Blog Tour – Recensione: “GLI INDESIDERABILI” di Elisa Mura – ed. Segreti in giallo

Inizia oggi il Blog Tour dedicato a GLI INDESIDERABILI – ed. Segreti in giallo edizioni – della nostra Elisa Mura. A libro aperto ha l’onore di aprire l’evento con la recensione di Ilaria Mossa. Buona lettura!

  • Titolo: GLI INDESIDERABILI
  • Autore: Elisa Mura
  • Casa Editrice: PubMe, collana Segreti in giallo edizioni-Belle Epoque
  • Data pubblicazione: 13 settembre
  • Pagine: 286

Trama

Nella fiorente Parigi della Belle Époque si intersecano le vicende di tre ragazzi che hanno in comune un’inspiegabile caratteristica: un dono particolare, un potere che li rende prede di pregiudizi e fanatici.

Michel, bruttino ma di buon cuore, è in balìa di una madre vanitosa finché non viene lasciato al suo destino. La sua carta vincente è l’enorme talento nell’arte della raffigurazione.

Emma, una gitana cresciuta da distratti attori girovaghi, danza e finge di predire il futuro per creduloni, ma in realtà proprio questa finzione la porta a scoprire di cosa è davvero capace.

Vicken è l’ambizioso figlio di un illusionista ungherese di successo, che si applica per diventare il degno successore di suo padre, addirittura auspica a superarlo, ma combina un disastro dietro l’altro, fino a quando il destino non gli fa dono di una insperata soluzione.

Un romanzo tra fantasia e storia, tra arti arcane e nascenti, tra invenzioni e trucchi di magia, tra efferati omicidi e misteriosi uomini in nero.

Questa è la storia di tre ragazzi diversi ma con un dono in comune. Un dono che li renderà tanto speciali quanto indesiderati. Ho amato tutti e tre i personaggi, Elisa li ha saputi caratterizzare alla perfezione. Con uno stile semplice e accattivante, l’autrice vi trasporterà in un’emozionante avventura.

Era come se gli venisse naturale, quasi fosse nato per far scorrere la matita sul foglio.

Abbiamo Michel, un ragazzo con un’infanzia difficile. Sua madre, una donna bellissima e ballerina di cabaret, non ha mai accettato l’aspetto poco aggraziato del figlio tant’è che si vergognava a mostrarsi in giro con lui. Michel, così, cresce senza amore e, per colpa del compagno di sua madre che lo ripugna, finisce in orfanotrofio. Michel, si potrebbe dire, è stato un “indesiderabile” già dalla nascita. La sua esistenza però prende una piega diversa quando conosce Gerard Gaumont, un artista che gli fa scoprire la passione per il disegno. Michel grazie a un foglio, una matita e del carboncino viene a conoscenza del suo dono, il più potente e anche il più pericoloso: ruba l’anima dei soggetti raffigurati.

Non sapeva neppure lei che cosa stesse succedendo, ma al tocco provò una forte sensazione di calore in tutto il corpo.

Poi abbiamo Emma, una gitana dall’aspetto selvaggio e malconcio con la passione per la danza. I suoi genitori, persone distratte e attori girovaghi, convinsero la figlia all’età di dodici anni a leggere il futuro con inganno. È in questo modo che Emma scopre il suo dono. Quando un giorno si decide a stringere anziché sfiorare la mano di una vedova addolorata, avverte una sensazione di calore, nella sua mente appaiono delle immagini, le sue orecchie odono delle voci. Emma, con un solo tocco, può scorgere i desideri più nascosti delle persone.

Questa volta c’era qualcosa di diverso, sentiva una forte energia scorrergli sotto la pelle.

Infine, abbiamo Vicken, un ragazzo dai lineamenti perfetti e sensuali, capace nella danza e nell’arte della seduzione ma impacciato nei gesti e nell’orientamento. Figlio di un eccezionale mago, non ha ereditato nessuna qualità illusionista. Anzi, quando prova a emularlo combina solo guai. Dopo vari buchi nell’acqua, decide di rinunciarvi e solo allora scopre il suo dono: può far fluttuare qualsiasi cosa con la forza del pensiero.

Sarà nella fascinosa Parigi durante la Bell’Époque che i destini dei tre protagonisti si incroceranno, come attratti gli uni dagli altri. Intrighi amorosi solleciteranno i loro cuori e dei misteriosi omicidi sconvolgeranno la capitale. Non si sa chi ne sia l’artefice ma una cosa è certa: la scritta Indésirable compare in ogni luogo del delitto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close