnate le loro serate. Vi lascio però con una domanda: i sei amici ci arriveranno a New York ancora con la testa sul collo?

Tanti riferimenti ai personaggi più famosi del regno del brivido: da Samara di The ring a Freddy Kruger. In particolare sono andata in brodo di giuggiole con la parentesi su Psyco, essendo un’amante dei film di Hitchcok mi sono divertita oltre che farmi prendere dall’ansia.

Lui che era un affermato scrittore di libri horror e, insieme a Stevie soprattutto, macinava film di genere come fossero mentine, sapeva bene come una situazione inizialmente idilliaca anticipasse spesso un primo evento non eccessivamente preoccupante ma che doveva suonare come campanello d’allarme per l’inferno di sangue e mostri assetati di anime che ne sarebbe scaturito.

Il giro dell’horror in 80 brividi è una lettura adrenalinica e spassosa, appositamente ricca di clichè sul genere. Molto apprezzata è la scrittura dell’autore e del suo tocco ironico. L’accuratezza dei dialoghi tengono viva ogni pagina. Lo consiglio a tutti, a prescindere se si ama o no la tipologia di romanzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close