Recensione: “IL FUOCO DEL MIO AMORE” di Joanna Wylde – ed. Newton Compton Editori

La nostra Daniela Tess ha letto, per A libro aperto, IL FUOCO DEL MIO AMORE di Joanna Wylde, ed. Newton Compton Editori.

  • Titolo: Il fuoco del mio amore
  • Autrice: Joanna Wylde
  • Editore: Newton Compton Editori
  • Data di pubblicazione: 28 marzo
  • Pagine: 434

Trama

Reaper’s Series
Autrice bestseller del New York Times

Il club viene prima di tutto. I ragazzi sono la mia famiglia. E ho vissuto secondo le loro regole per tutta la vita. Non ho mai avuto problemi a pensare che avrei potuto morire per difendere l’onore dei miei fratelli Reaper. Perché ci siamo sempre coperti le spalle a vicenda. Poi ho incontrato lei. Tinker Garrett è bella, leale e… si merita un brav’uomo. Qualcuno che possa darle tutto sé stesso. Vorrei essere io, ma la mia famiglia ha bisogno di me. Ci aspetta un altro lavoro, un’altra battaglia. E tutto quello che ho detto a Tinker sono solo bugie, a partire dal mio nome. È solo questione di tempo prima che si accorga di chi sono veramente e mi volti le spalle. Spero solo di essere pronto, quando accadrà.

Copia gentilmente fornita dalla CE in cambio di una recensione onesta

Il fuoco del tuo amore è il sesto libro della Reaper’s series dedicata ai motociclisti belli e dannati che ben conosciamo. Questo qui, in particolare, è il capitolo dedicato a Gage. Abbiamo già incontrato Gage nel precedente volume, quando era arrivato a Hallies Falls con Painter, a svolgere una missione per conto del club. Ero molto curiosa di sapere come fosse finita quell’avventura e, soprattutto, come si fosse sviluppata la sua attrazione per la bella pasticciera Tinker.

Cooper Romero era uno da tenersi stretto e non perché fosse sexy… anche se il fatto che fosse sesso fatto uomo – e che uomo – non diminuiva di certo il suo fascino

Gage, per portare a termine il suo piano, ha dovuto indossare dei panni non suoi e fingersi un altro, un certo Cooper, separato e con due figli. In realtà lo scopo dell’uomo è spiare un club concorrente che ha cercato di “fregare” lui e i suoi compagni. I motociclisti, soprattutto i Reapers, sono come una grande famiglia: lealtà e onore caratterizzano i rapporti. A volte, per difendere se stessi e seguire il loro codice morale, non esitano a menar le mani o ad usare la violenza ma è sempre a protezione del club e dei suoi componenti. Anche Gage è così: bello, muscoloso, aitante e onesto con i suoi principi. Giunto a Hallies Falls, trova un lavoro temporaneo come tuttofare della bella Tinker. Subito i due si sentono molto attratti l’uno dall’altra ma non possono dar sfogo a questa passione: lui perché, come spia per conto dei Reapers, deve fingere di avere una relazione con Talia, sorella del capo della banda di motociclisti che vogliono smascherare. Lei perché, fresca di separazione e reduce dalla perdita straziante di una figlia, e con suo padre malato, non vuole soffrire ancora.  

Lunghe, esili dita con uno smalto rosso acceso si allungarono per reggersi al bancone mentre la donna più sexy e attraente che avessi mai visto si alzava e mi sorrideva. Sì, era stata una cattiva idea. Avevo già visto Tinker Garrett in lontananza una volta – il mio fratello di club, Painter, e io l’avevamo notata mentre svuotava il cofano di una fantastica Mustang decappottabile rosso
Aveva i capelli neri e la frangetta e indossava un top attillato che in qualche modo riusciva a sembrare contemporaneamente puritano e seducente.

Ma si sa, paglia e fuoco non possono stare a contatto senza bruciare… cosa farà Gage, seguirà l’onore che gli impone di dedicarsi alla missione del club o i suoi istinti che lo portano da Tinker? Ben presto si renderà conto che la donna non è una semplice avventura ma potenzialmente qualcosa di molto più profondo. E anche la donna, come reagirà quando scoprirà di essere stata ingannata e di non conoscere affatto l’uomo di cui si è infatuata?

Reapers erano uno sciame rumoroso ed estroverso d’amore che aveva costruito una fortezza protettiva intorno a chiunque vi appartenesse e mi resi conto che includeva anche me, includeva anche papà e la signora Webbly.

La Wylde ha costruito un’altra trama molto interessante e originale mescolando elementi di fantasia con eventi reali, come il famoso incendio che aveva davvero colpito quella zona degli Stati Uniti. Ho ritrovato con piacere alcuni componenti dei Reapers, come Picnic, il capo, Hunter e Painter; i nuovi personaggi sono stati ben tratteggiati dall’autrice che ha fatto un buon lavoro di introspezione psicologica; tuttavia la storia di Gage e Tinker mi ha coinvolto meno rispetto alle tre precedenti; ovviamente un calo fisiologico è naturale, anche nel lettore, ancor più in una serie che ha offerto finora romanzi di altissimo livello, uno meglio dell’altro. Se obiettivamente ho trovato questa trama intrigante e piena di colpi di scena, l’ho percepita anche meno romantica rispetto alle ultime, con un finale però davvero sorprendente e originale che mi ha fatto sorridere. Tutta la disputa con il club avversario è risultata alla fine leggermente prevaricante rispetto alla storia d’amore che a volte è rimasta troppo sullo sfondo; quest’autrice ha comunque, oltre il grandissimo merito di scrivere in maniera scorrevole e con un linguaggio semplice ma d’effetto, la capacità di farmi leggere e apprezzare un genere che non è stato finora nelle mie corde, riuscendo a regalarmi sempre belle emozioni e delle ore di piacevole evasione. Consiglio la lettura di questo libro a tutti coloro che hanno letto e apprezzato i precedenti, soprattutto il quinto capitolo che va a completare, in un certo senso. Lo consiglio a coloro che amano gli intrecci ricchi di colpi di scena, adrenalina e suspence; a chi adora l’avventura e anche i misteri da risolvere. Dovrebbero leggerlo anche coloro che non disdegnano le storie passionali e molto sensuali. Inutile dire che aspetto gli altri romanzi, ormai i Reaper’s sono diventati di famiglia e ho bisogno di aggiornarmi periodicamente su di loro e sulle loro vicissitudini!

Tinker si voltò verso di me, sorridendo in un modo così bello da far male e in quel momento feci un giuramento. L’avrei protetta. Per sempre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close