Review Party: “VISIONI DI SANGUE” di Nalini Singh – ed. Hope Edizioni

Continua la serie paranormal Psy Changeling di Nalini Singh – ed. Hope Edizioni – con Visioni di sangue. Un secondo volume avvincente quanto il primo e per lo stesso motivo imperdibile. Spero di convincervi con le mie parole. Buona lettura.

Titolo: Visioni di sangue
Autore: Nalini Singh
Serie: Psy Changeling #2
Genere: Paranormal Romance
Traduzione: Daniela Mastropasqua
Cover: Angelice Graphics
Data di uscita: 17 maggio 2021

Trama

Addestrata fin da piccola secondo il gelido Protocollo Silence, Faith NightStar è all’improvviso tormentata da oscure visioni di sangue e di morte. Un brutto segno per chiunque, molto peggio per Faith, una Cardinal P-Psy, con l’eccezionale e rara abilità di predire il futuro. Ogni Psy previsore sa che la propria vita è minacciata da una inevitabile follia che sopraggiunge con gli anni, ed è per questo motivo che Faith vive costantemente monitorata, isolata in una sorta di gabbia dorata dalla quale produce le sue redditizie previsioni commerciali. All’inizio, Faith teme che le sconvolgenti immagini di omicidi siano solo l’esordio prematuro della sua malattia, questo finché sua sorella non viene assassinata proprio come nella sua ultima visione. C’è un assassino fra di loro e Faith è determinata a trovare le risposte che nessuno Psy assoggettato al Silence le darebbe. L’unica a cui può rivolgersi è la Psy rinnegata che ora vive con i mutaforma: Sascha Duncan.
Vaughn D’Angelo è un mutaforma capace di assumere le sembianze di un giaguaro ed è lui a trovare Faith, quando lei evade dalla sua prigione dorata per inoltrarsi nella foresta, in cerca di Sascha. Il giaguaro, guidato dall’istinto, vorrebbe rivendicare la rossa Psy da cui è immediatamente attratto, ma Vaughn è una Sentinella e la sua lealtà va al suo Branco e al suo Alfa, non di certo a una gelida Cardinal di cui non può e non deve fidarsi. Una Cardinal che, in ogni caso, non potrebbe ricambiare il suo desiderio, se non rischiando di spezzare gli ultimi fili della propria sanità mentale.

Visioni di sangue è il secondo volume della serie Psy-Changeling. Seppur siano entrambi autoconclusivi le storie si intrecciano grazie alle “relazioni” tra mutaforma e Psy. Infatti essi riescono a convivere, ognuno nel suo ambiente, e collaborare; se ricordate (se non lo avete letto, recuperate Schiavi delle sensazioni) Lucas – Alfa dei mutaforma – incontrò Sascha Duncan proprio grazie a un “incontro di lavoro”; non ci soffermeremo sulla loro storia ma riportarla alla memoria aiuterà in questo secondo volume.

Faith NightStar del Clan NightStar sapeva di essere considerata la P-Psy più potente della sua generazione.

Faith è una Cardinal P-Psy, con la capacità di vedere il futuro; le sue previsioni sono importantissime in campo finanziario ed economico, riuscendo così a ostacolare gli avversari con la proposta migliore. Il suo valore all’interno della Psy è inquantificabile, tantoché per lei è previsto “il salto”: è una dei candidati per il Consiglio. La rete le offre qualche pettegolezzo mentre il padre, Anthony, le fornisce la nefasta notizia dell’assassinio della sorella. Immediatamente pensa, come il genitore, che la morte sia avvenuta per mano di un mutaforma o un umano…

Faith vuole andarci a fondo, soprattutto perché le sue notti sono costellate di visioni oscure e sangue ovunque. Ci sarà qualcosa che non va in lei? Tantissime congetture (compresa la disintegrazione psichica) e voglia di giustizia – e ancora, il chicchiericcio in rete – la guidano verso Sascha, uscita dalla Psy per diventare la compagna di una pantera-mutaforma, l’Alfa dei Dark River. La NighStar si chiede com’è possibile vivere fuori della rete, soprattutto legata a un clan che non ha nulla a che vedere con le proprie origini.

