Segnalazione: “UN’ADORABILE BUGIARDA” di Mariangela Camocardi

TITOLO: UN’ADORABILE BUGIARDA

AUTORE: Mariangela Camocardi

EDIZIONE: MC Books 2021

GENERE: Romance storico. 18

SOTTOGENERE: Misunderstanding.

AMBIENTAZIONE: Milano – Parigi

PAGINE: 295 cartaceo.

SINOSSI

Quanto vale una bugia se alla fine è l’amore a vincere?

Più che un incontro, tra Elisa e Giles è stato uno scontro. Lei detesta i napoleonici che hanno conquistato la sua terra, e lui è un francese arrogante, convinto di poter arraffare tutto, persino lei.

Eppure le loro strade si incrociano di nuovo, e dalla locanda in cui Elisa serviva, si ritrova a frequentare i salotti più esclusivi di Milano, come una dama del bel mondo.

Inimmaginabile!

Esattamente come le notti infuocate che lui, l’aristocratico ufficiale francese entrato di prepotenza nel suo destino, le fa vivere.

ESTRATTO

— Lasciatemi andare! — protestò Elisa, puntando i piedi.

De Ronsard non l’ascoltò, strattonandola come un sacco di patate.

— Siete sordo, dissoluto che non siete altro? Vi divertite a maltrattare le donne? Non voglio venire con voi! Dove, poi? Chi vi autorizza a sequestrarmi?

— Mi devi una spiegazione, non pensi? — replicò lui, senza mollare la presa.

La sua cinica indifferenza risultò più spaventosa dell’ira che l’aveva preceduta. — Non vi devo un bel niente! — Urlò, sferrandogli un calcio negli stinchi.

Giles si arrestò di colpo, la prese per la vita e la sollevò fino ad avere gli occhi di lei all’altezza dei suoi. — Stammi bene a sentire, puttanella sfrontata, perché non lo ripeterò. Mi obbedirai senza fare storie, dandomi tutte le risposte che mi sono dovute. E ti consiglio di non procurarmi ulteriori fastidi, o torcerò quel tuo esile collo con un entusiasmo di cui non mi riterresti capace! Sono un gentiluomo, ma potrei scordarmene e dartele di santa ragione, se mi fai perdere del tutto la pazienza…

— Lasciatemi! — Lo interruppe, divincolandosi rabbiosamente.

— Chiudi il becco, e non sfidare il mio limite di sopportazione, già messo a dura prova dal tuo irresponsabile comportamento.

— Il mio comportamento, eh? E il vostro come dovrei definirlo, monsieur?

— Zitta, per Dio!

Quell’ingiunzione secca e l’occhiata truce che le scoccò la fecero ammutolire d’incanto, mentre veniva rimessa giù, sospinta sulla strada in modo rude, e poi fatta salire su una carrozza, all’interno della quale c’era il suo compagno.

— L’affido a te, Jean. Rinchiudila al sicuro fino al mio ritorno, e attento che non se la svigni! — gli ordinò, sbattendole villanamente in faccia lo sportello.

— Dove vai? — gli chiese Jean, osservandolo accigliato.

— Da Agnès, naturalmente!

— Supposto che i de Janvry ti ricevano.

Giles abbozzò una smorfia. — Lo faranno, puoi giurarci, e spero anche di rimediare al disastro che questa poco di buono ha provocato — fu la sua brusca risposta.

Poi sparì e il veicolo si avviò lentamente verso chissà quale destinazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close