Segnalazione: “IL VAGONE SUL BINARIO MORTO” di Cesare Impera (Segreti in giallo)

Marzo fruttuoso per la collana Segreti in giallo, si continua con “Il Vagone sul binario” morto un noir/giallo che vi lascerà piacevolmente colpiti.

  • Titolo: Il vagone sul binario morto
  • Autore: Cesare Impera
  • Editore: Pubme
  • Collana: Segreti in giallo
  • Genere: Noir- giallo
  • Pagine:
  • Ebook:
  • Cartaceo:
  • Data di uscita: 13 marzo 2021

Trama:

Torino, novembre 2018. Nella notte tra il primo e il due novembre si consuma un terribile omicidio. L’ennesimo. La città è sconvolta. Stavolta la vittima è il figlio del Vice Commissario Soletti, da anni in servizio presso la locale Questura. Il feroce assassinio del giovane disabile, ritrovato morto nei pressi di un vagone dismesso della Stazione di Porta Nuova, apre una serie di scenari che affondano le loro radici in un tragico passato.

In una Torino noir e polverosa, il Commissario Calleri e il suo Vice indagano alla ricerca della terribile verità. Tre i principali indiziati. Tra cui due donne. Il cerchio si stringe infatti intorno a Marta e Lisa, figlie di Lara, a sua volta, in passato, accusata dell’omicidio del suo primo marito e poi assolta.

Anche stavolta gli indizi sembrerebbero condurre in un’unica direzione, ma le indagini sfoceranno in un processo dal clamoroso verdetto.

Biografia:

Cesare Impera è nato a Santadi, un piccolo centro della Sardegna in provincia di Cagliari. Si trasferisce a Torino in giovane età e completa le scuole superiori al “G. Peano”. Qualche anno più tardi, integrato nella direzione lavori di una società di primaria importanza nel campo energetico, trascorre buona parte della sua gioventù in giro per il mondo. Nei primi anni ottanta viene catapultato in Egitto, poi in Algeria e in Arabia Saudita. Durante la guerra dei sette anni tra Iran e Iraq viene inviato a Baghdad in missione e più avanti a Bassora. Trascorre un lungo periodo in Sud America e Centro America: Ecuador, Honduras eccetera. Nei primi anni novanta, durante la guerra del golfo, viene mandato in Arabia Saudita e là, in un grande complesso industriale vicino Gedda, finisce la sua carriera da trasfertista. Rientrato a Torino trascorre diversi anni a capo di una società d’impiantistica, una volta andato in pensione si dedica alla lettura e alla scrittura di romanzi gialli. Questa è la sua prima pubblicazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close