Recensione: “FORBIDDEN LOVE” di Serena Incorvaia – ed. Collana Floreale (PubMe)

La nostra Ilaria Mossa ha letto, per A libro aperto, FORBIDDEN LOVE di Serena Incorvaia, ed. Collana Floreale (PubMe).

  • TITOLO: Forbidden Love
  • AUTRICE: Serena Incorvaia
  • GENERE: Rosa
  • EDITORE: Collana Floreale (PubMe)
  • DATA DI USCITA: 1 Marzo
  • PREZZO CARTACEO: N/D
  • PREZZO DIGITALE: 0,99
  • KU: 

Trama

La vita di Hazel è piena di ostacoli: un passato che non le dà tregua e uno zio che invece di proteggerla rappresenta un pericolo da cui non può liberarsi perché paga le spese mediche di suo padre, malato terminale.

Fino a che un incontro/scontro non le cambierà la vita per sempre.

Il bello, ricco e sfacciato Liam Gray sarà l’ennesimo ostacolo da superare. Hazel pensa di potersi liberare di lui con una falsa identità ma quando lui e la sua famiglia acquisteranno l’hotel dove lei lavora, tutti i nodi torneranno al pettine.

Sempre più debole di fronte all’attrazione che la lega a quell’uomo che, al contrario suo, dalla vita ha tutto, deciderà di lasciarsi andare alla favola che le spetta. Ma la vita, soprattutto quella di Hazel, è pronta a riportarla alla realtà e la ragazza sarà presto costretta a scegliere se salvare la vita a suo padre oppure la sua storia d’amore.

Spesso però il confine tra realtà e favola è una linea sottile e a volte basta davvero poco per passare dal paradiso all’inferno. O viceversa.

Copia digitale gentilmente fornita dalla CE in cambio di una recensione onesta

Non volevo stare lì, io volevo lei! La volevo sotto il mio controllo.

Liam è il figlio maggiore di Arthur Grey, uno dei più importanti imprenditori di Los Angeles. È il classico ragazzo figo, sicuro di sé, pieno di soldi, con tutte le donne che gli muoiono dietro. Non ha mai avuto una storia seria e non intende averla, troppo impegnato con l’azienda e i viaggi di lavoro, fin quando si imbatte in Hazel. Il loro primo “incontro-scontro” avviene su una strada trafficata della città: lui, distratto dai pensieri e in ritardo per il lavoro, la investe sulle strisce pedonali. Con fare superficiale e frettoloso, si accerta che quella ragazza sbadata stia bene e le offre dei soldi per risolvere la questione. Hazel, disgustata da quel gesto, rifiuta di essere risarcita in quel modo e, sotto richiesta di lui, gli dà nome e numero di telefono per poter essere contattata dal suo avvocato. Solo che Hazel non vuole avere niente a che fare con quell’idiota egocentrico e gli fornisce dei dati sbagliati. Tanto non lo vedrà più, giusto?

Sbagliato.

Il destino li farà incontrare ben due volte. La prima in un pub dove lei lavorerà come cameriera occasionale, la seconda nell’hotel dove verrà assunta grazie all’aiuto di sua zia Addison, la madre che Hazel non ha potuto avere. Quella biologica l’ha abbandonata quando era piccola per inseguire la sua carriera lasciandola nelle mani del padre, ora malato terminale. Mi è piaciuto il loro legame dolce e premuroso. Lei che va in ospedale ogni giorno e si accerta che stia bene, lui che seppur allettato le dimostra il suo amore con gesti che la soprenderanno.

Liam Grey aveva indiscutibilmente il sorriso più bello e mozzafiato che io abbia mai visto dal vivo.

Hazel, anche se infastidita dai modi presuntuosi di quel ragazzo tanto ricco quanto bello, ogni volta che lo rivede si perde nei suoi occhi blu. E se da una parte non vuole farsi coinvolgere, dall’altra non vede l’ora di entrare nel suo letto. Liam, invece, si sente come cambiato da quella ragazza semplice e un po’ impacciata, dentro di lui nasceranno gelosia e possessività ma anche dolcezza e protezione.

Sapevo domare i numeri, le percentuali, le statistiche, ma improvvisamente di fronte a lei mi sembravano incomprensibili.

Tra occhiate sfuggenti, incontri furtivi e tira e molla continui, tra i due scatterà un sentimento che potrebbe diventare molto di più. Ma delle scelte azzardate metteranno in pericolo il loro legame e potrebbero distruggere la fiducia per sempre.

Liam rappresenta il classico dei cliché: bello e stronzo che trova quella giusta e cambia. Un personaggio che inizialmente ho detestato ma col tempo ho apprezzato un po’ di più (grazie al cambiamento). Hazel l’ho trovata un po’ infantile ma andando avanti con la lettura risulta più di spessore. Le descrizioni (sia fisiche che ambientali) sono quasi nulle, i dialoghi un po’ piatti. Lo stile dell’autrice è semplice ma abbastanza acerbo, l’inizio del libro è un po’ lento ma si riprende verso la metà.

Forbidden Love purtroppo non mi ha coinvolto appieno, ma è una storia carina, l’autrice ha talento e sono certa che migliorerà col tempo. Consigliata a chi si approccia ai romance per la prima volta e non ha grandi pretese.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close