Recensione: “TU SEI IL MIO MEGLIO” di Malika Drapers

Una bellissima recensione per un romanzo che merita davvero ogni parola di Daniela Tess. Su A libro aperto Malika Drapers con TU SEI IL MIO MEGLIO.

  • AUTRICE: Malika Drapers
  • TITOLO: Tu sei il mio meglio
  • GENERE: Sport Romance/Enemies to Lovers Autoconclusivo
  • PREZZO EBOOK: 1,99
  • PREZZO CAERTACEO: prossimamente
  • PAGINE: 350
  • DATA USCITA: 23 agosto

Trama

Lui è la punta di diamante della squadra di basket e colleziona ragazze, Lei buoni voti e cerca di passare inosservata.

Lui proviene da una famiglia disastrata, Lei vive nella zona più ricca della città e ha una famiglia perfetta.

Due persone ai poli opposti ma… Lontani sono un casino, insieme sono perfetti.

Jayden Lee è il cestista di punta della Great Fall University, il giocatore di basket più bravo che la facoltà abbia mai visto.

La sua vita è fatta di feste universitarie, trionfi in campo e ragazze, molte ragazze.

Agli occhi di tutti è quello di successo, bello e superficiale: senza un cuore. Dietro la porta di casa sua, però, nasconde un grosso segreto, uno di quelli che ti riducono in piccoli frammenti e ti cambiano.

L’unica persona che ama davvero è la piccola Jayla, la sua sorellina di cinque anni di cui si prende cura come un padre.

Dal lato opposto della cittadina universitaria, nella zona più ricca di Great Fall, vive Lexi Williams.

Di famiglia benestante, è la classica ragazza della porta accanto. Solare, gentile allegra e semplice.

Divide il suo tempo libero con le sue quattro migliori amiche; conosce Jayden Lee di fama, ma non pensa le loro strade si incroceranno mai fino alla sera in cui lui non invita a uscire la sua amica Kitty.

Lexi tenta di dissuaderla conoscendo il tipo, ma Kitty è irremovibile e, quando l’amica si ritrova con il cuore infranto, Lexi decide di giocare un bello scherzetto a Jayden Lee per ripagarlo con la stessa moneta.

Peccato che…

Quella vendetta le si ritorcerà contro perché, da quel momento in poi, Jayden non avrà altro scopo se non quello di convincerla a uscire con lui.

Due vite all’apparenza impossibili da fare combaciare, due ragazzi che non potrebbero avere nulla in comune, eppure…

Jayden tenterà qualsiasi strada per convincerla, Lexi proverà ogni scappatoia per sfuggirgli perché… Non può innamorarsi di lui, perché Jayden Lee non ha un cuore, o almeno così sembra.

Copia gentilmente fornita dall’autrice in cambio di una recensione onesta

«Dammi tutte le tue lune storte, le trasformerò in soli. Cadi pure dalle nuvole, ma fallo tra le mie braccia.»

Non conoscevo questa autrice ma solo leggendone la trama mi ha talmente incuriosito che, complice l’estate e la voglia di letture spensierate, ho deciso immediatamente di immergermi in questa sua storia. La trama  del romanzo in realtà sembra un classico del genere, che io adoro: la brava ragazza, seria, studiosa che impatta con il bello e dannato dello sport, in questo caso il basket.

Era il ragazzo più desiderato del liceo e, adesso, è il più desiderato dell’università e, come da copione, il capitano della squadra di basket e una sorta di astro nascente. Tutti sanno chi è.

