Segnalazione: “UN DUCA QUASI PRINCIPE” di Rita Mariconda – ed. Words Edizioni

Un Duca quasi Principe
Rita Mariconda

TITOLO: Un Duca quasi Principe
AUTORE: Rita Mariconda
EDITORE: Words Edizioni
GENERE: Romanzo storico
FORMATO: Ebook (2,99) – Cartaceo (15,90)

RELEASE DATE: 18.02.2021

DISPONIBILE SU AMAZON
E IN TUTTE LE LIBRERIE

Daniel avrebbe voluto la testa del padre su un vassoio.
Ma doveva salvare la vita di Bethany.

Metti un Marchese in perenne lotta con il padre, innamorato di una ereditiera americana e deciso persino a fuggire pur di sposarla. Metti che il suddetto padre sia un arrogante senza cuore, deciso a tutto pur di rovinare la vita a quel figlio che odia con tutto se stesso sin dalla nascita, tanto da spedirlo nel Nuovo Mondo. Parte da queste basi “Un Duca quasi Principe”, l’atteso sequel de “La Pupilla Irriverente”, di Rita Mariconda.

In questo romanzo ritroviamo i personaggi del primo libro: i Duchi di Lennox, la dama di compagnia Lucy, il bow runner Swane, i fratelli Pearson. Partiamo da Londra, ma veniamo catapultati in America, più precisamente a Charleston, dopo appena pochi capitoli. Daniel e Bethany sono la coppia di riferimento, ma si tratta di un romanzo corale: protagonista è l’intero gruppo di personaggi che abbiamo già conosciuto nel primo romanzo dell’autrice, seppure l’impianto narrativo consenta una lettura agevole anche per chi non ha letto il volume uno.

Più che alla parte romantica, che pure è presente e soprattutto nei capitoli finali, l’autrice si è dedicata qui all’avventura, agli intrighi, alla tematica – attualissima – del rapporto tra bianchi e neri, padroni e schiavi, con un Daniel portatore di idee rivoluzionarie che sconvolgeranno animi e assetti. Eppure l’amore è sempre presente, nel cuore dei due promessi sposi, puro e devoto, muovendoli l’uno verso l’altra.

Rita Mariconda ci regala un romanzo in quello stile che l’ha fatta in breve diventare una delle autrici più amata dal pubblico: semplice, schietto, ironico, ma anche incisivo nei passaggi importanti e delicati, capace di offrire riflessioni su tematiche importanti come la diversità, l’affetto familiare, ma soprattutto l’amicizia.

TRAMA
Londra, 1864

Daniel St.James, Marchese di Trent e futuro Duca di Cavendish, fidanzato con la bellissima ereditiera americana Bethany Pearson, è costretto dal padre ad abbandonare l’amata Inghilterra e partire per le colonie. Giunto a Charleston, in preda alla rabbia per non aver potuto comunicare a nessuno la propria destinazione, pianifica la sua rivalsa contro il genitore. Qui trova Ellen, la figlia del governatore locale e fidata alleata, ma anche nemici di vecchia data, che ordiranno un complotto contro di lui. L’improvvisa scomparsa del Marchese, intanto, desta ansia e sospetti tra gli amici e la promessa sposa, che si mettono sulle sue tracce, attraversando l’oceano alla volta del Nuovo Continente. 

In questo romanzo autoconclusivo tornano i protagonisti de La Pupilla Irriverente, tra vecchi e nuovi amori, un’avventura rocambolesca, un susseguirsi di colpi di scena e un segreto che affonda le proprie origini nel sangue blu di una nobile famiglia russa. 

