Recensione: “I SEGRETI DI UNA LIBRAIA” di Michelle Gable – ed. Newton Compton

Erika Casali ha letto, per A libro aperto, I SEGRETI DI UNA LIBRAIA di Michelle Gable, ed. Newton Compton.

  • Titolo: I SEGRETI DI UNA LIBRAIA
  • Autore: Michelle Gable
  • Editore: Newton Compton
  • Genere: narrativa storica
  • Data pubblicazione: 1 luglio 2021

Trama

La straordinaria vita di Nancy Mitford
Londra, 1942.
 Non sono solo i raid aerei e le spie tedesche a preoccupare Nancy Mitford. Distrutta da un lutto e con il cuore in pezzi, ha scelto di allontanarsi da suo marito, ha abbandonato il sogno di scrivere e non ha neanche un’idea precisa di come farà a mantenersi. La stella che era un tempo, quella brillante giovane in grado di affascinare i salotti con un carisma invidiabile e un umorismo sferzante, sembra tramontata per sempre. Desiderosa di distrazioni e alla disperata ricerca di entrate, Nancy coglie al volo l’occasione di gestire la libreria Heywood Hill, mentre il proprietario è al fronte. Tra i vivaci affari del negozio e gli incontri letterari organizzati per i suoi eccentrici amici, la vita sembra tornare a sorriderle. Ma quando un misterioso ufficiale francese la esorta a raccontare la sua storia, Nancy si trova di nuovo tentata dalla sua più grande passione: la scrittura. Quanto è pericoloso aprire nuovamente il cuore, rischiando di essere ferita ancora? 
Giorni nostri. La libreria Heywood Hill è in fermento per la caccia a un manoscritto della celebre Nancy Mitford, andato perduto durante la guerra. La ricerca, oltre a rivelare dettagli del tutto sconosciuti sulla vita della scrittrice, porterà alla luce insospettabili segreti sepolti nelle pieghe del tempo. Possibile che quelle parole risalenti a un’altra epoca possano avere il potere di legare indissolubilmente il passato e il presente?
Dall’autrice bestseller del New York Times 
Il suggestivo potere di un’epoca storica 
Il fascino di Londra e la magia dei libri

«L’autrice è da bestseller.» 
Il Venerdì di Repubblica 
«Michelle Gable intreccia con grande abilità due linee temporali: quella dell’icona letteraria Nancy Mitford, che cerca di scrivere un romanzo durante i bombardamenti di Londra, e quella di un’autrice dei giorni nostri in piena crisi creativa. Il risultato è un libro meraviglioso, che ogni amante della lettura adorerà!» 
Kate Quinn, autrice del bestseller Fiori dalla cenere 
«Uno splendido racconto, basato sulla vita di un’autrice leggendaria. Michelle Gable è abile nel riempire le pagine di arguzia, mistero e umorismo.» 
Susan Meissner, autrice del bestseller Il segreto di Isabel

Copia digitale gentilmente fornita dalla CE in cambio di una recensione onesta

I segreti di una libraia di Michelle Gable è un romanzo storico che si svolge su due linee narrative, lontane dal punto di vista della temporalità, ma quasi speculari nella struttura e nell’evoluzione emotiva delle protagoniste. La prima ha inizio nel 1942 a Londra, l’altra nel presente negli Stati Uniti, ma si sposta dopo poche pagine nella capitale inglese.

Le narratrici di entrambe le linee narrative sono due scrittrici collegate e unite da diverse caratteristiche: entrambe iniziano a raccontare la loro storia in un momento di crisi della loro vita professionale e personale, credono, infatti, di essere arrivate alla fine della loro carriera, di non avere altro da scrivere e cercano entrambe un’alternativa o comunque qualcosa che le aiuti a pagare le spese quotidiane.

Il destino, o forse la Storia, porta entrambe le donne, Katie e Nancy, alla libreria Heywood Hill: Nancy Mitford a vendere libri durante i bombardamenti nazisti su Londra e a condurre salotti letterari notturni con personaggi di spicco dell’ambiente letterario e mondano dell’epoca. La narratrice dell’altra linea temporale viaggia a Londra per andare a trovare un’amica per superare un periodo di transizione della sua vita che tocca tutte le sfere della sua esistenza. La visita alla libreria di Heywood Hill la riporta in contatto con la figura di Nancy Mitford sulla quale aveva scritto la tesi.

Le due linee narrative si intrecciano e si specchiano l’una nell’altra sia per quanto riguarda l’evoluzione personale delle due scrittrici, sia per quello che riguarda quella sentimentale. In entrambe le narrazioni ci sono misteri da risolvere che hanno a che fare con la Storia e con le vicende personali di Nancy che trascendono il passaggio del tempo e hanno conseguenze anche nel presente di Katie.

Arrivata alla fine del romanzo, che si legge in fretta e con grande facilità, i miei sospetti iniziali hanno avuto conferma: si tratta di un romanzo storico ispirato a personaggi e fatti reali. I fatti li conosciamo tutti e stiamo parlando della Seconda Guerra Mondiale e del bombardamento di Londra. Quello che io non conoscevo erano i personaggi e il loro coinvolgimento personale.

Per esempio, Nancy, è stata davvero una scrittrice e ha davvero lavorato nella libreria di Heywood Hill e questo potrebbe quasi definirsi una sua biografia. I romanzi che vengono citati sono stati davvero pubblicati e si possono leggere; trovo questo dettaglio molto curioso e interessante e, devo essere sincera, voglio saperne di più su questo personaggio particolare, eccentrico e affascinante.

Fin da adolescente sono stata abbagliata dalla vita degli scrittori, soprattutto delle scrittrici, di quell’epoca in cui scrivere era ancora un mestiere per pochi e portava onori, oltre una certa aurea di mistero e ispirazione. Qui ritrovo le stesse atmosfere letterarie e di discussione impegnata, ambiente culturale e un po’ sregolato che ammantava di mistero anche la Parigi di inizio 1900.

Michelle Gable si è approfittata di una lacuna lasciata dalle biografie dedicate alla vita di Nancy Mitford per scavare in un periodo della sua vita che non era stato esplorato e che, parole sue, “era molto allettante per ambientarci un romanzo.”

Nel romanzo sono citate anche delle lettere autentiche scritte dalla stessa Nancy che conducono Katie alla scoperta dell’esistenza di un misterioso manoscritto inedito.

Questo romanzo è stato scritto non con finalità biografiche, ma per dare voce alla “personalità spettacolare e all’arguzia di una delle autrici più sottovalutate del XX secolo.”

È un romanzo da leggere se vi affascinano i movimenti culturali e letterari della prima metà del ‘900, se avete voglia di conoscere una nuova scrittrice, o almeno io non conoscevo Nancy Mitford, se desiderate una storia sentimentale e di impegno con cui passare delle ore molto piacevoli scoprendo fatti storici e immergendovi nella Storia senza alcuno sforzo.

Non sono sicura se affermerei con sicurezza che si tratta di un romanzo storico; l’ambientazione lo è senza ombra di dubbio ed è curata e realistica per quanto mi riguarda. Trovo che sia un romanzo di formazione e crescita, condito di tutto quanto la vita ha da offrire.

La parte ambientata nel passato ogni tanto si fa ostica a causa dei numerosi nomi che si intrecciano nella narrazione e della narrazione basata soprattutto sul dialogo che rende la lettura a tratti frammentaria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close