Recensione: “IN VIAGGIO CON L’AMORE” di Nicoletta Canazza (Literary Romance)

Una lettura favolosa su un’altrettanto sfondo da fiaba della bellissima Costa Azzurra, un romanzo che ho scelto personalmente di godere pagina dopo pagina. Nicoletta Canazza ci regala una chicca svolta nei luccicanti anni ’20.

  • Titolo: In viaggio con l’amore
  • Autore: Nicoletta Canazza
  • Editore: Pubme
  • Collana: Literary romance
  • Genere; romance, storico
  • Autoconclusivo; sì
  • Data di uscita: 21 giugno 2021
  • Pagine: 343
  • Kindle unlimited: sì
  • ebook: 1,99
  • cartaceo: 15,20

TRAMA

La Grande Guerra e l’influenza spagnola sono ormai alle spalle; adesso il mondo sembra risplendere come un raffinato abito di Coco Chanel e la vita ha il sapore di una frizzante coppa di Champagne bevuta in Costa Azzurra. I giovani sono mossi da un fermento nuovo, sono disinibiti, audaci, quasi a volersi riprendere quello che il decennio precedente ha tolto loro. Almeno questo è quello che sembra, ma dietro il luccichio abbagliante degli anni ’20, si celano ferite, segreti e sogni che presto sarebbero stati dimenticati. Con uno stile impeccabile, che strizza l’occhio alle atmosfere di Francis Scott Fitzgerald, Nicoletta Canazza, ci accompagna in un viaggio che parte da Londra e arriva ad Antibes per tornare nella campagna inglese, seguendo le vicende di Fanny, audace dattilografa per la Spencer & Gross; Robert, secondogenito di una famiglia molto in vista nonché fratello di William Spencer, il primogenito che ha preso in mano le redini dell’azienda del padre. E… Frances, un’ereditiera dall’oscuro passato.

Se mi chiedessero dove sono stata in vacanza quest’anno, la risposta sarebbe sicuramente ad Antibes, insieme a una nuova amica di nome Fanny, per lavoro e per diletto. In compagnia di In viaggio con l’amore mi sono sentita parte integrante della storia, lo stile dell’autrice è molto elegante e trascina nelle sofisticate descrizioni dei paesaggi blu cielo e verdeggianti del sud della Francia. La storia è ambientata durante gli allegri anni ’20, periodo in cui tutti hanno bisogno di divertirsi, guardare al futuro con più ottimismo dopo la Prima guerra mondiale e l’epidemia di Spagnola, eventi che hanno provocato una spaccatura nella storia e che tutti vorrebbero lasciarsi alle spalle. Un’epoca di grandi novità, voglia di vivere, mutamento nel look femminile, di feste alla Grande Gatsby, nuove idee e progetti.

Si parte dalla piovosa Londra e percorriamo la vicenda di Fanny Dobois, giovane e ambiziosa segretaria della società impegnata nell’aereonautica Spencer&Gross, a cui viene data la notizia di un suo trasferimento verso Antibes, a villa Spencer, per diventare l’assistente della madre di William Spencer, titolare dell’azienda omonima. La nuova prospettiva, quella di stabilirsi nell’assolata Costa Azzurra per un tempo indefinito, non la fa impazzire avendo in mente ben altri traguardi da raggiungere.

Fanny vorrebbe essere qualcosa di più che una semplice dattilografa; ha lasciato pure la sua famiglia allo scopo di realizzarsi e sentirsi responsabile. Oltretutto pare che la signora Spencer sia un’arpia dalle sembianze umane. In effetti tale si dimostra all’arrivo della ragazza, trattandola acidamente, che si rivela di indole severa. Eh sì, di colpo ci troviamo in una bellissima villa e circondati dal lusso e da ospiti che ostentano il loro charme e una vita agiata tra yacht e lustrini. Fra di loro spicca Robert, fratello di William, tipico secondogenito scapestrato che di districa tra belle ragazze e divertenti serate mondane, forse prossimo al fidanzamento con una bella ereditiera straniera. Proprio questo lieto evento movimenta, e agita, le acque in casa Spencer, tanto che lo stesso William è costretto a raggiungere la Francia e soggiornare nella villa di famiglia. Perciò ecco tutti gli attori riuniti nello stesso luogo, protagonisti di uno spettacolo di vita davvero esilarante, coi suoi dubbi e con le sue debolezze.

In tutto ciò Fanny sembra destreggiarsi senza sfigurare neanche un attimo, sotto gli occhi sospettosi, e ammirati, della signora e dei suoi figli William e Robert. Possibile che Fanny spicchi in quel modo affascinante tra di loro essendo solo una semplice impiegata? La ragazza infatti racchiude in sé un’ombra del passato che le fa visita di continuo, vanta inoltre amicizie altolocate, tra cui la misteriosa ereditiera americana Frances, preda di un triste destino.

Una trama fitta e intrigante, ricca di sviluppi romantici, anche divertenti, unito a un velo di sano mistero e un quadro ambientale azzeccato. Man mano che si prosegue nella lettura i personaggi vengono resi sempre più preziosi e interessanti, ben delineati. Fanny è una piccola guerriera, ha carattere e riesce a imporsi sui prepotenti, ovviamente si innamora ma ciò non toglie che combatte per il suo orgoglio.

Anche William e Robert mi sono piaciuti molto; sono caratterialmente agli antipodi e hanno mete differenti, ma entrambi migliori di come vengono descritti all’inizio. Il primo appare freddo e interessato solo al lavoro, cela però una nota di profonda malinconia. Il secondo è un vero latin lover e dedito allo spasso; ispira però simpatia e si dimostra un degno amico.

Assolutamente da leggere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close