Devo dire che se nella  primissima parte si percorre un sentiero già battuto, riuscendo comunque a coinvolgere il lettore, è nella seconda parte che l’autrice dà la svolta e sorprende con qualcosa di meno scontato ma drammatico e che offre spunti di riflessione su temi purtroppo attuali come le molestie sessuali. All’inizio della storia conosciamo subito Jayden, stella nascente del basket, una carriera da seduttore incallito. Esce con una ragazza diversa ogni sera, non le illude e non le ama: per lui sono solo avventure dato che non ha un cuore da dare. Il suo lo ha perso anni prima, in un passato doloroso e drammatico che scopriremo pian piano e che è la zavorra con cui deve continuamente fare i conti; i resti del suo cuore spezzato li possiede solo Jayla, la sua sorellina,  l’unica che può vantarsi di conoscere il vero Jayden, colui che è quando smette la maschera del duro e del mascalzone.

Non posso spendere i miei soldi in queste stronzate e non ho interesse a condividere con nessuno le condizioni della mia vita. Tanto nessuno capirebbe e a nessuno importa. Dono loro quello che vogliono, la notte di sesso più bella della loro vita con l’atleta che hanno idealizzato. Il resto è fumo, non conta.

L’avventura di una sera, tale Kitty, si trasforma in un problema: la ragazza si infatua talmente tanto di lui da cominciare a tampinarlo, quasi a stalkerizzarlo con grande disapprovazione delle amiche, tra cui compare la seria e viziata figlia di papà Lexi. Quest’ultima, dopo che il capitano della squadra di basket ha scaricato senza tante scuse la sua amica, decide di rendergli pan per focaccia. Approfittando della proposta di un appuntamento da parte di Jayden, che non si fa problemi a cambiare amiche come cambia magliette, lo umilia in pubblico facendo capire a tutti di avergli dato buca. Questo atteggiamento invece di indispettire il ragazzo lo spinge solo a insistere per uscire con la ragazza dal caratterino tutto pepe e dall’aspetto semplice ma avvenente; inizia così un lungo tira e molla: lui sarà sempre più attratto dalla reticenza di quella ragazza che abita in un “quartiere bene”,  a differenza sua; lei  invece deciderà di  ignorarlo perché lo considera un idiota senza cuore. Ma non solo Jayden si nasconde dietro i suoi muri ad affrontare l’inferno, anche la vita perfetta di Lexi si sgretola sotto i colpi di un segreto che lei non avrebbe mai immaginato.

Ho visto in lei le mie stesse crepe e so quanto si soffre… Ho visto lei, l’ho vista dentro ed è stato come vedersi in uno specchio e mi sono sentito meno solo. Anche io custodisco un segreto. Lo conosco solo io insieme alle altre due persone coinvolte. Un segreto che ti fa a pezzi, ti distrugge, ti trasforma, ti cambia. Un segreto che avrei voluto condividere con il mondo per liberarmi dallo schifo, perché il responsabile pagasse. Invece l’ho tenuto per me. Ho scelto di sopportarne il peso. Da solo. L’ho fatto perché i più deboli non dovessero pagare per la mia vendetta, una rappresaglia che, a me, non avrebbe restituito nulla. È qualcosa che mi ha strappato il cuore e che, forse, non mi potrà mai più essere reso, che fino a stanotte mi ha fatto sentire completamente solo.

Le reciproche ferite e i colpi ricevuti, così simili, avvicineranno pericolosamente i due ragazzi. Ma il percorso verso la felicità è una strada lunga e tortuosa fatta di numerosi colpi di scena e ostacoli che dovranno affrontare. Devo dire che la storia è molto fresca e coinvolgente, mi ha soddisfatto pienamente anche se nella seconda parte perde un po’ la leggerezza dello sport romance  e del romanzo YA per diventare più profonda e anche seria: la Drapers, mentre dipana davanti a noi la matassa di una dolcissima e toccante storia d’amore tra due cuori feriti e molto simili, ci trascina nell’inferno delle molestie, dell’alcolismo, degli abusi e dei drammi familiari. Lo fa con efficacia e credibilità, permettendo ai suoi personaggi di non restare negli stereotipi del genere ma di crescere e maturare in un modo che ho molto apprezzato. Devo dire che ho amato molto il protagonista, fino alla fine: non posso rivelare troppo ma davvero a mio parere non ha compiuto passi falsi, una volta deciso che ciò che voleva era Lexi. Commovente il suo rapporto con la sorella, alla quale fa praticamente da padre; felicissima di cosa gli riserverà l’autrice per il futuro.

