Segnalazione: “IO, MIO PADRE E LE FORMICHE” di Rosella Postorino – ed. Salani Editore

Dall’autrice vincitrice del Premio Campiello
un discorso a cuore aperto rivolto agli adulti di domani,
un’ode alla curiosità e alla cultura che rende liberi,
a prescindere dallo stato sociale di partenza

Rosella POSTORINO

IO, MIO PADRE E LE FORMICHE
Lettera ai ragazzi sui desideri e sul domani

Pagine: 112 – Prezzo 13,90 €
In libreria dal 28 aprile

«Il 15 giugno di tre anni fa, in una piazza del Campo affollatissima, da un palco lessi il mio discorso d’augurio ai neolaureati dell’Università di Siena, in qualità di ex studentessa dell’ateneo. Quando nel 1996 ero partita con mio padre per immatricolarmi, e in macchina avevamo cantato insieme Lucio Dalla, mai avrei immaginato che sarei tornata lì, anni dopo, per raccontare la mia storia a migliaia di ragazzi sulla soglia del futuro».

In quell’occasione Rosella Postorino ha detto loro quale privilegio fosse stato per lei la possibilità di studiare, e di permettersi di sognare di fare la scrittrice. Li ha pregati di rifuggire dalla semplificazione, di provare a indossare i panni degli altri, di sentirsi sempre in difetto di conoscenza, ma soprattutto di non aver paura di inseguire i propri talenti.
Quasi tre anni dopo, quel discorso si amplia, si arricchisce: idealmente si rivolge di nuovo a quei ragazzi, e in modo indiretto agli adulti che vivono accanto a loro. Parla di fragilità e di forza, della ricerca maldestra della felicità, e anche dell’amore. Delle domande cui, forse, non c’è risposta. Ma che non dovremmo mai smettere di farci.
Un libro ispirato e d’ispirazione che raccoglie riflessioni profonde sui temi più importanti della vita di chiunque, non solo dei ragazzi chiamati ad affrontare un rito di passaggio. Una lettera a cuore aperto, sincera, personale, eppure universale, scritta con l’intenzione di essere un incoraggiamento, o una carezza.

«Un libro per tutti coloro che hanno attraversato i propri riti di passaggio – la laurea, la maturità, l’ingresso alla scuola superiore, il primo bacio, la prima volta, la perdita di una persona che amavano – senza autentiche celebrazioni. E per tutti coloro che i propri riti di passaggio devono ancora attraversarli».

Rosella Postorino (Reggio Calabria, 1978) ha vinto il Premio Campiello con il romanzo Le assaggiatrici (Feltrinelli, 2018), che si è aggiudicato anche i premi Rapallo, Pozzale Luigi Russo, Vigevano Lucio Mastronardi, Chianti, Wondy, Sogna Lib(e)ro e, in Francia, il Prix Jean Monnet, è stato Libro dell’anno per i gruppi di lettura di Fahrenheit Radio Tre, è tradotto o in corso di traduzione in più di trenta lingue e diventerà un film. Gli altri suoi romanzi sono La stanza di sopra (Neri Pozza, 2007; Feltrinelli, 2018; Premio Rapallo Opera Prima), L’estate che perdemmo Dio (Einaudi, 2009; Feltrinelli, 2021; Premio Benedetto Croce e Premio speciale Cesare de Lollis) e Il corpo docile (Einaudi, 2013; Feltrinelli, 2022; Premio Penne). Per Salani ha pubblicato il libro per ragazzi Tutti giù per aria (2019).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close