Recensione: “LA CASA SUL MARE” di Louise Douglas (Newton Compton)

De “La casa sul mare” ci parla subito la nostra monella Monica, che ha trovato il romanzo intrigante pur con qualche riserva. Leggete con attenzione la sua opinione…

  • La casa sul mare
  • Louise Douglas
  • Newton compton editor
  • Data di uscita: 6 maggio 2021
  • 334 pagine
  • Kindle €4,99
  • cartaceo copertina rigida € 9,40

Sinossi

Le stanze del passato nascondono segreti…
Quando la suocera di Edie, Anna DeLuca, muore, lei sente che un capitolo doloroso della sua vita si è concluso. Edie ha sempre incolpato Anna dell’incidente che ha distrutto la sua famiglia. Ma la porta sul passato non si è ancora definitivamente chiusa: una clausola del testamento di Anna spinge Edie a partire per la Sicilia e a raggiungere la Villa della Madonna del Mare, da tempo abbandonata. Una volta arrivata, Edie comincia a sospettare che Anna si stia intromettendo dall’oltretomba per cercare di riunire lei e il suo ex marito Joe ed è quindi determinata a lasciare l’Italia il prima possibile. Prima che possa farlo, però, la villa inizia a svelare i suoi misteriosi segreti…
Chi sono le ragazze accanto ad Anna nelle sue foto d’infanzia, e perché il volto di una di loro è stato cancellato? Qualcuno, o qualcosa, vuole che i segreti del passato rimangano sepolti? La villa è un luogo dove i fantasmi si sentono a casa, ed Edie e Joe devono gestire la faccenda dell’eredità, se vogliono lasciarsi tutto quanto alle spalle…

Mi ispirava tantissimo: il mistero è il mio pane, ma non posso dire che questo libro non abbia pecche. Bella la storia e lo sviluppo, ti fa entrare nel mood “sospetto di tutti ma di una persona in particolare”.

Ma cosa cela questa casa sul mare, o meglio, questa villa?
Ragni, erbacce, tombe di bambini morti, fantasmi e un mistero che avvolge Anna, la suocera di Edie e mamma di Joe.


La nostra protagonista è una donna che ha perso il figlio, Daniel, e ne dà tutta la colpa alla suocera. Addirittura ci gode quando quest’ultima muore. Chiamata insieme al suo ex marito a visionare la vecchia villa in Italia, precisamente in Sicilia, lasciata loro in eredità, essa storce il naso; sa che è tutta una farsa ordita dalla suocera prima di morire. Cosa troveranno in questa villa ormai abbandonata all’usura del tempo?


La malavoglia e la scontrosità è di casa, una protagonista che non vuole vedere al di là del proprio naso, e, molte volte, davvero troppo antipatica per non alzare gli occhi al cielo dal testo ogni cinque minuti. Tuttavia il libro lo promuovo per la trama, semplice e anche parecchio intuitiva ma scorrevole.


La cosa che mi ha dato più noia è come l’autrice si sia informata molto poco su noi italiani descrivendoci zozzoni, puzzolenti e pericolosi. Ogni negozio visitato aveva odore di sudore, spazzatura e muffa. Ogni persona era sospettata di essere mafiosa o violenta e, ovviamente, non ci siamo fatti mancare il marito violento e la pazza con il fucile: “tipici” dell’Italia.

Cara autrice devo comunicarle che non siamo tutti così.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close