Recensione: “IL MATRIMONIO DELLE BUGIE” di Kimberly Belle – ed. Newton Compton

Ogni tanto bisogna recuperare delle bellissime letture e condividerle… Quando si tratta di un Thriller del genere, poi, e recensito con le parole di Federica Cabras, è sicuramente imperdibile. A libro aperto vi presenta IL MATRIMONIO DELLE BUGIE di Kimberly Belle, ed. Newton Compton.

  • Titolo: IL MATRIMONIO DELLE BUGIE
  • Autore: Kimberly Belle
  • Editore: Newton Compton
  • Genere: Thriller
  • Data pubblicazione: 4 ottobre 2018
  • Pagine: 262
  • Prezzo: ebook 3.99

Trama

«Si divora in un attimo. Adrenalinico.»
Publishers Weekly
Un grande thriller
Anche il matrimonio perfetto ha il suo lato oscuro…

Dopo sette anni di matrimonio, Iris e Will sono il ritratto della coppia felice: vivono in una bella casa, hanno un lavoro appagante e stanno cercando di avere un bambino. Quando Will parte per un viaggio di lavoro in Florida, Iris non sa che il suo mondo perfetto sta per crollare. Quella mattina, infatti, un aereo diretto a Seattle precipita e tra i nomi delle vittime c’è inspiegabilmente quello di Will. Iris è sconvolta, ma è certa che si tratti di un errore. Perché Will avrebbe dovuto mentirle? Che cosa doveva fare a Seattle? E su cosa altro ancora potrebbe averle raccontato bugie? Se vuole davvero arrivare alla verità, Iris dovrà affrontare un’indagine disperata per scoprire che cosa si nascondeva sotto la superficie calma del suo matrimonio. Ma non ha idea delle conseguenze che tutto ciò potrebbe avere… 
Tradotto in 12 lingue
Un’autrice bestseller di USA Today, Wall Street Journal e Globe and Mail
Perché suo marito era su quell’aereo?

«La suspense cresce rapidamente. Avvincente.»
Kirkus Reviews
«Si divora in un attimo. Una sorpresa continua.»
Publishers Weekly
«Questo thriller intelligente parte da un interrogativo ben preciso: cosa faresti se scoprissi che tuo marito non è quello che credi? Un romanzo adrenalinico, con un sorprendente colpo di scena finale.»
Daily Mail

Sono sette anni che Iris e Will si sono giurati amore eterno – e gli anelli ai loro anulari hanno l’odore del “per sempre” – e lei ancora non vede crepe in quella che sembra una relazione perfetta. Lo ama follemente, quanto e più del primo giorno di matrimonio. Tutti parlano della crisi del settimo anno – pare sia inevitabile, ahimè – ma loro non ne sentono gli effetti. Iris non desidera altro che le mani di Will sul suo corpo, non vuole sentire altro odore che non sia il suo, non brama nessun altro sguardo. Molto semplicemente, non immagina nemmeno lontanamente un mondo dove suo marito non sia al suo fianco.

“Sei la mia persona preferita sulla Terra”: ecco cosa si dicono sempre. Sì, perché “ti amo” è banale, mentre quella è una promessa, oltre che una frase bellissima. Più di sette miliardi di abitanti e, toh!, tu sei la mia preferita. È come dire “sei la mia metà della mela” ma in modo persino più originale.

Oh, quanto ama suo marito!

Ah, soprattutto quel giorno. Sì, perché la sera prima lui le ha espresso il desiderio di diventare papà.

È una specie di epifania, quando in una coppia si affronta per la prima volta il discorso “figli”. Una cosa è dire “mi impegno” e “ti amo” e un’altra è dire “voglio unire per sempre i nostri destini con il mio seme e il tuo ovulo” e Iris è sorpresa e ammaliata da questo sogno. Lo condivide, anche.

Accetta, seppur con una certa paura – vista la non rosea situazione finanziaria – il brillante anello di Cartier che il marito le ha comprato per suggellare il desiderio di diventare presto genitori, e si lancia tra le sue braccia per una notte focosa. La mattina giunge presto e l’aereo di Will sta per partire. I sue si separano, seppur a malincuore, con la gioia negli occhi: presto si rivedranno. Dopo la conferenza in Florida, suo marito tornerà da lei e tutto si sistemerà. Lo bacia con passione e va al lavoro.

Poi, la tragedia.

Un aereo diretto a Seattle si schianta al suolo, quasi 180 sono i morti. Lei, dopo un iniziale momento di stordimento dovuto al non conoscere la meta del velivolo, si calma. Suo marito è diretto da tutt’altra parte, non c’è da preoccuparsi. Ma non è detta l’ultima parola. Mentre le immagini alla tivù rimandano uno scenario apocalittico, qualcuno la chiama e, piano piano, tutti i tasselli tornano al proprio posto. Will era su quell’aereo. Will è morto. Will non tornerà mai più.

Iris ha un crollo. Oltre al dolore per aver scoperto la dipartita prematura di un marito amatissimo, c’è la confusione. Che ci faceva Will su un 737, direzione Seattle?

Basta un controllo veloce per capire che non è prevista nessuna conferenza in Florida.

Ma allora quante e quali bugie sono nascoste dietro quel matrimonio che sembrava perfetto? E se Will avesse un passato nascosto?

Un libro bello, bellissimo, ricco di colpi di scena e di avvenimenti. Lo stile, semplice ma mai banale, è lineare. Il punto di vista di Iris permette di immergersi nella sua testa. Sentiamo tutto, noi lettori. Sentiamo il dolore per la perdita di una persona cara. Sentiamo la tristezza per le bugie dette. Sentiamo la paura quando le cose si fanno più complicate. Sentiamo la speranza quando una nuova ipotesi si fa largo tra le mille. Sentiamo la voglia di normalità. E sentiamo la rabbia, la pura e semplice ira che avvolge Iris in una morsa letale.

Un libro riuscitissimo, mai lento né frettoloso. Gli eventi si susseguono in maniera cronologica senza buchi né incomprensioni. Il finale lascia senza fiato. La scrittrice è stata bravissima a imbastire una trama originale e ricca di suspense. Bello, bello, bello!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close