L’AUTRICE

Rita Mariconda nasce a Torino nel ’60 e dopo vent’anni di vita ligia alle regole cambia tutto e diventa un’emigrante al contrario trasferendosi al sud. Sposa e madre di due figlie decide ad un certo punto di mettere nero su bianco le sue fantasie trasformandole in romanzi. Lettrice seriale di qualunque genere, predilige gli storici e in particolare i vittoriani. Innamorata dei polizieschi giudiziari si diletta anche in quel genere. I suoi libri sono accompagnati sempre da una vena ironica che alcune volte degenera nel sarcasmo. Il suo motto è “circondatevi di persone che vi sanno far ridere, che a farvi piangere ci pensa già la vita”.

ESTRATTI

  1. «Siete un bastardo, un essere ignobile. Non potete farlo. Vi denuncerò» disse il Marchese con rabbia.
    Suo padre lo guardò con quegli occhi acquosi privi di vita. «Io un bastardo… molto divertente. Dimenticavo: nel caso in cui non ti presentassi alla piantagione, il sicario è già stato pagato per il lavoretto, quindi… Potrai rimettere piede in patria solo da sposato, ma nel caso non volessi tornare, mi accontento di una copia del certificato di matrimonio.» Con un ghigno sulle labbra, disse: «Tic-tac, Trent. Il tempo scorre.»
    In quel momento, Daniel avrebbe voluto la testa del padre su un vassoio. Pur consapevole della disumanità del suo pensiero, lo desiderava ardentemente. Ma doveva salvare la vita di Bethany, mettere da parte ogni sentimento di vendetta e correre su quella maledetta nave.
  2. «Daniel pesa più di 190 libbre ed è alto più di sei piedi; ci vogliono come minimo quattro persone per bloccarlo, o una doppia dose di laudano nel brandy» rispose prontamente Swane, non capendo che Julian cercava solo di stemperare gli animi.
    Rebecca intervenne: «E io ne so qualcosa. Allora, come procediamo?»
    «Voi procederete subito nelle vostre stanze. Lo stato in cui siete è di impedimento a qualsiasi avventura la vostra mente stia elaborando» le rispose cupo Alexander, alzandosi in piedi.
    «Non dite sciocchezze. Sono incinta, mica malata. Le contadine lavorano fino al nono mese nei campi e partoriscono i figli nei solchi lasciati dall’aratro.»
    «Non siete una contadina» ribatté il Duca, infastidito.
    «Devo presumere che le duchesse siano ai vostri occhi esseri malaticci con prolassi uterini.»
  3. «Se milord vuole, racconto. Io sono nato qui, come mio padre.» La sua voce profonda aveva un accento particolare, ritmico, preciso come le note su un pentagramma; sembrava cantare più che parlare, ed era piacevole.
    «Sì, per favore, racconta.»
    L’uomo sgranò gli occhi. «Milord, non bisogna mai dire per favore a uno schiavo. Noi siamo vostri.»
    «Un’altra scemenza come questa e licenzio anche te.»
    Salomon scoppiò a ridere, una risata piena e molto contagiosa. Anche Daniel rise.
    «Milord, non potete licenziarmi.»
    Daniel non capiva e assunse un’aria più compita. «No? E perché non potrei?»
    «Sono come un cavallo: potete licenziare un cavallo? No, o si vende o si uccide.» Daniel notò la serietà di quelle parole e si rese conto di quanto fosse diventata grande la disumanità nel mondo. Nessun uomo avrebbe mai dovuto avere il diritto di calpestare la dignità di un altro uomo così come aveva fatto suo padre, calpestando la sua e quella di tutta quella povera gente.
  4. «Trent, devo riconoscere che avete una bella faccia tosta. Vi hanno obbligato a trasferirvi e abbandonare la vostra vita, compresa quella nullità che volevate sposare, e già ronzate intorno alla figlia di un conte come se nulla fosse. E avete il coraggio di parlare di onore» disse stizzito il Visconte.
    «Caro Seymour, sentirvi disquisire sull’onore è quasi come sentire un eunuco dichiarare il proprio amore a una donna. Quindi mi perdonerete se ora vi lasciamo qui a riflettere sulle sciocchezze che vi escono dalla bocca. Con permesso.»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close