«Dimmi che noi è tutto, Lexi. Dimmi che mi vuoi, nonostante tutto. Dimmi che noi è più importante di quanto io possa farti incazzare, urlami contro, prendimi a male parole, dimmi che sono un idiota, sfogati, ma poi dimmi che mi vuoi perché qualsiasi lite, qualsiasi incomprensione, qualsiasi problema non sarebbe mai come l’inferno in terra di noi divisi. Dimmi che ieri stavi male come me, che ti mancavo così tanto da sentire un piccolo vuoto dentro, come quando ti manca un pezzo di cuore e non lo trovi più. Urlami che i tuoi occhi nei miei sono la cosa più bella che hai, che non esiste nell’universo qualcosa di prezioso come noi uniti, noi contro tutti, noi che siamo fatti per stare insieme, noi che dobbiamo stare insieme. Dimmi che ieri notte non riuscivi a dormire al pensiero di essere incazzata con me, dimmi che mi credi e che non ti faccio più paura perché lo sai, Lexi, che io sono tuo come non sono mai stato di nessuna, tu sei il mio meglio.»

Per quanto riguarda la protagonista, pur apprezzandola molto, devo dire che alcune sue reazioni mi hanno lasciato perplessa ma capisco che fossero funzionali ovviamente alla trama e allo svolgersi degli eventi. Nel corso della storia maturerà e mi piace la determinazione e il coraggio che mostrerà fino alla fine, quando lotterà come una leonessa per il suo amore, nonostante scappare fosse certamente la soluzione più facile.

È lui il mio dono. Prima di lui non sapevo cosa volesse dire amare qualcuno. Lui me l’ha insegnato. Prima di lui credevo di essere felice, ma mi mancava un pezzo. Prima di lui non ero intera.  

Molto ben caratterizzati anche gli altri personaggi: su tutti ho adorato Mavis, amica leale, intelligente  e sincera. Non so se sono pazza ma la sua saggezza mi piacerebbe che facesse capitolare un altro sciupafemmine, Price; chissà se l’autrice realizzerà questo mio sogno? Bello il gruppo di amiche, la solidarietà e la vicinanza che avranno per Lexi e felice dell’evoluzione del personaggio di Kitty che all’inizio risulta giustamente insopportabile ma che si riscatterà alla fine. L’ intreccio, come già detto, risulta intrigante e coinvolgente, la scrittura fluida e scorrevole. Si divora velocemente perché si è molto curiosi di capire come questi due opposti riusciranno a stare insieme. Le scene d’amore sono sensuali ma senza essere volgari. Un’opera prima, se ho capito bene, che mi sento di consigliare non solo a chi ama il genere ma anche a un pubblico più adulto, come me, perché l’autrice sa mescolare il genere sport romance con riflessioni  e temi più drammatici e maturi. Nota a parte per le bellissime frasi del libro, a un certo punto non sapevo quali citazioni prendere talmente ne è ricco. Spero che possano arrivare altre storie dal mondo di Great Fall e intanto faccio i miei personali complimenti e il mio più sincero in bocca al lupo a Malika che spero di ritrovare presto in un’altra, emozionante storia.

Esistono toni di grigio che si mischiano ai bianchi e ai neri, quei momenti che stanno in mezzo e sono la vera parte della storia, quelli dove sembra non accadere nulla e succede tutto, perché non serve un motivo o un evento, positivo o negativo che sia, per stare insieme. È necessario solo il bisogno di esserlo, insieme. Quando succede questo miracolo, è amore e non te lo chiedi nemmeno se nel mondo possa esistere un’altra persona, tu hai la Persona e, se guardi davanti a te, non puoi vedere un mare di possibilità inesplorate, vedi Lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close