È nel viaggio alla ricerca della ex collega che incontra la sentinella Vaughn D’Angelo. La reticenza di Faith è dovuta dall’assenza di rapporti umani dalla nascita; già, per 26 anni, per proteggere la sua mente così delicata, è stata relegata nella sua proprietà. Inoltre il protocollo Silence – lo stesso al quale è stata sottoposta anche Sascha, come tutti gli Psy – avendo cancellato in ogni soggetto segni di violenza, rabbia, gelosia… affetto e amore, la ragazza ha sempre creduto che quella fosse la sua vita, e lei doveva incarnare la perfezione per la sua “stirpe”.

«Ciao?» provò così. Il grosso gatto si spinse contro la sua gamba, allontanandola dalla macchina finché non rimase sola nell’oscurità della strada, con una creatura molto grande e molto pericolosa a girarle intorno. «Conosci Sascha?» […] Aspettò che il felino la lasciasse andare, cosa che fece con tutta calma: era decisamente maschio. I loro occhi si incontrarono e lei riconobbe in quelli davanti a sé un’intelligenza acuta, potere e furia. Pericoloso e selvaggio, era anche la cosa più esotica che avesse mai visto in vita sua. Era quasi impossibile resistere all’impulso di accarezzargli il pelo così da vicino.

Bastano pochi minuti affinché Faith inizi a sentire un qualcosa che non riesce a spiegarsi, come la voglia di avvicinarsi a un essere pericoloso… che potenzialmente rappresenta il nemico.

Si riconoscono nonostante appartengano a due famiglie diverse; sentono la necessità di avvicinarsi anche se la ragione accende, in entrambi, un campanellino d’allarme: se fosse una trappola? Ma gli incontri con Sascha serviranno a mettere le carte in tavola e a far crescere un sentimento sconosciuto sia in Faith che Vaughn.

Ma a un certo punto Faith dovrà scegliere: sa cosa perde ma non sa cosa potrebbe trovare vivendo con un giaguaro… Seguirà le orme di Sascha o rimarrà ancorata a una vita priva d’amore?

Quando ci si approccia a un secondo volume si ha sempre altissime aspettative, ma anche paura che sia un prodotto copiato e incollato con piccole varianti; seppur in “Visioni si sangue” ci si trovi nella stessa ambientazione, immersi nell’apparente collaborazione tra Psy e Mutaforma, anche la storia di Sascha e Vaughn terrà il lettore incollato per tutto il tempo. Determinati aspetti li si conoscono già, tipo la rete delle stelle e il legame… (spoiler alert! Mi fermo qui) ma la condizione della protagonista, il suo vivere così isolato e la lotta contro le ombre, li troverete così perfetti tanto da essere trasportati su un nuovo set, con i protagonisti di Schiavi delle sensazioni a far da poco più di comparsa ma sempre così determinanti! Vaughn è uno tra i pochi protagonisti, delle mie ultime letture, che sicuramente è impossibile da dimenticare. Ama, dà se stesso per i suoi simili ma soprattutto per la sua donna; si percepisce la forza che impiega per placare gli impeti, la disperazione quando la SUA donna tentenna su una scelta che sembra inevitabile. Un’altra coppia perfetta per una serie che continua a rivelarsi avvincente grazie ai colpi di cena e all’intrigato mondo Psy.

Amo e seguo Nalini Singh in ogni genere. In questo caso fonde la fantasia e la passione come in pochi sanno fare, nel giusto equilibrio; vorrei far notare anche l’ottima traduzione, che non si fa incerta neanche tra le dinamiche complicate delle varie “reti”. Da leggere! SEMPRE (l’evidenziazione la capirete poi).  

Cliccate sull’immagine per visualizzare la recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close