Recensione: “UNA PERFETTA LADY INGLESE” di Linda Kent

Leggere Linda Kent è sempre emozione pura… e ogni romanzo supera il precendente, confermando la sua grandezza! UNA PERFETTA LADY INGLESE è il primo volume della serie Three Willows, autoconclusivo come i prossimi.

  • Titolo: UNA PERFETTA LADY INGLESE
  • Autore: Linda Kent
  • Editore: self publishing
  • Serie: Three Willows – volumi autoconclusivi
  • Genere: romance storico
  • Data pubblicazione: 20 maggio 2021

Trama

Il primo romanzo della serie THREE WILLOWS ***AUTOCONCLUSIVO ***

«Sposami, Angela: diventerai una delle donne più ricche e ammirate del mondo. Potrai fare ciò che vuoi delle tue giornate. La notte, però, apparterrà a me. E ti mostrerò come può essere infinita.»

Desmond Fleming è uno degli uomini più ricchi degli Stati Uniti, un traguardo che ha conquistato con tenacia e caparbietà. Deciso a vendicarsi delle umiliazioni subite nel Vecchio e nel Nuovo Mondo, torna in Inghilterra: sposerà la figlia di qualche lord impoverito, una ragazza poco appariscente e debole di carattere, ma così nobile da decretare il suo trionfo nell’Alta Società britannica e americana. Lady Angela Gascoyne è la sorella maggiore del giovane conte di Grenville e lo scandalo provocato dal suicidio del padre ha reso precaria la situazione di Three Willows, la favolosa tenuta nel cuore della vecchia Inghilterra dove vive con i due fratelli. Angela è però tutt’altro che insignificante: tanto bella quanto determinata, colpisce al cuore Desmond, che decide di conquistarla. Eppure, lei lo rifiuta: troppi segreti, troppe sofferenze l’hanno convinta di non poter aspirare alla felicità, tantomeno all’amore. Ma Desmond è un uomo che ha imparato a non arrendersi mai, a lottare per ottenere ciò che vuole. E vuole Angela, l’unica lady inglese perfetta per lui.

Three Willows è la nuova, affascinante serie romance ambientata in Gran Bretagna e negli Stati Uniti d’America, durante la favolosa “Gilded Age”, l’età dorata degli ultimi decenni dell’800. Nella splendida tenuta che dà il nome ai romanzi, passione e avventura segneranno il destino dei protagonisti: il conte di Grenville, le sue sorelle, i suoi amici e l’incomparabile staff di Three Willows.

Lady Angela Gascoyne nasce tra agi e amore. La sua famiglia non si è conformata a quelle dell’alta società, con un matrimonio di convenienza; in casa sua non vige freddezza e rigore, ma amore e serenità. Solo che il sogno dura poco e la vita da favola che Lord David ha creato per i suoi figli si sfalda in un tempo piccolissimo: dopo l’incidente che porterà via la moglie, il dolore non gli permetterà di andare avanti. Il grande amore provato per i figli si trasforma in una macchia indelebile, marchiati dal ton come dei reietti.

Oltre oceano c’è un uomo che pagherebbe oro per ristabilire in società un nome come quello dei Gascoyne, ridando splendore a Three Willows, in cambio di un titolo da sfoggiare in America. Se da un lato Angela paga lo scotto di un suicidio, Desmond Fleming lo deve alle umili origini e al salto in società che si è guadagnato. È un uomo con carisma, fascino ma soprattutto fiuto negli affari. Non cerca l’amore, su questo è chiaro fin dal principio.

«[…]Non vorresti una donna da amare e che ti amasse? Avere dei figli con lei.»

«Amore? Che idea sciocca, mia cara. Non serve per procreare, anche se un aspetto piacevole sarà di aiuto. Sono altre le qualità che mi interessano. […] Queste lady inglesi non hanno spina dorsale come le americane. Non contestano mai l’opinione del marito, sarebbe “volgare” da parte loro. E se lui ha un’amante, fanno finta di ignorarlo. È molto comodo»

Eppure Desmond sarebbe capitolato dopo un abbraccio, dopo poco più di un casto bacio, senza sapere il suo nome, e se avesse avuto il titolo tanto auspicato…

Il destino, però, ci impiega poco a metterli sulla stessa strada, e se a primo impatto l’aspetto gradevole di entrambi li hanno calamitati, la conoscenza si rivelerà fondamentale. Sì, la chimica aiuta, ma sentono quella scintilla quasi a indicare “è la persona giusta”; Angela sicuramente l’ha compreso, ma non potrebbe mai dichiararsi innamorata perché l’amore uccide, e inevitabilmente si ritroverà a pezzi, con il cuore infranto!

«Non vi disprezzo e non vi riaccompagnerò da vostra sorella prima della fine del valzer. Non vi ignorerò per il resto della serata, e tantomeno vi volterò le spalle quando v’incontrerò di nuovo. Perché accadrà molto presto, potete esserne sicura. E neppure voi mi ignorerete. Non ve lo permetterò.»

Fleming, tuttavia, non demorde, dimenticando la vera ragione di quel viaggio – oltre per incontrare amici. Si innamora perdutamente e non farà nulla per nasconderlo, anche agli occhi del nemico, dell’altro appassionato spasimante: Mordaunt. Chi è quest’uomo? Si sussurra che Lord David lo volesse al fianco di sua figlia… Vi assicuro che c’è molto altro all’apparente triangolo; un risvolto avvincente vi porterà fino alla fine in un battibaleno, con la voglia di ricominciare.

In questo breve riassunto non ho fatto menzione di altri personaggi, che saranno i prossimi protagonisti: Georgiana, Sophie e il Conte di Grenville. Rappresentano la famiglia di entrambi e non avranno per nulla un ruolo marginale. Ho apprezzato molto anche la presenza dei domestici, con una sottotrama a loro dedicata. Tutto studiato nei minimi dettagli affinché risulti un amalgama perfetto… con ognuno al posto giusto nel momento opportuno!

Ma chi sono Esmond e Angela? A grandi linee lo abbiamo compreso, sembrano avere obiettivi diversi, nella vita, eppure si trovano a desiderare le stesse cose: un amore da favola, una famiglia, la serenità e la libertà nello stare bene insieme. Sono intensi, veri e vi arriveranno in tutta la loro perfezione.

Quando si legge tanto della stessa autrice sembra superfluo soffermarsi sulla scrittura, con il rischio di reiterarsi, eppure sento il dovere di fare una piccola parentesi; capita spessissimo di leggere romanzi nei quali gli autori eludono etichette – con lo scopo di arrivare a chi mastica meno il genere – e c’è chi, come Linda Kent, un concetto, un particolare, una differenza, riesce a spiegarli, e mostrarli al lettore con facilità, attraverso piccoli espedienti come una battuta ironica, di ammonimento…

«Lady Angela, mi fa piacere rivedervi: sono lieto di aver potuto mantenere la mia promessa.» Soltanto lo choc impedì ad Angela di arrossire. Come poteva, quell’uomo, essere tanto volgare? Una dichiarazione simile, davanti alla sua famiglia, lasciava intendere che avessero una sorta di accordo. Che lei, addirittura, lo stesse aspettando. Era insostenibile, insopportabile.

Troverete tanti spunti da far vostri; dettagli che donano la perfezione al testo, apprezzati da chi legge il genere.

Vi lascio con “Una perfetta Lady inglese”, con gli occhi a cuoricino e la speranza di tornare molto presto a Three Willows. Ops, piccolo spoilerino, dopo l’epilogo avrete l’assaggio del prossimo romanzo. Chi saranno i protagonisti? Affrettatevi e lo scoprirete!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close