Recensione: “L’ODORE DELLA MORTE” di Irene Catocci – ed. Ode Edizioni

“La trama è intrigante e l’argomento molto difficile, ed è uno dei motivi che mi hanno spinta a leggerlo.”

Non siete curiosi di scoprire il resto della recensione di Laura Baldo? Benvenuti su A libro aperto e tra le pagine di L’ODORE DELLA MORTE di Irene Catocci, ed. Ode Edizioni.

  • Titolo: l’odore della morte
  • Autore: Irene CATOCCI
  • Editore: ode edizioni
  • Genere: Thriller
  • Avvertenze: contiene scene di sesso omosessuale e tratta tematiche che potrebbero urtare lettori sensibili.
  • Pov: 1° e 3° persona alternati
  • Prezzo ebook: € 2.99
  • Prezzo cartaceo: € 12.99
  • Data pubblicazione: 10 febbraio
  • Pagine: 200
  • Serie: 2° di dilogia
  • Autoconclusivo: sì

Trama

Avers. Cantone dei Grigioni.

Gli abitanti della valle, sperduta tra le montagne svizzere, si domandano chi sia lo straniero che alloggia nella baita isolata. È schivo, taciturno e, ne sono sicuri, nasconde un segreto.

Davide Profeta, ricercato dalle forze dell’ordine italiane, si è creato una nuova identità, indossando una delle sue innumerevoli maschere, che riescono a farlo sentire sicuro: un uomo come tanti, senza un passato e con il futuro da costruire.

Davide ha un segreto che se rivelato manderà all’aria l’intera messinscena.

L’arrivo in città di un giovane transessuale, però, cambierà le carte in tavola. Davide ripercorrerà una strada che credeva ormai superata, un viale insanguinato e intriso di ricordi che credeva di aver sepolto a stento nella memoria.

La belva, anche se ridotta in catene, conserva lo spirito che la rende tale. E così farà Davide: per non essere divorato dalla nostalgia, farà riemergere dalle ceneri di un passato troppo vicino la sua natura più nascosta, uccidendo. Ancora.

Della stessa autrice: Il dono. J.Skull. Cuore di Jagoda. Quel Mare Profondo. Doomed e Schegge di vetro.

Copia digitale gentilmente fornita dalla CE in cambio di una recensione onesta

Un thriller psicologico con un ritmo serrato, che trascina con sé il lettore fino alla fine. Ma anche una storia d’amore sbagliata sotto tutti i punti di vista, con degli sprazzi sorprendenti di romanticismo. Non è però per lettori dallo stomaco debole, perché ci fa entrare nella mente disturbata e ossessionata di un serial killer e seguire le vicende dal suo punto di vista.

Davide Profeta, il protagonista, è infatti uno spietato assassino. Fuggito dall’Italia e dal suo lavoro di avvocato, trova rifugio in una sperduta valle svizzera. Un piccolo paese dove gli abitanti si conoscono tutti e dove gli unici luoghi di ritrovo sono la chiesetta e la taverna. Qui, con una nuova identità, si inserisce pian piano nella vita della comunità, diventando un vero montanaro.

Ma la sua mente distorta e inquieta non lo lascia in pace per molto. Presto tornano ad affiorare i traumi dell’educazione fanatica e sessuofobica ricevuta e il senso di vuoto che lo opprime, costringendolo a ricercare nuove emozioni forti.

“Ora lo so, i fantasmi del passato sono sempre gli ultimi ad andare via; giocano a nascondino con la mia sanità mentale inducendomi a fallire, a cedere il passo alla coscienza.”

Più di tutto, lo tormenta il pensiero di Noah, il ragazzo che ha amato — di un amore totalizzante e patologico — e che a sua volta lo amava, pur conoscendo chi era davvero. Noah è rimasto in Italia, e Davide non si dà pace per non essere riuscito a portarlo con sé. Inizia così a cercare il ragazzo altrove, per avere l’illusione di ritrovarlo, anche solo per qualche istante, nelle sue vittime. Nel paesino e nelle città vicine iniziano a sparire dei giovani uomini, per lo più prostituti, e si inizia a parlare di un serial-killer.

Ma anche così Davide non trova pace, e due anni dopo torna in Italia per cercare Noah.

“Io sto male, cucito sulla pelle degli altri. Io non vivo, se non ho Noah addosso.”

Quest’ultimo è cambiato, non è più l’angelo innocente che ricordava, ma nemmeno lui è riuscito a dimenticare Davide, nonostante la sua parte più razionale sappia benissimo che non dovrebbe amare un mostro. Il legame tra i due però è così forte da superare qualunque orrore, forse perché sono molto simili: due anime perse con dentro un inferno di oscurità, che trovano senso solo uno nell’altro.

“La mente ti rende libero di dimenticare. Il cuore, invece, ti incatena al passato privandoti del libero arbitrio.”

La trama è intrigante e l’argomento molto difficile, ed è uno dei motivi che mi hanno spinta a leggerlo. Mi piacciono gli eroi negativi, complicati, ed ero curiosa di vedere come se la sarebbe cavata l’autrice nel prendere un serial-killer come punto di vista. Ebbene, mi ha sorpresa, perché l’introspezione psicologica è uno dei punti forti del romanzo, e il suo non-eroe risulta ben definito, credibile e umano. Di sicuro è un personaggio che rimane impresso. Noah è quasi altrettanto ben tratteggiato, anche se gli viene dato meno spazio e un punto di vista in terza persona, forse perché la storia è soprattutto quella di Davide.

Il ritmo è un altro dei punti forti, sostenuto da una narrazione composta di frasi brevi, dove ai fatti si alternano i pensieri spezzati e a volte ossessivi del protagonista. Mi è piaciuto molto anche lo stile dell’autrice, che è sicuro, scorrevole ed efficace nel descrivere emozioni e sensazioni, e quindi nel mantenere alto il coinvolgimento del lettore.

Ho scoperto solo a lettura iniziata che il libro fa parte di una dilogia, ma pur non avendo letto il primo non ho avuto difficoltà a seguirlo, perché è una storia sé, e ci sono abbastanza accenni al passato di Davide e Noah da avere un’idea chiara di cosa è successo nel primo volume. Ad ogni modo, se la trama vi incuriosisce, consiglio di iniziare dal primo “L’odore del sesso”, in modo da non rovinarvi la suspence se poi voleste recuperarlo.

Per concludere, se vi piacciono i protagonisti complessi e se cercate un thriller originale, una lettura elettrizzante che vi scuota un po’ dal divano trascinandovi in un turbine oscuro di morte, follia e passione, proprio come le tempeste di neve che si abbattono sulla pacifica valle svizzera, dovete assolutamente dare un’occhiata a questo romanzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close